Vladimir Guerrero Jr., “uno dei migliori battitori del mondo”, combatte attraverso uno squarcio per colpire tre homer

NEW YORK – Già il volto dei Toronto Blue Jays, Vladimir Guerrero Jr. sembrava anche la parte di una vera Maple Leaf mercoledì sera.

Guerrero si è scrollato di dosso un sanguinoso squarcio all’anulare destro e ha segnato tre fuoricampo contro i rivali Yankees, inclusi due fuori dall’asso Gerrit Cole, nella vittoria per 6-4 di Toronto.

“Colpo ultraterreno”, ha detto il manager di New York Aaron Boone di Guerrero. “Uno dei migliori battitori del mondo.”

Il secondo classificato MVP dell’American League ha battuto Cole nel primo inning, ha avuto la mano accidentalmente puntata su un gioco in prima base nella seconda, quindi ha battuto un homer in linea su Cole nella terza portando Toronto sul 3-0. Ha raddoppiato Cole nel sesto posto – spingendo il lanciatore a dare spettacolo di ribaltamento del suo cappello al 23enne – quindi ha lanciato un homer di 443 piedi contro Jonathan Loaisiga nell’ottavo per un vantaggio di 5-3.

“Hai visto la sua notte?” Cole ha detto nella sua disponibilità post-partita quando gli è stato chiesto della punta del limite. “Se avessi un berretto, lo daresti anche la mancia.”

È stata la seconda partita da tre casalinghe della carriera di Guerrero, eguagliando il record della carriera stabilito lo scorso 27 aprile contro Washington.

I Blue Jays hanno preso due su tre dagli Yankees con il finale della serie giovedì. La nuova formazione di New York ha lottato in modo offensivo durante questa partita di apertura della stagione, attirando anche alcuni fischi dai fedeli Yankees.

Guerrero sembrava che avrebbe dovuto andarsene nel secondo inning quando la sua mano di lancio nuda è stata accidentalmente bloccata dal corridore di base Aaron Hicks. Guerrero ha dovuto allungare una mano attraverso il suo corpo per il tiro dell’interno Bo Bichette e ha messo la mano destra in basso dietro la prima borsa della base per bilanciare. Hicks ci ha calpestato eseguendo un singolo interno.

Il 23enne Guerrero ha immediatamente iniziato ad agitare la mano, poi si è diretto verso la panchina di Toronto mentre il sangue gocciolava sulla sua uniforme e sul tappeto erboso.

In una dimostrazione di durezza che sicuramente soddisferà i fan ossessionati dall’hockey a Toronto, Guerrero si è fatto tappare la ferita da un allenatore ed è tornato in prima base un paio di minuti dopo.

Con una macchia di sangue sulla coscia destra dei pantaloni, ha battuto di nuovo nella parte superiore del terzo e ha trasformato la palla veloce di 98 mph di Cole in un homer di 427 piedi, due run e un vantaggio di 3-0 sui Blue Jays.

L’allenatore di Toronto Charlie Montoyo ha detto dopo la vittoria che Guerrero semplicemente non voleva uscire dal gioco e che, ovviamente, nemmeno la squadra lo voleva. Montoyo, nella sua disponibilità mediatica, ha dato credito anche allo staff di formazione di Toronto per aver preparato il primo baseman al ritorno.

“Oltre a Vladdy, gli allenatori erano gli MVP stasera”, ha detto Montoyo.

Guerrero ha ricevuto due punti di sutura dopo la partita, ma ha detto che la sua mano stava bene, anche se prevedeva che giovedì potesse scoppiare un po’ di dolore.

“Non è così male”, ha detto.

Guerrero ha usato la mano destra per dare il cinque con gli allenatori delle basi Mark Budzinski e Luis Rivera mentre girava le basi, poi ha battuto le mani con enfasi prima di toccare casa base.

Il primo homer di Guerrero è stato quasi derubato al centro da Hicks, che è saltato sopra il muro e ha tenuto brevemente la palla nel guanto. È caduto quando Hicks ha colpito il muro, è rimbalzato su qualcosa oltre la barriera del fuoricampo ed è tornato in gioco. Una revisione del replay ha confermato che la palla è uscita.

“Vorrei che fosse contro qualcun altro”, ha detto l’outfielder di New York Aaron Judge, “in modo da poterlo guardare in TV e non vederlo dal vivo”.

Guerrero ha quattro homer in sei partite in questa stagione dopo aver guidato le major con 48 la scorsa stagione.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

.

Leave a Comment