Patrick Lyoya: La polizia di Grand Rapids, Michigan, pubblica il video di una sparatoria mortale durante una fermata del traffico

Il dipartimento di polizia di Grand Rapids ha detto che Lyoya è stata uccisa dopo che la pistola di un ufficiale è stata “scaricata” durante una “lunga lotta”. Ma un rappresentante della famiglia di Lyoya ha detto alla CNN di aver visto il video della sparatoria e crede che il 26enne sia stato ucciso “in stile esecuzione”.

Parlando durante una conferenza stampa, il City Manager Mark Washington ha offerto le sue condoglianze alla famiglia di Patrick Lyoya e ha definito il video “doloroso da guardare”.

Il dipartimento ha rilasciato filmati della telecamera del corpo della polizia, della dashcam, del telefono cellulare e del sistema di sorveglianza domestica dell’incidente mortale.

La polizia ha detto prima della conferenza stampa che né i video né l’audio sono stati modificati. Alcune immagini video sono state oscurate o sfocate per garantire la privacy.

L’incidente è iniziato poco dopo le 8 del mattino del 4 aprile, quando la polizia ha affermato di aver fermato un veicolo per una fermata del traffico. L’autista, ora noto per essere Lyoya, è sceso dal veicolo e ad un certo punto è scappato, ha detto in quel momento la polizia di Grand Rapids.

Non molto tempo dopo, “C’è stata una lunga lotta, mi è stato detto che è stato più di un minuto e mezzo o due minuti di combattimenti”, ha detto in precedenza il capo della polizia Eric Winstrom.

“Durante la lotta, l’arma dell’ufficiale si è scaricata, uccidendo l’uomo”, ha aggiunto.

La famiglia Lyoya si è trasferita dalla Repubblica Democratica del Congo negli Stati Uniti nel 2014 e ha lavorato con il loro rappresentante, il pastore Israel Siku, dalla morte di Patrick. La prima lingua di Siku è lo swahili e funge anche da interprete per i Lyoya.

Ha detto alla CNN che era con il padre di Lyoya, pochi giorni dopo la sparatoria, quando sono stati invitati dalla polizia a rivedere il video della sparatoria.

Siku ha descritto la reazione del padre nel vedere il video: “Si è sciolto, non aveva niente da dire. È quasi svenuto”.

In un forum della comunità domenica, Siku ha detto a una chiesa piena di persone: “Ho visto il video, non riuscivo a dormire”.

“Il ragazzo era a terra, il poliziotto mentre si sdraia su di lui, tira su la pistola e gli spara alla testa e poi si rialza. Patrick non si è mosso”, ha aggiunto.

Ci sono state molteplici proteste e manifestazioni a nome di Lyoya. Martedì sera, dozzine di persone hanno chiesto giustizia mentre si sono radunate al di fuori di una riunione della Commissione Comunale. Durante la riunione di quasi cinque ore, 74 dei 75 membri del pubblico che hanno parlato hanno espresso indignazione e dolore per la morte di Lyoya.

In una dichiarazione alla CNN, il sindaco di Grand Rapids Rosalynn Bliss ha detto in parte: “Stiamo tutti lavorando attraverso una serie di emozioni, dalla rabbia alla confusione al dolore, ma sono fiducioso come comunità che siamo anche pazienti e risoluti nel nostro impegno per arrivare alla verità”.

Indagine della Polizia di Stato del Michigan

L’avvocato per i diritti civili Benjamin Crump – che ha rappresentato vittime di alto profilo della violenza della polizia – è stato trattenuto dalla famiglia Lyoya e ha spinto per il rilascio di tutti i video disponibili.

“Ci viene ancora una volta ricordato quanto rapidamente un’interazione con la polizia possa rivelarsi mortale per i neri in America e fino a che punto dobbiamo spingerci per cambiarlo”, ha detto Crump.

3 ex agenti di polizia accusati della morte di George Floyd rifiutano il patteggiamento

L’indagine è stata consegnata alla polizia di stato del Michigan poco dopo la sparatoria, ha detto la polizia di Grand Rapids. L’agenzia statale ha confermato alla CNN che stava indagando su richiesta del dipartimento ed è un'”indagine attiva e in corso”. Una volta completato, sarebbe stato consegnato al procuratore della contea per potenziali accuse.

Il procuratore della contea di Kent Christopher Becker ha detto alla CNN che non è stata presa alcuna decisione in merito all’ufficiale poiché l’indagine non è completa. Per quanto riguarda l’imminente rilascio del video, ha detto: “Devono fare ciò che pensano meglio e non lo criticherò”. In una dichiarazione del 7 aprile, ha affermato: “Per mantenere l’integrità di questa indagine, ho chiesto alle agenzie di polizia coinvolte di non rilasciare alcuna prova fino al completamento dell’indagine”.

Il dipartimento di polizia di Grand Rapids ha affermato che sia la polizia di stato del Michigan che Becker sono a conoscenza del rilascio previsto. I risultati delle indagini in corso saranno forniti anche al capo della polizia di Grand Rapids e agli affari interni del dipartimento, ha affermato Winstrom in una nota.

“Questo è un uso della forza letale. Il test per la forza letale è che l’ufficiale ha il diritto di usare la forza letale quando si difende da una ragionevole minaccia di morte o di gravi danni fisici”, ha detto Winstrom non molto tempo dopo la sparatoria.

“Sarà il test che la polizia di stato del Michigan utilizzerà quando lo esaminerà inizialmente. E sarà lo stesso test che uso per esaminarlo dopo che le loro indagini ci saranno state consegnate”.

.

Leave a Comment