Sabres mostra il potenziale nel memorabile finale di stagione, manda RJ via con la vittoria di OT | Notizie sulle sciabole di bufalo

La folla all’interno del KeyBank Center ha fatto una serenata ai giocatori di Bills con la canzone “Shout” e ha alimentato i Sabres con numerosi canti di “Let’s Go Buffalo!”

Ci sono stati udibili sussulti in risposta all’azione sul ghiaccio e applausi commossi per rendere omaggio al leggendario emittente Rick Jeanneret. Si sono riuniti per dire addio all’uomo che ha narrato alcuni dei più grandi trionfi nella storia della franchigia, ma hanno anche riempito l’edificio per vedere una fastidiosa squadra di Sabres che ha ispirato la speranza per una base di fan che è stanca di tumulto e delusione.

La vittoria per 3-2 ai supplementari contro i Chicago Blackhawks davanti a 16.505 fan venerdì sera per coronare la stagione 2021-22 di 82 partite è stata un’istantanea di tutto ciò che è cambiato dentro e fuori dal ghiaccio per i Sabres dal club si sono riuniti per il campo di addestramento a settembre. Hanno pareggiato il punteggio due volte per forzare i tempi supplementari e Casey Mittelstadt ha segnato il gol della vittoria conquistando un record stagionale di 32-39-11.

“Oh ragazzo, non so nemmeno cosa mi passasse per la testa”, disse Mittelstadt raggiante. “E ‘stato un buon modo per concludere l’anno. Ovviamente, ci sono stati alcuni alti e bassi per tutti. … È stato un ottimo modo per terminarlo per RJ”.

Le persone stanno anche leggendo…

Rick Jeanneret chiama la sua ultima partita di Sabres venerdì sera dopo una carriera di oltre 50 anni.

Sul ghiaccio, ci sono state giocate da brivido e tensione da parte dei giocatori fondamentali che sono i nuovi volti del franchise. Tage Thompson, un 24enne che è passato al centro in campo, ha segnato il suo 38esimo gol stagionale da leader della squadra per pareggiare il punteggio di 1-1 nel terzo periodo su un passaggio di ghiaccio incrociato di un ringiovanito Jeff Skinner.

Power, a soli 19 anni e otto partite nella sua carriera in NHL, ha segnato il suo secondo gol su un tiro nel traffico per pareggiare di nuovo con 5:38 rimanenti nel regolamento. E Mittlestadt ha terminato il lavoro ai tempi supplementari su un rimbalzo creato da Dylan Cozens.

I Sabres hanno battuto i Blackhawks 19-4 nel terzo periodo e ai supplementari.

“Penso che ci siamo appena nutriti della folla e l’un l’altro in panchina”, ha detto Thompson. “Non credo che ci sia stato nessuno che non pensasse che saremmo tornati e vincere. Penso che il motivo sia il carattere che abbiamo nel nostro gruppo”.

Power e il collega difensore Rasmus Dahlin, arruolati al primo posto in assoluto nel 2021 e nel 2018, rispettivamente, hanno mostrato la loro magia con il disco e hanno giocato in modo maturo intorno alla propria rete. La coppia, insieme a Mattias Samuelsson e Henri Jokiharju, dà a Buffalo una formidabile top four sulla linea blu per la loro ricerca per raggiungere i playoff.

Alex Tuch, un nativo dell’area di Siracusa acquisito nel commercio di successo che ha mandato Jack Eichel a Las Vegas, ha energizzato i suoi compagni di squadra e la folla con un gioco implacabile con e senza il disco. La formazione era piena di giocatori che dovrebbero essere sui Sabres per gli anni a venire, comprese le recenti scelte al draft del primo turno Cozens, Mittelstadt e Peyton Krebs, che sono anche arrivati ​​​​nell’accordo di Eichel.

I suoni. Quella voce. Non lo dimenticheremo mai. Jeanneret ha avuto modo di chiamare un ultimo gol vincente dei Buffalo Sabres nell’ultima partita della sua carriera.

Dei 16 pattinatori nella formazione dei Sabres, solo tre sono in attesa di free agent illimitati: Vinnie Hinostroza, Mark Pysyk e John Hayden. È possibile che tutti e tre possano tornare con il club la prossima stagione. Dieci nella formazione avevano meno di 25 anni. E i progressi dei Sabres negli ultimi due mesi dimostrano che il potenziale del giovane nucleo è ben lungi dall’essere raggiunto.

Anche attraverso un programma rigoroso, la percentuale di 0,611 punti dei Sabres dal 2 marzo si è classificata al 13° posto entrando venerdì. Complessivamente, la percentuale di punti di Buffalo ha visto il suo più grande miglioramento dal 2015-16, che si è verificato solo perché la franchigia ha sprofondato la stagione precedente. I Sabres sono andati 16-9-3 tra marzo e aprile. Sono arrivati ​​​​quinti su otto squadre nella Atlantic Division dopo essere stati scelti per atterrare in fondo.

