Prove razziste presentate nel processo federale contro gli assassini di Ahmaud Arbery: NPR


Travis McMichael (a sinistra) parla con l’avvocato Jason B. Sheffield durante la sua condanna in tribunale statale il mese scorso per l’omicidio di Ahmaud Arbery nel 2020.

Stephen B. Morton/Piscina/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Stephen B. Morton/Piscina/AP


Travis McMichael (a sinistra) parla con l’avvocato Jason B. Sheffield durante la sua condanna in tribunale statale il mese scorso per l’omicidio di Ahmaud Arbery nel 2020.

Stephen B. Morton/Piscina/AP

C’era un messaggio di testo di Travis McMichael, che si lamentava dei neri in un ristorante locale. “Necessità di cambiare il nome da Cracker Barrel a N****r Bucket”, ha scritto.

C’era un video, condiviso da McMichael su Facebook, di un ragazzo di colore che ballava Lo spettacolo di Ellen De Generes, la musica originale è stata tagliata e sostituita con la canzone razzista “Alabama N****r” di Johnny Rebel. La musica andò avanti all’infinito per un tempo sgradevolmente lungo, i testi disumanizzanti risuonavano nell’aula come qualcosa da uno spettacolo di menestrelli dalla faccia nera.

Un commento sotto un video dei manifestanti di Black Lives Matter, in cui McMichael desiderava un fucile semiautomatico per sparare alle persone che ha descritto come “maledette scimmie”, e un altro post in cui si sosteneva di entrare in un gruppo di neri con un veicolo.

Anche una conversazione di testo tra McMichael e un amico sugli zoodles – cioè noodles fatti di zucchine – coinvolgeva la parola N.

“È l’unica prova o ce n’è di più?” chiese il pm.

“C’era dell’altro”, rispose la testimone, l’agente dell’FBI Amy Vaughn.

Vaughn aveva analizzato il contenuto dei cellulari e degli account dei social media per conto del governo, costruendo il suo caso contro McMichael; suo padre, Greg McMichael; e il vicino William “Roddie” Bryan, che sono sotto processo per aver violato i diritti civili di Ahmaud Arbery quando lo hanno inseguito in una strada pubblica e gli hanno sparato mentre era fuori per una corsa il 2 febbraio. 23, 2020.

I tre uomini erano già stati condannati per omicidio e condannati all’ergastolo in un processo di stato lo scorso anno. Ora, i pubblici ministeri federali stanno cercando di dimostrare che i McMichaels e Bryan hanno inseguito Arbery a causa della sua razza, violando il suo diritto di usare una strada pubblica. Nelle dichiarazioni di apertura lunedì, il pubblico ministero Bobbi Bernstein ha affermato che i testi e le prove sui social media degli imputati avrebbero dimostrato il caso del governo.

Gli investigatori non sono stati in grado di ottenere i registri del cellulare di Greg McMichael a causa della crittografia del telefono, ma hanno sottolineato alcuni post di Facebook, incluso un aggiornamento di stato secondo cui “una pistola in mano vale più di un’intera forza di polizia al telefono”.

McMichaels ha riso di sconfinare durante la caccia

I pubblici ministeri hanno anche riprodotto un video del padre e del figlio che ridono di sconfinare in una proprietà privata mentre erano a caccia, ridacchiando dicendo che “c’è la proprietà privata e poi c’è la proprietà privata, sai?”

I McMichael hanno cercato di difendere le loro azioni contro Arbery come giustificate perché Arbery è stato visto violare una proprietà privata, una casa in costruzione nel quartiere.

I record di testo di Bryan mostrano, secondo Vaughn, “uno schema visto da diversi anni” nel fare commenti sprezzanti sui neri durante il Martin Luther King Jr. Day e messaggi di WhatsApp sul nuovo fidanzato nero della figlia di Bryan, incluso un messaggio in cui sua figlia scrive appassionatamente quella razza non ha importanza e implora suo padre di comprensione.

“Le ho sempre detto che questa è l’unica cosa che non potevo accettare”, ha scritto Bryan a un amico. Un giorno dopo aver ucciso Arbery, Bryan ha inviato un messaggio di nuovo all’amico, ancora in merito al litigio con sua figlia.

Gli avvocati della difesa hanno brevemente sostenuto che alcuni dei commenti razzisti sono stati presi fuori contesto, ma hanno rifiutato un ampio esame incrociato. Nelle loro dichiarazioni di apertura, gli avvocati difensori hanno ammesso che tutti e tre gli uomini hanno detto cose molto razziste, ma gli insulti razzisti non sono illegali.

“Non ti chiederò di apprezzare Travis McMichael”, ha detto l’avvocato Amy Lee Copeland ai giurati, dicendo che dovrebbero considerare le prove e trovarlo comunque innocente.

Leave a Comment