Ratcliffe si aspetta “alcuni altri atti d’accusa” nell’indagine di Durham

L’ex direttore dell’intelligence nazionale John Ratcliffe ha dichiarato lunedì che si aspetta di vedere “altre accuse” emergono dall’indagine del consulente speciale John Durham sulle origini dell’indagine dell’FBI sulle affermazioni secondo cui la campagna dell’ex presidente Donald Trump del 2016 era collusa con la Russia.

Ratcliffe ha fatto la sua previsione su “America’s Newsroom” di Fox News dopo che Durham ha presentato una mozione venerdì in ritardo sostenendo che la campagna presidenziale di Hillary Clinton del 2016 ha pagato una società Internet per estrarre dati dai server della Trump Tower e della Casa Bianca per cercare di legare il 45esimo presidente a una banca russa.

Quando è stato pressato, Ratcliffe ha rifiutato di fare i nomi di potenziali imputati, ma ha raccontato una discussione che ha avuto con Durham nel periodo in cui Ratcliffe ha ordinato la declassificazione dei documenti relativi all’indagine nell’autunno del 2020.

“Abbiamo parlato di [then-CIA Director] Gli appunti di John Brennan hanno parlato, sai, dei consiglieri elettorali di Hillary Clinton”, ha detto. “Ovviamente le memorie parlano degli avvocati della campagna elettorale di Hillary Clinton, ora si parla di consulenti”.

John Ratcliffe ha detto che si aspetta di vedere “un bel po’ di incriminazioni in più”.
Drew Angerer/Getty Images
John Durham
John Durham è l’avvocato speciale che indaga sulle origini dell’indagine dell’FBI sulle affermazioni secondo cui la campagna dell’ex presidente Donald Trump del 2016 era collusa con la Russia.
Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti tramite AP, File

Ratcliffe ha aggiunto di ritenere che Durham avesse trovato prove di “una cospirazione, ovvero due o più persone a sostegno di un crimine; e chiunque fosse a conoscenza del fatto che questo piano di campagna sarebbe stato presentato falsamente all’FBI o alla CIA o alle forze dell’ordine o alle autorità dell’intelligence sarebbe stato perseguito penalmente per un numero qualsiasi di reati criminali: frode postale, frode telematica, menzogna sotto giuramento, testimonianze al Congresso, false testimonianze ai pubblici ministeri, tutte queste cose.

“Quindi potrebbe andare in modo ampio e profondo. Penso di sì, sulla base dell’intelligence che ho visto e di cui ho discusso con John Durham”.

I commenti di Ratcliffe hanno fatto eco a osservazioni simili fatte a novembre in seguito all’incriminazione di Igor Danchenko, un collaboratore chiave del screditato dossier Steele, che è stato arrestato con l’accusa di aver mentito all’FBI riguardo alle sue fonti.

Hillary clinton
John Durham ha presentato una mozione sostenendo che la campagna presidenziale del 2016 di Hillary Clinton ha pagato una società Internet per estrarre dati dai server della Trump Tower.
JEWEL SAMAD/AFP tramite Getty Images
Il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump (L) stringe la mano al candidato presidenziale democratico ex Segretario di Stato Hillary Clinton durante il dibattito in municipio alla Washington University il 9 ottobre 2016
Donald Trump stringe la mano a Hillary Clinton durante il dibattito in municipio alla Washington University il 9 ottobre 2016.
Scott Olson/Getty Images

All’epoca, l’ex capo del DNI disse che si aspettava che dalle indagini venissero fuori molte incriminazioni e avvertì che tutte le persone coinvolte nella creazione del dossier erano “in pericolo”.

Ratcliffe ha anche rivelato di avere informazioni sul fatto che la campagna di Clinton “stava creando un piano per diffamare Donald Trump [and] di accusarlo falsamente di legami con la Russia”, e ha inoltre affermato che la comunità dell’intelligence, l’FBI, l’allora presidente Barack Obama e l’allora vicepresidente Joe Biden erano stati informati sulla questione.

“[Then-AG] Bill Barr, John Durham e io, tutti guardando queste informazioni, abbiamo convenuto che non c’era un presupposto adeguato per aprire un’indagine penale sulla campagna di Trump, eppure è successo”, ha detto Ratcliffe lunedì. “Quindi, questi sono i problemi che John Durham sta esaminando, e penso che ce ne saranno molti altri – mi aspetto che ci siano un bel po’ di incriminazioni per questo. Non c’era un presupposto adeguato per iniziare quell’indagine. John Durham lo ha già detto pubblicamente.

Il direttore della CIA John Brennan
John Ratcliffe e John Durham hanno discusso dell’allora direttore della CIA John Brennan (sopra).
AP Photo/Pablo Martinez Monsivais, File

Venerdì, Durham ha presentato una mozione in cui affermava che un avvocato della campagna elettorale di Clinton, Michael Sussmann, “aveva raccolto e trasmesso le accuse all’FBI per conto di almeno due clienti specifici, inclusa … la campagna di Clinton”.

“Sulla base delle accuse, un dirigente tecnico [Rodney Joffe] e una società tecnologica hanno utilizzato quello che in origine era un accesso legale ai server del governo, ma per ottenere informazioni e utilizzarle per uno scopo illegale”, ha spiegato Ratcliffe. “Quindi ciò di cui parla John Durham è che l’avvocato di Hillary Clinton, Michael Sussmann, ha preso queste informazioni dai dirigenti della tecnologia e le ha presentate all’FBI come prova di connessioni Trump-Russia che semplicemente non erano vere, e che l’avvocato Michael Sussmann e il dirigente tecnico sapevano che non era vero.

John Durham, al centro, fuori dal tribunale federale di New Haven, nel Connecticut, dopo la condanna dell'ex governatore.  John Rowland.
Ratcliffe ha detto che crede che Durham abbia trovato prove di una cospirazione.
Servizio di notizie Bob MacDonnell/Hartford Courant/Tribune tramite Getty Images

Sussmann è stato anche accusato di aver mentito a un agente federale e si è dichiarato non colpevole a settembre. Presumibilmente ha detto falsamente all’FBI che non stava lavorando per conto della campagna di Clinton quando ha presentato all’agenzia documenti che presumibilmente collegavano l’Organizzazione Trump a una banca legata al Cremlino due mesi prima delle elezioni.

Tuttavia, Durham afferma che “i documenti riflettono” che Sussmann “ha ripetutamente fatturato la campagna Clinton per il suo lavoro sulle … accuse”.

.

Leave a Comment