“Per tutti i fan che sono usciti stasera, penso che l’abbiamo preso a cuore non volendo deludere RJ i nostri fan nell’edificio”, ha detto Thompson.

E i Sabres ci sono riusciti nonostante una lunga lista di feriti, un focolaio di Covid-19 e l’arrivo in ritardo di Tuch. Craig Anderson, il miglior portiere della squadra, ha saltato le ultime tre partite a causa di un infortunio persistente. Dustin Tokarski è stato costretto a iniziare entrambe le partite consecutive per chiudere la stagione.

Oltre alla stagione decisiva di Thompson, Skinner ha rimbalzato con 33 gol regalando ai Sabres il loro primo tandem con oltre 30 gol dal 2010-11. Victor Olofsson e Kyle Okposo hanno entrambi raggiunto il punteggio di 20 gol, mentre Tuch ha stabilito un nuovo record in carriera in punti a partita. Apparentemente ogni giocatore della squadra, indipendentemente dalla sua esperienza, è migliorato sotto la guida dell’allenatore Don Granato e del suo staff.

I 229 gol dei Sabres sono stati i più alti della franchigia dall’ultima volta che hanno raggiunto i playoff nel 2010-11. La maggior parte del roster, così come l’intero staff tecnico e il team dirigenziale, tornerà la prossima stagione.

I Sabres sembravano riconquistare gran parte della loro base di fan disillusi con la stessa etica del lavoro implacabile delle migliori squadre del franchise. A differenza dell’inizio della stagione, i fan non vengono più alle partite indossando maglie con i nomi degli ex giocatori principali della squadra. Ora vedrai Dahlin, Thompson, Cozens, Tuch e Power, tra gli altri.

L’entusiasmo ha raggiunto l’altra squadra in città. La scelta del primo turno di Bills Kaair Elam ha partecipato alla partita con una dozzina dei suoi nuovi compagni di squadra, incluso Josh Allen. La folla ha urlato quando il gruppo è stato mostrato in una suite durante la partita.

È stata una festa al KeyBank Center, coronata dai Sabres che salutavano i loro fan dal centro di ghiaccio. E anche se sarà l’ultimo fino al ritorno dell’hockey in autunno, hanno mostrato al pubblico che ci dovrebbe essere altro da festeggiare nel prossimo futuro.

“Puoi solo sperare di conquistare le persone [over] ad amarlo come facciamo noi”, ha detto Granato. “Cerco di creare un ambiente, lo facciamo, per aiutare i nostri giocatori a trovare quella passione per giocare e sappiamo che se possiamo giocare in quel modo, l’edificio si sentirà in quel modo. E se l’edificio si sente in questo modo, sarà davvero speciale. Stiamo ancora costruendo, ma adoro il modo in cui i nostri ragazzi si sono mossi verso questo quest’anno”.

Ecco altre osservazioni dal finale

Tokarski ha offerto un’altra prestazione coraggiosa in circostanze difficili. Ha effettuato 27 parate nella sconfitta per 5-0 contro Boston giovedì e ha avuto poco tempo per riposarsi prima di iniziare il finale. La sua sosta in fuga su Sam Lafferty è avvenuta poco prima del gol del pareggio di Power.

Domanik Kubalik e Dylan Strome hanno segnato per Chicago (28-42-12), che ha portato in vantaggio per 2-1 sulla porta di quest’ultimo a 10:27 dalla fine del regolamento.

I Sabres avrebbero potuto semplicemente mantenere Aaron Dell nel roster per sostenere Tokarski con Anderson non disponibile, ma il club ha scelto di premiare la dedizione e la perseveranza di Michael Houser. Houser, 29 anni, è stato richiamato venerdì da Cincinnati dopo una sospensione dei playoff di 42 parate per i Cyclones. Erano passati circa tre mesi prima che un test positivo al Covid-19 avesse impedito a Houser di giocare almeno un’altra partita con i Sabres.

Allo stesso modo, i Sabres hanno fatto rientrare Pysyk nella formazione in difesa per sostituire Casey Fitzgerald, che si è unito agli Amerks.

Kyle Okposo è arrivato all’arena venerdì all’inizio, come fa prima di ogni partita. Non si stava preparando a giocare, però. Un infortunio alla parte inferiore del corpo ha impedito all’ala 34enne di vestirsi con i suoi compagni di squadra nel finale. Ma Okposo voleva stare con il resto dei Sabres per immergersi nell’ultima notte del loro viaggio di sette mesi.

Okposo è stato annunciato prima della partita come destinatario del Rick Martin Award dei Sabres, votato dai fan.

“Ti manca il tuo più grande leader in Kyle,” disse Granato con un misto di orgoglio e tristezza.

Il portiere infortunato dei Sabres Malcolm Subban, originario di Toronto, ha cantato un’eccezionale interpretazione dell’inno nazionale americano prima della partita che ha evocato sorrisi dai suoi compagni di squadra e un applauso travolgente dalla folla. Subban ha subito un infortunio a fine stagione il gen. 11 gol sono rimasti intorno alla squadra. È un agente libero senza restrizioni in sospeso.

.

Leave a Comment