Prima chiamata: Adam Schefter di ESPN si scusa per il tweet di Dwayne Haskins; Brett Michaels fa pressioni su Steelers per un QB specifico in bozza

Adam Schefter si scusa per la sua segnalazione sulla morte del quarterback dei Pittsburgh Steelers Dwayne Haskins.

Le probabilità sono scarse sulle possibilità percepite di TJ Watt di ripetersi come Difensore dell’anno della NFL. Una celebrità di Pittsburgher sta facendo pressioni affinché uno specifico quarterback atterri con gli Steelers.

E una notte impegnativa nella NHL è evidenziata da alcune resa dei conti della Metropolitan Division.

Tutto questo nella “Prima chiamata” di martedì.


Scuse emesse

Il giornalista di ESPN Adam Schefter si è scusato per un tweet che ha inviato mentre riportava la notizia di sabato mattina della morte di Dwayne Haskins.

Quando Schefter ha appreso che il quarterback degli Steelers era stato ucciso mentre, secondo quanto riferito, cercava di attraversare a piedi un’autostrada del sud della Florida, Schefter ha twittato: “Dwayne Haskins, uno dei migliori dell’Ohio State prima di lottare per raggiungere Washington e Pittsburgh nella NFL, è morto questa mattina quando è stato investito da un’auto nel sud della Florida, dal suo agente Cedric Saunders. Haskins avrebbe compiuto 25 anni il 3 maggio.

Molti hanno criticato Schefter per aver incluso le lotte di Haskins nella NFL mentre davano la notizia della sua morte. Apparentemente, Schefter ha accettato di cancellare quel tweet e di ripubblicarne una versione diversa circa 20 minuti dopo.

Dwayne Haskins, uno dei protagonisti dello stato dell’Ohio prima di diventare la prima scelta di Washington e giocare a Pittsburgh, è morto questa mattina quando è stato investito da un’auto nel sud della Florida, dal suo agente Cedric Saunders. Haskins avrebbe compiuto 25 anni il 3 maggio.

— Adam Schefter (@Adam Schefter) 9 aprile 2022

Lunedì, Schefter ha doppiato le scuse durante il suo podcast.

“Era insensibile”, ha detto Schefter. “È stato un errore. E ti posso assicurare che non è mia intenzione. Vorrei poter riavere quel tweet. L’attenzione avrebbe dovuto essere su Dwayne, chi era come persona, marito, amico e molto altro ancora. Volevo scusarmi con la famiglia di Dwayne, i suoi amici, i giocatori della National Football League e porgere le mie condoglianze a tutti coloro che gli sono vicini. E nel modo in cui ho fallito sabato, volevo attirare l’attenzione della gente per assicurarmi che Dwayne fosse ricordato correttamente”.

Da lì, Schefter ha trascorso altri tre minuti esaltando le virtù di Haskins, menzionando i suoi successi al college, i suoi tentativi devoti di far risorgere la sua carriera con gli Steelers, il suo amore per Pittsburgh come casa adottiva e la sua volontà di diventare parte del fan del franchise iniziative di coinvolgimento e di sensibilizzazione della comunità.

Per scusarsi, il contenuto ha superato di gran lunga l’unico passaggio di rammarico del suo tweet iniziale. Semplicemente non so perché Schefter non avrebbe potuto fare qualcosa di simile su Twitter sabato o domenica, quindi leggere la sua dichiarazione lunedì durante il podcast.

Di conseguenza, come suggerito da ProFootballTalk, ad alcuni sembra Schefter che usa le scuse come un modo per promuovere l’ascolto del suo podcast.

Sulla base di alcuni commenti sotto il post di Schefter del podcast, molti nella sfera di Twitter sembrano essere d’accordo e si comportano come se nessuna scusa fosse abbastanza buona. Ma l’unica cosa più popolare su Twitter della segnalazione di virtù è la segnalazione di indignazione. E a volte i due sono quasi identici.

A quelle persone, però, chiederei anche un po’ di introspezione.

Se così tanti di voi stanno facendo di tutto per twittare su (o su) Schefter senza sosta per aver offuscato l’attenzione sulla morte di Haskins, cosa pensate sia successo in 72 ore di interminabili, brutti commenti lanciati contro Schefter (e anche Gil Brandt)?

Twitter, la radio sportiva e la blogosfera hanno trasformato la copertura della morte di Haskins in una storia più grande dell’orribile incidente stesso.

