Otto ragioni per cui la decisione di Dodgers di rimuovere Clayton Kershaw da una partita perfetta è stata così complicata

Nel caso in cui non l’avessi sentito finora – il che sarebbe un grande sconvolgimento – il titolare dei Dodgers Clayton Kershaw ha giocato una partita perfetta per sette inning mercoledì pomeriggio in Minnesota. Aveva lanciato solo 80 lanci. È stato rimosso dal gioco.

Una tale mossa nell’era Hot Take è l’equivalente sui social media di accendere un candelotto di dinamite. Per quelli abbastanza fortunati da perdere l’esplosione, era altrettanto infuocato come potresti immaginare.

La mia reazione emotiva è stata respinta con un leggero accenno di fastidio e probabilmente intrecciata con un po’ di rabbia. Capisco sicuramente da dove vengono tutti coloro che volevano vedere Kershaw continuare.

Date le circostanze dietro Kershaw, i Dodgers e il tempismo dell’uscita, è comprensibile rimuoverlo dal gioco.

Con il passare della notte e ho preso una certa distanza dalla situazione, l’unica cosa di cui ero davvero infastidito erano le persone che sono così sicuro hanno ragione.

Questa uscita e se lasciare o meno Kershaw nel gioco ha molte più sfumature coinvolte che semplicemente abbaiare su come la tua “parte” è giusta e l’altra è sbagliata.

Esaminerò molti dei punti chiave e degli argomenti qui nella speranza di bilanciare tutto a portata di mano.

E sì, lo so. Tutti quelli che sono d’accordo con te hanno ragione e tutti quelli che non sono d’accordo sono stupidi. sono ben consapevole. Ho avuto anni di formazione qui.

1. Allenamento primaverile abbreviato

Questa è la terza volta in questa stagione che un lanciatore viene tirato senza battitore per almeno sei inning. La reazione istintiva per molti è quella di incolpare senza pensare gli “analitici” e lamentarsi dei “lanciatori di questi tempi”.

E, ehi, alcune di queste sono assolutamente giuste. È un gioco completamente diverso rispetto a decenni fa ed è ragionevole discutere della possibilità che alcuni dei cambiamenti siano stati in peggio.

Tuttavia, non sono sicuro che questo sia il caso migliore per illustrare questo punto. Non adesso. È un problema di tempismo. Cioè, grazie al blocco imposto dal proprietario, le partite di allenamento primaverili sono iniziate il 17 marzo. Kershaw ha lanciato sette inning perfetti il ​​13 aprile. I lanciatori iniziali di solito non sono al completo per il loro primo inizio o due nella stagione regolare comunque, ma in 2022, hanno avuto una frazione del tempo per prepararsi.

Semplicemente non sono ancora arrivati ​​ed è totalmente ignaro delle circostanze di ciò che è accaduto questa primavera per discutere di questa uscita allo stesso modo in cui lo faremmo se Kershaw fosse stato ritirato a luglio.

2. Non è stato un no-hitter; era una partita perfetta

Ho avuto una risatina con me stesso mentre mi preparavo a scrivere questo solo poche righe di testo dopo averlo chiamato “Hot Take Era”, ma, per i miei soldi, i no-hitter sono un po’ sopravvalutati. Sì, sono fantastici. Un risultato eccezionale, senza dubbio. È solo che le ultime stagioni sono state nove. La media di battuta del campionato era .244. Con lanciatori, difese e scouting così bravi, non lo è Quello un risultato ridicolo, relativamente parlando.

Un gioco perfetto, tuttavia, è un altro animale. Nell’intera storia della Major League Baseball, ce ne sono stati solo 23. È il picco dell’eccellenza nel lancio individuale. Questa è l’impresa che i no-hitter vorrebbero fossero.

Ecco perché questo gioco di Kershaw è un affare così grande rispetto ai casi che abbiamo già visto con Yu Darvish e Sean Manaea.

Non c’è stata una partita perfetta dal 2012 (15 agosto di quell’anno di Félix Hernández).

Anche con la mia affermazione “nessun battitore è sopravvalutato” che penzola nel vento, sono pienamente consapevole che si tratta di un evento speciale. Un gioco perfetto è esponenzialmente di più speciale. Ecco cosa stava succedendo qui.

Sapere questo è il motivo per cui è stato così esasperante quando Kershaw è stato mostrato in panchina mentre si dirigeva verso la clubhouse con la sua giacca invece di tornare sul monte con il guanto a metà dell’ottavo inning.

3. Il gomito di Kershaw

Kershaw è stato inserito nella lista degli infortunati a causa di un’infiammazione dell’avambraccio sinistro lo scorso luglio. Sebbene i problemi alla schiena lo avessero messo da parte prima, questa è stata la prima volta nella sua carriera che ha avuto un problema al gomito, almeno al punto che ha dovuto saltare le partenze. Non è tornato fino a metà settembre, ma poi ha avuto dolore al gomito nella sua ultima uscita di stagione regolare e ha saltato i playoff. Ha ricevuto un’iniezione di plasma ricco di piastrine ed è stato costretto a interrompere per gran parte della bassa stagione.

