Uno studente norvegese trova una barca varata da studenti delle scuole medie del New Hampshire nel 2020: NPR


Riptide di segale nella foto a bordo del Corwith Cramer prima del varo nell’ottobre 2020. Quasi 18 mesi dopo, la mini barca è stata recuperata da un’isola norvegese disabitata con i suoi messaggi e doni intatti.

Sheila Adams


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Sheila Adams


Riptide di segale nella foto a bordo del Corwith Cramer prima del varo nell’ottobre 2020. Quasi 18 mesi dopo, la mini barca è stata recuperata da un’isola norvegese disabitata con i suoi messaggi e doni intatti.

Sheila Adams

I resti di una mini-barca varata da studenti delle scuole medie del New Hampshire sono stati scoperti da uno studente di prima media in Norvegia, 462 giorni e più di 8.300 miglia dopo.

È stato un viaggio ricco di eventi per la barca di 5,5 piedi, che è stata costruita da due classi di scienze delle scuole medie consecutive in collaborazione con l’organizzazione senza scopo di lucro Educational Passages e che è salpata per la prima volta (senza equipaggio) dal Massachusetts nell’ottobre 2020. Il GPS della barca ha segnalato in modo intermittente il anni fino alla fine di gennaio, quando una famiglia l’ha recuperata da un’isola norvegese disabitata grazie a una connessione social.

“La nostra mini-barca è arrivata alla scuola locale in Norvegia! La loro classe di prima media ha aperto il portello per trovare il nostro pacco di materiali tutto asciutto all’interno! Incredibile, considerando le condizioni in cui si trovava!” Rye Junior High School ha pubblicato su Facebook durante il fine settimana.

Il progetto del corso di scienze è stato ritardato dal COVID-19

Secondo un comunicato, Rye Junior High e l’organizzazione no profit Educational Passages – che afferma di mirare a collegare gli studenti di tutto il mondo all’oceano e tra loro – hanno iniziato a lavorare insieme al progetto nel 2018. L’organizzazione ha fornito agli studenti un kit di montaggio nel 2020, anche se la costruzione e il lancio sono stati complicati dalla pandemia di coronavirus.

L’insegnante di scienze Sheila Adams ha detto che i suoi studenti avevano costruito la barca e si stavano appena preparando a decorarla quando il COVID-19 ha costretto le lezioni online. Imperterriti, hanno escogitato un modo per completare il progetto a distanza: ciascuno degli studenti ha presentato opere d’arte, che sono state quindi scansionate, stampate e assemblate in un collage sul ponte della barca. Era pronto a salpare per le vacanze estive.

“Durante l’estate, abbiamo lavorato insieme per cercare di trovare un dispiegatore per la nave che potesse portare la barca in mare aperto oltre il Golfo del Maine, ma l’abbiamo trovato impegnativo con tutte le restrizioni in atto”, ha affermato Cassie Stymiest, il direttore di Passaggi Didattici. “Così abbiamo aspettato fino all’autunno e abbiamo introdotto virtualmente la nuova classe di quinta elementare nel progetto”.

Per collegare la nuova classe alla barca che non avevano costruito, i leader del progetto hanno sollecitato l’input degli studenti su quale colore dipingere il fondo, con quali messaggi riempirlo e dove potrebbe finire la nave. Alcuni studenti speravano che sarebbe andato alla deriva in Europa, mentre altri erano più scettici, come Il Portsmouth Herald segnalato.

“Onestamente, pensavo che sarebbe affondato”, ha detto al giornale Solstice Reed, allora studente di prima media.

La Sea Education Association di Woods Hole, Massachusetts, si è offerta volontaria per lanciare il Riptide di segale a fianco di un’altra minibarca, chiamata La verità del viaggiatore, dalla JFK Middle School di Northampton, Mass.

Gli studenti hanno consegnato la loro barca all’equipaggio della Sea Education Association, attraccata in Massachusetts, il 9 ottobre 2020. L’hanno portata a bordo della SSV Corwith Cramerche si è poi recato in Florida e ha lanciato le minibarche nella Corrente del Golfo il 25 ottobre.

