SCHEDA INFORMATIVA: Stati Uniti e Commissione europea annunciano il quadro transatlantico sulla privacy dei dati

Gli Stati Uniti e la Commissione europea si sono impegnati in un nuovo quadro per la privacy dei dati transatlantici, che promuoverà i flussi di dati transatlantici e affronterà le preoccupazioni sollevate dalla Corte di giustizia dell’Unione europea quando ha annullato nel 2020 l’adeguatezza della Commissione decisione alla base del quadro dello scudo UE-USA per la privacy.

Questo quadro ristabilirà un importante meccanismo giuridico per il trasferimento dei dati personali dell’UE negli Stati Uniti. Gli Stati Uniti si sono impegnati ad attuare nuove salvaguardie per garantire che le attività di intelligence dei segnali siano necessarie e proporzionate nel perseguimento di obiettivi di sicurezza nazionale definiti, che garantiranno la riservatezza dei dati personali dell’UE e per creare un nuovo meccanismo affinché i cittadini dell’UE possano chiedere un risarcimento se credono di essere illegalmente presi di mira da attività di intelligence dei segnali. Questo accordo in linea di principio riflette la forza delle relazioni durature USA-UE, mentre continuiamo ad approfondire la nostra partnership basata sui nostri valori democratici condivisi.

Questo quadro fornirà vantaggi vitali ai cittadini su entrambe le sponde dell’Atlantico. Per i cittadini dell’UE, l’accordo include nuovi impegni di alto livello in materia di protezione dei dati personali. Per i cittadini e le aziende su entrambe le sponde dell’Atlantico, l’accordo consentirà il flusso continuo di dati che è alla base di oltre 1 trilione di dollari nel commercio transfrontaliero ogni anno e consentirà alle aziende di tutte le dimensioni di competere nei rispettivi mercati. È il culmine di oltre un anno di negoziati dettagliati tra l’UE e gli Stati Uniti a seguito della decisione del 2020 della Corte di giustizia dell’Unione europea che ha stabilito che il precedente quadro UE-USA, noto come scudo per la privacy, non soddisfaceva il diritto dell’UE requisiti.

Il nuovo quadro transatlantico sulla privacy dei dati sottolinea il nostro impegno condiviso per la privacy, la protezione dei dati, lo stato di diritto e la nostra sicurezza collettiva, nonché il nostro riconoscimento reciproco dell’importanza dei flussi di dati transatlantici per i nostri rispettivi cittadini, economie e società. I flussi di dati sono fondamentali per le relazioni economiche transatlantiche e per tutte le aziende grandi e piccole in tutti i settori dell’economia. In effetti, tra gli Stati Uniti e l’Europa fluiscono più dati che in qualsiasi altra parte del mondo, consentendo la relazione economica USA-UE da 7,1 trilioni di dollari.

Garantendo una base giuridica durevole e affidabile per i flussi di dati, il nuovo quadro transatlantico sulla privacy dei dati sosterrà un’economia digitale inclusiva e competitiva e getterà le basi per un’ulteriore cooperazione economica. Si rivolge alla Corte di giustizia dell’Unione europea Schrem II decisione relativa agli Stati Uniti, legge che disciplina le attività di intelligence dei segnali. Nell’ambito del Trans-Atlantic Data Privacy Framework, gli Stati Uniti hanno assunto impegni senza precedenti per:

  • Rafforzare le tutele della privacy e delle libertà civili che regolano le attività di intelligence dei segnali degli Stati Uniti;
  • Istituire un nuovo meccanismo di ricorso con autorità indipendente e vincolante; e
  • Migliora la supervisione rigorosa e stratificata esistente delle attività di intelligence dei segnali.

Ad esempio, il nuovo Framework garantisce che:

  • La raccolta di informazioni sui segnali può essere effettuata solo ove necessario per il raggiungimento di legittimi obiettivi di sicurezza nazionale e non deve avere un impatto sproporzionato sulla protezione della vita privata e delle libertà civili;
  • I cittadini dell’UE possono chiedere un risarcimento da un nuovo meccanismo di ricorso multilivello che includa un tribunale di revisione della protezione dei dati indipendente che sarebbe composto da individui scelti al di fuori del governo degli Stati Uniti che avrebbero piena autorità per giudicare i reclami e dirigere le misure correttive secondo necessità; e
  • Le agenzie di intelligence statunitensi adotteranno procedure per garantire un controllo efficace dei nuovi standard sulla privacy e sulle libertà civili.

Le aziende e le organizzazioni partecipanti che si avvalgono del Framework per proteggere legalmente i flussi di dati continueranno a essere tenute ad aderire ai Principi del Privacy Shield, compreso l’obbligo di autocertificare la propria adesione ai Principi attraverso il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. I cittadini dell’UE continueranno ad avere accesso a molteplici vie di ricorso per risolvere i reclami relativi alle organizzazioni partecipanti, anche attraverso la risoluzione alternativa delle controversie e l’arbitrato vincolante.

Queste nuove politiche saranno attuate dalla comunità dell’intelligence statunitense in modo da proteggere efficacemente i suoi cittadini e quelli dei suoi alleati e partner, coerentemente con le protezioni di alto livello offerte in questo quadro.

I team del governo degli Stati Uniti e della Commissione europea continueranno ora la loro cooperazione al fine di tradurre questo accordo in documenti legali che dovranno essere adottati da entrambe le parti per mettere in atto questo nuovo quadro transatlantico sulla privacy dei dati. A tal fine, questi impegni statunitensi saranno inclusi in un ordine esecutivo che formerà la base della valutazione della Commissione nella sua futura decisione di adeguatezza.

###

Leave a Comment