USWNT, USMNT ottengono la divisione equa dei bonus della Coppa del Mondo nei nuovi CBA

I sindacati delle squadre nazionali di calcio maschili e femminili degli Stati Uniti hanno ratificato nuovi accordi di contrattazione collettiva con US Soccer che includono una ripartizione equa dei bonus della Coppa del Mondo, annunciata mercoledì dalla federazione e dai due sindacati.

I due CBA entreranno in vigore il 1 giugno e dureranno fino alla fine del 2028. La US National Soccer Team Players Association (USNSTPA), che rappresentava i giocatori maschili, operava senza un CBA dalla fine del 2018. L’accordo per la US Women’s National Team Players Association (USWNTPA) è scaduta alla fine del 2021, sebbene fosse stata prorogata.

Gli accordi sono una promessa mantenuta dal presidente della US Soccer Federation Cindy Parlow Cone, che aveva promesso che i nuovi CBA avrebbero dovuto affrontare la questione della parità retributiva dei bonus della Coppa del Mondo. I CBA hanno anche messo in atto il tanto celebrato accordo finanziario tra l’USWNT e la federazione, annunciato a febbraio dopo anni di spinte legali.

– Carlisle: Perché i nuovi accordi di US Soccer riscrivono i libri di storia
– Murray: risoluzione delle controversie sulla retribuzione tra USWNT-US Soccer: cosa significa la decisione

“Lo dico da molto tempo. Volevo guidare su questo. Volevo che US Soccer guidasse su questo”, ha detto Cone a ESPN tramite una videochiamata. “Ma non potevamo farcela da soli. Avevamo bisogno sia dei giocatori maschili che di quelli maschili [union] e le giocatrici e le donne [union] riunirsi in una stanza per negoziare un contratto.

“E sarò onesto, ci sono stati giorni in cui non pensavo ce l’avremmo fatta oltre il limite. Ma siamo qui, e sono così incredibilmente orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato e di ciò che sta succedendo significare, non solo per il gioco qui negli Stati Uniti ma a livello globale”.

Gli accordi cambiano la dinamica tra le due squadre. Prima erano in competizione per l’attenzione e le risorse della USSF. Ora stanno lavorando insieme a beneficio di entrambi i sindacati.

“Sono davvero entusiasta di iniziare questa partnership quasi fresca, una tabula rasa. Stiamo lavorando insieme”, ha detto il difensore del Nashville SC Walker Zimmerman, un membro del team di leadership dell’USNSTPA. “Abbiamo ottenuto così tanto insieme a questo rivoluzionario CBA, e sicuramente lo siamo [going to] fare il tifo come un matto, perché questo è esattamente ciò che è questo CBA. È uguale. Saremo i loro più grandi fan. Sono sicuro che saranno anche i nostri più grandi fan”.

giocare a

1:14

Il presidente degli Stati Uniti Soccer Cindy Parlow Cone spiega i dettagli dei nuovi CBA per USMNT e USWNT.

Come ha aggiunto l’attaccante della nazionale femminile Midge Purce, membro del comitato CBA del sindacato, “Penso che ciò che fa questo CBA sia finalmente creare quella ‘Una nazione. Una squadra’. E penso che ci abbia davvero uniti sotto quell’ideologia che inseguivamo da molto tempo”.

I rispettivi sindacati riceveranno il 90% dei bonus FIFA pagati ai Mondiali 2022 e 2023 e l’80% dei bonus alle edizioni 2026 e 2027. Tutti i fondi pagati da quei bonus pool saranno suddivisi equamente tra le due squadre nazionali. La FIFA ha annunciato che l’intero montepremi per la Coppa del Mondo 2022 in Qatar sarà di 400 milioni di dollari, mentre i bonus per il torneo femminile in Australia nel 2023 saranno di 60 milioni di dollari. Nel precedente ciclo di Coppa del Mondo, la squadra maschile all’ultimo posto ha vinto più premi in denaro rispetto alla squadra femminile al primo posto.

