Udienza di Ketanji Brown Jackson: takeaway dall’udienza della maratona di martedì

I democratici hanno dato a Jackson molte opportunità per respingere gli attacchi del GOP, lasciandole discutere i precedenti che la renderanno un’aggiunta unica alla Corte Suprema.

Di fronte allo scetticismo del GOP per non essersi allineata con una specifica filosofia giudiziaria, Jackson ha fornito nuovi dettagli sul modo in cui affronta il suo lavoro e sulla “metodologia” che usa per decidere un caso.

“Sono profondamente consapevole del fatto che come giudice nel nostro sistema ho poteri limitati e sto cercando in ogni caso di rimanere nella mia corsia”, ha detto.

Il processo in tre fasi che ha descritto ha comportato liberare la mente da qualsiasi preconcetto sul caso, ricevere i vari input – le memorie scritte, la documentazione, le udienze – dovrà decidere un caso e intraprendere un interpretazione della legge che rispetta “i vincoli” del suo ruolo di giudice.

Ha detto che stava cercando di “capire cosa significano le parole come erano intese dalle persone che le hanno scritte”.

Questa descrizione della sua metodologia non è stata sufficiente a soddisfare le domande repubblicane sulla sua filosofia giudiziaria, che si riferisce al tipo di quadro che un giudice usa per analizzare un caso di interpretazione costituzionale. Un approccio originalista, prediletto dai conservatori, cerca di interpretare la Costituzione nel modo in cui gli artefici avrebbero inteso le parole al momento della loro stesura. Alcuni progressisti hanno cercato di tracciare quello che è stato definito un approccio di “Costituzione vivente”, che cerca di interpretare i principi generali della Costituzione in un modo che sia applicabile alle circostanze contemporanee.

Anche se ha risposto al senatore repubblicano del Nebraska. Alle domande di Ben Sasse sugli approcci del duello, Jackson ha rifiutato di allinearsi esplicitamente con l’uno o l’altro, notando che l’interpretazione costituzionale non è emersa ogni volta nei casi che stava decidendo come giudice di corte inferiore.

Jackson respinge le affermazioni sul suo record di casi di pornografia infantile

Jackson ha finalmente avuto la possibilità martedì di affrontare quelle che sono state le accuse più controverse mosse contro di lei, dicendo al comitato delle affermazioni che è gentile con i criminali di pedopornografia che “niente potrebbe essere più lontano dalla verità”.

“Questi sono alcuni dei casi più difficili che un giudice deve affrontare”, ha detto Jackson quando le è stata data per la prima volta la possibilità dal presidente della magistratura Dick Durbin di rispondere alle affermazioni, che sono state guidate la scorsa settimana dal senatore GOP del Missouri. Josh Hawkley.

Più avanti nell’udienza, ha detto di avere ancora incubi sul testimone in uno dei casi che i repubblicani stanno ora esaminando, aggiungendo: “Questi crimini sono orribili. E quindi li prendo molto sul serio, proprio come ho fatto tutti i crimini, ma soprattutto crimini contro i bambini”.

I repubblicani si sono concentrati su quella che, secondo loro, è la tendenza di Jackson a emettere sentenze in questi casi che sono al di sotto delle linee guida di condanna, un modello che la colloca nel mainstream dei giudici. Meno di un terzo delle condanne emesse in casi di pedopornografia senza produzione rientrava nelle linee guida nel 2019.

Da Bork a Kavanaugh, le lamentele del GOP compaiono durante l'udienza di Jackson

Quando è stata grigliata dal senatore repubblicano del Texas. Ted Cruz, Jackson ha osservato che le linee guida sono solo un punto di partenza per i giudici.

“Il Congresso è l’organismo che dice ai giudici di condanna cosa dovrebbero guardare e il Congresso ha affermato che un giudice non sta giocando a numeri”, ha detto Jackson.

“Il giudice sta esaminando tutti questi diversi fattori e sta prendendo una decisione in ogni caso, sulla base di una serie di considerazioni diverse”, ha aggiunto. “E in ogni caso, ho fatto il mio dovere di ritenere gli imputati responsabili alla luce delle prove e delle informazioni che mi sono state presentate”.

La linea di domande più acuta su questo argomento è stata quella di Hawley, che si è concentrato su un caso particolare in cui Jackson ha condannato l’autore del reato a tre mesi in un caso in cui i pubblici ministeri hanno chiesto 24 mesi e le linee guida hanno indicato 97-121 mesi.

Jackson ha detto che nei casi ha fatto ciò che hanno fatto i giudici e ha preso “in considerazione tutti i vari aspetti di un caso particolare e ha preso una decisione coerente con la mia autorità, il mio giudizio e comprendendo appieno la natura egregia del crimine”.

Il GOP si appoggia alle questioni della guerra culturale prima delle scadenze intermedie

Ampi argomenti di guerra culturale su cui i repubblicani stanno colpendo i democratici prima del midterm si sono fatti strada nelle domande del GOP per Jackson.

Cruz ha posto a Jackson diverse domande sulla “teoria critica della razza” — un concetto che ha detto “non emerge nel mio lavoro”.

“Non è mai qualcosa su cui ho studiato o fatto affidamento, e non sarebbe qualcosa su cui farei affidamento se fossi alla Corte Suprema”, ha detto.