“Quando Riptide di segale e La verità del viaggiatore sbarcando in acqua ci fu un rauco applauso da parte dell’equipaggio poiché entrambe le minibarche presero immediatamente il vento e sembravano sicuramente navigare più velocemente di quanto fossimo a bordo della Corwith Cramer”, ha ricordato il capo scienziato della SEA, il dottor Jeffrey Schell.

Dopo il silenzio radio, il GPS ha emesso un segnale acustico da un’isola disabitata

Adams e i suoi studenti hanno tenuto traccia della rotta della barca su una mappa ogni volta che il suo GPS ha eseguito il ping.

Araldo riporta che Adams ha lasciato una nota sulla mappa chiedendo che fosse salvata per gli studenti quando si è ritirata inaspettatamente alla fine dello scorso anno scolastico e ha scoperto che i custodi l’avevano aggiornata durante le vacanze estive.

Ma dopo circa 10 mesi in mare, il GPS ha iniziato a segnalare solo in modo intermittente durante la stagione degli uragani del 2021. Ha inviato un ping il 18 agosto. 18 e un altro il 30 settembre. Gli studenti hanno continuato a controllare i rapporti sullo stato, anche mentre stavano imparando online.

Poi, a gennaio 30, il GPS ha riportato ancora una volta, questa volta da una piccola isola disabitata a Smøla, vicino a Dyrnes, in Norvegia.

“Non sembrava un’isola che sarebbe stata percorsa a piedi, quindi dovevamo cercare di entrare in contatto con qualcuno nella zona per aiutare eventualmente a recuperare la barca”, si legge in un aggiornamento sul sito web di Educational Passages.

L’organizzazione ha pubblicato un avviso sul proprio sito web in cui spiegava lo scopo educativo del progetto e chiedeva aiuto per recuperare la barca in sicurezza, se possibile. Il messaggio è arrivato anche nelle notizie locali e sulla pagina Facebook di una vicina comunità norvegese.

È lì che la famiglia di un bambino locale di prima media, Karel Nuncic, ha sentito parlare della barca schiantata. Un primo pomeriggio di febbraio, dopo la scuola, Nuncic, i suoi genitori e il loro cucciolo sono partiti in barca verso l’isola – che è visibile dalla loro casa – e hanno trovato ciò che era rimasto del Riptide di segale.

“La barca era stata disalberata e lo scafo e la chiglia non erano più attaccati”, ha detto Educational Passages. “La maggior parte del ponte, con la stiva incorporata, era intatta e sigillata. Dopo aver ripulito i cirripedi che erano cresciuti sulla barca durante il viaggio, la famiglia ha riportato la barca a casa”.

Il viaggio ha fatto notizia e una connessione speciale

Nuncic ha portato la barca nella sua scuola il giorno successivo, dove gli studenti hanno aperto il portello di carico per trovare i messaggi e i regali che gli studenti delle scuole medie avevano depositato quasi due anni prima.

L’inaugurazione è stata filmata da una troupe televisiva nazionale e condivisa sui social media, inclusa l’ambasciata degli Stati Uniti a Oslo.

“Significa molto avere questa storia condivisa così ampiamente e vedere così tante persone che si congratulano con gli studenti!” Stymiest ha detto a NPR via e-mail. “Ecco di cosa si tratta.”

Il viaggio virale della barca è personale anche per le persone coinvolte.

“Dopo 462 giorni e 13.412 km di viaggio attraverso l’Oceano Atlantico, il ponte e la stiva erano gli unici pezzi rimasti della barca, ma i messaggi all’interno hanno acceso una nuova amicizia tra le scuole”, ha affermato l’organizzazione.

Gli studenti norvegesi hanno detto che avrebbero scritto una lettera ai loro nuovi amici americani e le classi hanno programmato un incontro virtuale per giovedì.

Questa storia è apparsa originariamente nel Edizione mattutina blog in diretta.

Leave a Comment