“Ci sono conversazioni difficili, ma alla fine della giornata, è la cosa giusta da fare”, ha detto Zimmerman. “È qualcosa che [the U.S. women’s team players] meritare. È qualcosa per cui hanno combattuto così duramente e, ad essere onesti, a volte sembra che ci fossimo avvicinati a loro e fossimo arrivati ​​un po’ in ritardo.

“Non è facile guardare indietro e pensare a tutto questo viaggio, a dove è iniziato per loro e come siamo entrati. Ed è per questo che è ancora più importante per noi sentirsi coinvolti. Non è mai troppo tardi per essere coinvolti”.

I nuovi CBA raggiungono l’uguaglianza anche in altre aree. Le squadre maschili e femminili avranno bonus basati sulle prestazioni identici per partite e competizioni. La squadra femminile non avrà più stipendi garantiti per alcuni giocatori e avrà la stessa struttura di pagamento pay-to-play che ha sempre avuto la squadra maschile.

Entrambi i sindacati parteciperanno anche alla compartecipazione alle entrate, incluso il 10% delle entrate commerciali comprese tra $ 55 milioni e $ 75 milioni e il 15% di tutte le entrate commerciali superiori a $ 75 milioni. Entrambe le squadre riceveranno anche un taglio uguale delle entrate dei biglietti, con le squadre che riceveranno $ 5,06 per ogni biglietto venduto fino alla fine del 2026 e $ 5,75 per ogni biglietto durante gli ultimi due anni dell’accordo.

Per le partite controllate dall’USSF – vale a dire le amichevoli – i giocatori riceveranno $ 18.000 per una vittoria, $ 12.000 per un pareggio e $ 8.000 per una sconfitta se l’avversario è classificato tra i primi 25 della classifica FIFA. Per tutti gli altri avversari, l’importo è di $ 13.000 per una vittoria, $ 10.000 per un pareggio e $ 8.000 per una sconfitta. Per le partite della Coppa del Mondo, ogni giocatore riceverà un bonus di gioco di $ 10.000, più altri $ 14.000 per una vittoria o $ 10.000 per un pareggio.

Una fonte a conoscenza dell’accordo maschile ha detto a ESPN che i giocatori maschili riceveranno un bonus di $ 2,5 milioni relativo alla qualificazione per la Coppa del Mondo 2022 che non sarà condiviso con la squadra femminile. Questa è essenzialmente una retribuzione retroattiva a causa del fatto che gli uomini hanno operato con il loro vecchio CBA scaduto per più di tre anni.

Ci sono anche aspetti dell’accordo per le donne che sono unici rispetto al contratto degli uomini, tra cui la protezione continua dagli infortuni, l’assistenza all’infanzia e il congedo parentale. Ma per le donne, il nuovo CBA segna un grande cambiamento, poiché si allontana dagli stipendi garantiti e verso un modello pay-for-play, che è stato a lungo un punto fermo dell’affare maschile.

“La capacità di farlo è derivata molto dalla forza che la NWSL ha acquisito negli ultimi anni”, ha affermato Purce. “Abbiamo un campionato abbastanza forte qui in casa dove possiamo dipendere un po’ di più da quegli stipendi e lasciare un po’ più di rischio alla nazionale. E penso che questo abbia davvero aiutato a liberare quel rischio”.

A febbraio è stato annunciato un accordo nella causa sulla parità di retribuzione della squadra femminile, con l’USSF che ha accettato di pagare $ 22 milioni alle giocatrici, con altri $ 2 milioni messi in un fondo che potrebbe essere applicato agli sforzi delle giocatrici dopo la loro carriera da giocatore. Quell’accordo era subordinato a un nuovo CBA concordato con le donne, che avrebbe incluso una soluzione sui bonus della Coppa del Mondo. Con questo obiettivo ora raggiunto, l’accordo può essere finalizzato.

.

Leave a Comment