William Husel: la difesa chiede l’annullamento del processo in caso di medico dell’Ohio accusato di omicidi multipli legati alla presunta prescrizione eccessiva di antidolorifici



CNN

L’avvocato difensore di un medico dell’Ohio accusato di aver prescritto farmaci antidolorifici a più pazienti prossimi alla morte ha chiesto l’annullamento del processo lunedì, affermando che alcune osservazioni dei pubblici ministeri durante le discussioni conclusive implicavano che la difesa deve sostenere un onere della prova.

L’avvocato difensore Jose Baez ha affermato che i pubblici ministeri hanno l’onere di provare la colpevolezza e la difesa non deve provare nulla.

L’imputato, William Husel, deve affrontare 14 accuse di omicidio relative alle accuse di aver prescritto l’oppioide fentanil in dosi “progettate per accelerare la morte dei pazienti che erano in cura”, hanno detto i pubblici ministeri quando Husel è stato incriminato nel giugno 2019. Inizialmente era incriminato per 25 capi di imputazione per omicidio, ma a gennaio – circa un mese prima dell’inizio del processo – 11 dei 25 capi di imputazione a suo carico sono stati archiviati. Husel si è dichiarato non colpevole.

Husel ha lavorato presso il Mount Carmel Health System a Columbus. È stato licenziato il 5 dicembre 2018. Secondo l’accusa, i decessi dei pazienti sono avvenuti tra febbraio 2015 e novembre 2018.

Nel sostenere un errore giudiziario, Baez ha detto che i pubblici ministeri hanno chiesto durante gli argomenti conclusivi di lunedì perché la difesa non ha messo alcuni testimoni sul banco dei testimoni e perché la difesa non ha posto ai loro testimoni esperti una domanda particolare. I pubblici ministeri hanno anche detto alla giuria che “nessuno al mondo sta somministrando queste dosi”, riferendosi al fentanil al centro del caso, quando non c’erano prove su tale questione, ha detto Baez.

L’accusa ha affermato che le loro argomentazioni conclusive erano corrette e il giudice Michael Holbrook si pronuncerà sulla richiesta di annullamento del processo martedì mattina prima dell’inizio delle deliberazioni della giuria.

I pubblici ministeri hanno trascorso più di due ore a presentare la loro chiusura lunedì, sostenendo, in parte, che “uccidere una persona morente è un omicidio”.

L’assistente del procuratore della contea di Franklin, David Zeyen, ha detto alla giuria che Husel aveva “l’intenzione specifica” di causare la morte di tutti i 14 pazienti.

“Devi entrare nella sua mente”, ha detto Zeyen. “Devi capirlo.”

Zeyen ha detto ai giurati che anche se le condizioni mediche di base dei pazienti hanno causato anche le morti, se il fentanil “ha accelerato le morti”, Husel è responsabile.

Zeyen ha allineato una lunga fila di flaconi di fentanil affinché la giuria potesse vederla mentre faceva riferimento alla testimonianza di testimoni che descrivevano le condizioni mediche dei pazienti. Ha detto che ogni paziente era diverso, ma a molti veniva somministrata la stessa quantità di farmaci.

Diversi pazienti avevano danni cerebrali, ha detto Zeyen alla giuria, ma invece di somministrare loro meno farmaci perché non sarebbero stati in grado di sentire il dolore, Husel ha ordinato dosi maggiori.

Gli esperti dell’accusa hanno verificato che nessun altro nel campo della medicina del comfort sta somministrando quantità simili di fentanil.

“Nessuna letteratura supporta questo”, ha affermato Zeyen.

Altri tre medici in terapia intensiva a Mt. Carmel West – dove praticava Husel – hanno testato che usavano la morfina per il dolore piuttosto che il fentanil, e la morfina veniva somministrata in piccole dosi a intervalli prestabiliti.

Baez, l’avvocato difensore, ha affermato che i pubblici ministeri non avevano dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che le dosi avessero effettivamente accelerato la morte dei pazienti o che Husel intendesse intenzionalmente uccidere i pazienti.

Ha criticato il caso dei pubblici ministeri, dicendo: “Cose che ti sono state date che non erano vere. Completamente contraddetto dai registri. Non è a questo che serve questo processo”.

Baez ha sostenuto alla giuria che la polizia inizialmente non ha condotto un’indagine equa e imparziale.

Ha accusato la polizia di fare troppo affidamento sulle indagini interne dell’ospedale e ha affermato che i pubblici ministeri non hanno chiesto quando i pazienti hanno smesso di respirare, perché avevano una depressione respiratoria e poi il loro cuore ha smesso di battere.

“William Husel è seduto qui ora perché non l’hanno fatto”, ha detto.

Husel non ha mai cercato di nascondere la quantità di fentanil che stava somministrando ai pazienti, ha affermato Baez. “Fai qualcosa di sbagliato, cerchi di nasconderlo”, ha detto alla giuria. “Questo mostra il suo intento proprio lì.”

Baez ha anche affermato che entrambe le parti concordano sul fatto che non ci sono dosi massime di fentanil utilizzate nella medicina di comfort e ha esaminato tutti i 14 pazienti delineando le misure che Husel ha eseguito per salvarsi la vita.

Le infermiere che hanno lavorato al fianco di Husel sono state le più importanti testimoni di questo processo, ha detto, aggiungendo che tutte hanno perso il lavoro e la maggior parte non sono più infermieri.

“Penseresti che sarebbero davvero arrabbiati con William Husel”, ma tutti hanno parlato molto bene di lui come medico, ha detto Baez.

“Loro erano li. Non lo eravamo”, ha detto.

.

Leave a Comment