E se la presunta indignazione iniziale riguardava lo spostamento dell’attenzione dal lutto per la morte di Haskins, c’è una brutta ironia riguardo a ciò su cui alcune persone hanno scelto di concentrarsi invece. Perché, dopo due o tre ore, per non parlare di due o tre giorni, ci si dovrebbe chiedere se alcune persone che hanno attaccato Schefter lo stessero facendo onestamente nel tentativo di farlo sembrare cattivo.

O stavano solo cercando di farsi belli cercando Mi piace e retweet?

E se è così, non è questo essere ancora più insensibile alla memoria di Haskins di quello che fece Schefter in primo luogo?


Scelta diversa

Steeler TJ Watt non è il favorito per difendere il suo titolo di Difensore dell’anno.

Il corridore del passaggio dei Browns Myles Garrett è il favorito per vincere il premio secondo BetOnline.Ag. È elencato come uno dei preferiti di +650 (13/2). Watt è il prossimo a +700 (7/1). Watt aveva 22,5 sack per guidare la NFL nel 2021, eguagliando il record di Michael Strahan in campionato in una sola stagione. Garrett era terzo nella NFL con 16.0. Robert Quinn di Chicago è arrivato secondo con 18.5.

L’ex Pitt Panther e l’attuale star dei Los Angeles Rams Aaron Donald è il prossimo a +750 (15/2). L’ex Penn State Nittany Lion Micah Parsons è quarto. Il Defensive Rookie of the Year dei Dallas Cowboys è a +900 (9/1).


Qualcosa in cui credere

La gente dello Steelers Depot ha recentemente trovato una clip dell’episodio del 5 aprile di “The Rich Eisen Show”, in cui il quarterback dell’Università del Mississippi Matt Corral ha affermato che potrebbe avere qualche influenza esterna quando si tratta di incoraggiare gli Steelers a arruolarlo.

Corral e la sua famiglia sono amici di lunga data della rock star e noto fan degli Steelers Bret Michaels. Il cantante dei Poison, nato a Butler e cresciuto a Mechanicsburg, è arrivato persino a portare la famiglia di Corral a una delle sue partite a novembre. Ora, secondo Corral, Michaels sta proponendo che gli Steelers lo selezionano nel draft.

“Ho parlato con Bret durante tutto questo processo. Vuole davvero che atterri a Pittsburgh”, ha detto Corral a Eisen. “Bret sta davvero spingendo il signor Rooney affinché mi scelgano. Viveva accanto a uno dei proprietari degli Steelers. Quello era il suo vicino. E so che parlano molto. E so che ha tirato fuori il mio nome”.

Corral non ha specificato a quale membro della famiglia Rooney, o proprietà in generale, si riferisse. Ma questa non è la prima volta che il legame di Corral con Michaels viene fuori nello show di Eisen.

Quando Michaels ha fatto un’apparizione come ospite con Eisen a marzo, ha trascorso più di quattro minuti a faticare per gli Steelers per draftare Corral alla scelta n. 20.

Gli Steelers prenderanno davvero Corral? Immagino “Solo il tempo lo dirà”. Ma se lo fanno, suppongo che la festa alla leva di Corral sarà “Nient’altro che un buon momento”.

Mi mostrerò.


È una serata di hockey a… beh, un po’ ovunque

C’era solo una partita della NHL in azione lunedì sera. I Winnipeg Jets hanno battuto 4-2 i Montreal Canadiens.

Ci sono 14 partite martedì sera, però. Sette squadre della Metropolitan Division sono in azione. Sei sono coinvolti in scontri tra divisioni.

I Penguins affrontano gli Islanders solo per la seconda volta in questa stagione. I Penguins hanno vinto la prima partita 1-0 il 26 novembre. Nel frattempo, i Washington Capitals ospitano i Philadelphia Flyers e i Carolina Hurricanes sono a New York per giocare contro i Rangers.

I New Jersey Devils sono a ovest per affrontare gli Arizona Coyotes. Le Columbus Blue Jackets sono inattive fino a mercoledì.

Entrata in gioco martedì, Carolina (102 punti) ha due punti di vantaggio sui Rangers per il primo posto nella metropolitana. Quindi New York può passare al pareggio per il comando della divisione con una vittoria regolamentare al Madison Square Garden. Anche i Penguins (94 punti) e i Capitals (90 punti) sono attualmente in posizione playoff.

Tim Benz è uno scrittore dello staff di Tribune-Review. Puoi contattare Tim all’indirizzo tbenz@triblive.com o tramite Twitter. Tutti i tweet potrebbero essere ripubblicati. Tutte le email sono soggette a pubblicazione se non diversamente specificato.

Leave a Comment