Cruz ha cercato di collegarlo a Jackson attraverso una presentazione che aveva fatto come vicepresidente della US Sentencing Commission, in cui Jackson ha affermato di averlo elencato in una “lista di lavanderia di diverse discipline accademiche che ho detto si riferiscono alla politica di condanna”. Lo ha anche sollevato nel contesto dei libri per bambini insegnati alla Georgetown Day School, dove Jackson è nel consiglio. Jackson ha detto che il consiglio non controlla il curriculum della scuola.

Sen. John Cornyn, un collega repubblicano del Texas, ha trascorso una parte significativa del suo periodo di interrogazione chiedendo a Jackson della sentenza della Corte Suprema sul matrimonio tra persone dello stesso sesso del 2015 e se l’opinione fosse fondata su un principio legale che “consente alla corte di sostituire la sua opinione con la rappresentanti eletti del popolo».

Cornyn suggerisce che il caso potrebbe essere visto come: “Noi cinque membri della Corte Suprema decideremo quale dovrebbe essere la legge del paese, e chiunque non sia d’accordo con noi sarà etichettato come un bigotto, o sarà accusato di discriminazione, anche se quelli, le loro convinzioni derivano da una convinzione religiosa sinceramente sostenuta, come la definizione di a, di un matrimonio tra un uomo e una donna”.

E una linea di interrogatori dall’Arkansas GOP Sen. Tom Cotton ha fatto molto affidamento sulle convinzioni di Jackson sull’affrontare il crimine, ponendole domande sul fatto che gli Stati Uniti avessero bisogno di più agenti di polizia, se un numero sufficiente di assassini fosse messo in prigione e le condanne per reati di droga.

repubblicano sen. John Kennedy della Louisiana, nell’ambito di una più ampia linea di indagine su come i tribunali sanciscono diritti non esplicitamente nella Costituzione, ha chiesto se un giudice potrebbe ritenere che esista un diritto costituzionale di una “donna transgender a competere negli sport femminili”.

Sen. Anche Marsha Blackburn, del Tennessee Republican, ha sollevato la questione degli atleti transgender, dopo aver chiesto a Jackson di definire la parola donna. “Il fatto che tu non possa darmi una risposta diretta su qualcosa di così fondamentale come ciò che è una donna sottolinea i pericoli del tipo di educazione progressiva di cui sentiamo parlare”.

Domande astratte cercano di suggerire come si avvicinerebbe a casi controversi

Come l’interesse di Sasse per la sua filosofia giudiziaria, altri senatori del GOP hanno sondato l’approccio di Jackson a idee legali astratte che suonano accademiche ma che potrebbero essere fondamentali nel modo in cui deciderebbe casi controversi.

Cornyn ha sollevato il concetto di “diritti non numerati” – intendendo i diritti non esplicitamente scritti nel testo della Costituzione ma che la corte ha interpretato come coperti dalle tutele della Costituzione.

Utah Sen. Anche Mike Lee ha concentrato alcune delle sue domande sul Nono Emendamento. Il suo linguaggio contempla diritti non enumerati e ha chiesto a Jackson come dovrebbero fare i giudici per valutare quali diritti potrebbero derivarne.

Anche il concetto di stare decisis è emerso ripetutamente, anche nelle domande del senatore democratico. Amy Klobuchar del Minnesota, che l’ha notato nel contesto delle decisioni sui diritti di aborto. Stare decisis impone alla Corte Suprema di considerare diversi fattori prima di decidere di annullare il precedente per limitare le drammatiche oscillazioni della legge che ne minano la stabilità.

“Penso che svolga un ruolo molto importante come dottrina che impedisce che i cambiamenti avvengano in tribunale”, ha detto Jackson. “È molto importante avere stabilità nella legge ai fini dello stato di diritto in modo che le persone possano ordinarsi e prevedere la propria vita, dato ciò che la Corte Suprema ha già affermato”.

Nelle recenti decisioni della Corte Suprema che ribaltano i precedenti, la minoranza liberale ha accusato la maggioranza conservatrice di ignorare alcuni dei principi dello stare decisis per ribaltare precedenti che ai conservatori non piacciono.

Jackson riflette sui valori che ha imparato dalla sua famiglia

Dopo diverse dichiarazioni di apertura lunedì hanno sottolineato il background unico che Jackson – come la prima donna di colore nominata come giudice – avrebbe portato alla Corte Suprema, martedì ha dato al giudice l’opportunità di discutere in dettaglio quel background.

Parte del contesto della decisione dei suoi genitori di trasferirsi da Miami a Washington prima della sua nascita è stata la legislazione sui diritti civili approvata negli anni ’60.

“I miei genitori si sono trasferiti a Washington, DC, perché è qui che è iniziato tutto, per loro, in termini di nuove libertà”, ha detto Jackson, mentre discuteva dei valori del “duro lavoro” e della “perseveranza” che aveva imparato da loro.

Ha detto che i suoi nonni, che non avevano “molta istruzione formale”, erano le “persone che lavorano più duramente che abbia mai conosciuto e che si alzavano ogni giorno, mettevano un piede dopo l’altro e provvedevano alle loro famiglie e si sono assicurati che i loro figli andassero al college, anche se non hanno mai avuto quelle opportunità”.

Ha detto che stava riflettendo sui suoi nonni in questo momento storico.

“Sono sulle spalle delle persone di quella generazione”, ha detto.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi martedì.

.

Leave a Comment