La preparazione di Kershaw all’inizio di mercoledì – questo è stato il suo primo inizio di stagione – includeva una partita simulata giovedì scorso in cui ha lanciato 75 lanci.

Non si trattava di “analisi” che dicevano al manager dei Dodgers Dave Roberts di proteggere Kershaw dalla formazione una terza volta o qualcosa del genere. Questo era il piano dei Dodgers e di Kershaw per portarlo al massimo delle sue forze in modo che potesse avere la stagione più sana possibile all’età di 34 anni.

Allontanarsi da quello per un risultato individuale in uno sport di squadra non è certo una mossa degna di essere ridicola.

4. Il conteggio del passo

Sarà un grande punto di discussione, indipendentemente dal punto di vista di qualcuno qui.

Abbiamo ancora la folla “i lanciatori al giorno d’oggi sono troppo coccolati” e temo che lo faremo sempre. Avremo anche le persone “proteggi le armi” e forse è troppa protezione?

In generale, 80 tiri per il primo inizio di stagione non lo sono Quello molto. Con l’allenamento primaverile ridotto, forse è un po’ più allungato del solito. Tuttavia, non è sicuramente un enorme carico di lavoro.

Verso mercoledì, la MLB aveva già visto – in meno di una settimana, intendiamoci – 42 uscite in cui un lanciatore ha lanciato almeno 81 lanci. Justin Verlander ha lanciato esattamente 80 al suo ritorno dall’intervento chirurgico di Tommy John. Carlos Rodón sta uscendo da problemi al braccio, ha lanciato un’organizzazione molto premurosa e ha lanciato 89 lanci. Hunter Greene ha 22 anni, ha subito un intervento chirurgico a Tommy John, ha una media di oltre 100 miglia orarie con la sua palla veloce e ha lanciato 92 lanci. Freddy Peralta ha combattuto un infortunio alla spalla la scorsa stagione e ne ha tirati 88.

Come puoi vedere, superare gli 80 tiri non sembrava una sorta di zona di pericolo nel baseball. Che cosa potrebbe aver ferito lasciare che Kershaw andasse a vedere cosa è successo nell’ottavo?

Naturalmente, non molti sono andati molto oltre 80. Solo 18 lanciatori ne hanno lanciati più di 85 e solo sei hanno superato 90. Robbie Ray, il vincitore in carica dell’AL Cy Young, che ha guidato l’AL negli inning lanciati la scorsa stagione, è stato il leader con 96 lanci .

Dopo aver lanciato 80 lanci in sette inning, Kershaw era in grado di lanciare 103 lanci in nove inning.

Dopo un infortunio al gomito all’età di 34 anni, con una storia di infortuni alla schiena e un allenamento primaverile ridotto, Kershaw aveva davvero bisogno di superare i livelli superiori di carico di lavoro rispetto a ciò che qualsiasi titolare ha fatto finora quest’anno all’inizio? In questo scenario, attraverso un turno nella rotazione di tutti, questo sarebbe il ragazzo con il maggior numero di lanci all’inizio con un margine abbastanza decente. Ti sembra intelligente?

5. Il quadro più ampio per la squadra

I Dodgers sono tutti dentro. Hanno vinto la divisione otto anni consecutivi prima della scorsa stagione, durante la quale hanno vinto 106 partite. Hanno vinto una World Series lì dentro, ma è stata “solo” quella e quella è accaduta in un 2020 ridotto e vuoto. Sicuramente vogliono ottenere un titolo per l’intera stagione.

Si potrebbe sostenere che uno dei motivi principali per cui non hanno vinto la corona la scorsa stagione è stato l’infortunio di Kershaw.

La profondità di rotazione sembra essere una preoccupazione quest’anno.

È metà aprile.

Gli obiettivi della squadra non sono molto più grandi del tentativo di spingere Kershaw oltre il traguardo il 13 aprile?

6. È ancora uno sport per spettatori

La Major League Baseball ha appena attraversato la maggior parte della bassa stagione con un gruppo di ricchi che discutevano di soldi.

Potremmo approfondire i dettagli e sottolineare che una parte è molto più ricca dell’altra e tutto il resto, ma l’abbiamo fatto per tutta la bassa stagione. Non è stato divertente. E i fan non ne vogliono sapere. I fan vogliono solo godersi lo sport del baseball invece di avere a che fare con l’ottica dei ricchi che parlano di quanti più soldi si meritano.

Ed è stato quasi un gioco perfetto!

I fan adorano cose come questa. È uno dei motivi per cui copriamo così ampiamente i no-hitter. È uno dei modi più semplici per attirare gli occhi di fan occasionali e irriducibili allo stesso modo. Nel momento in cui qualcuno menziona la possibilità di un no-hitter, qualsiasi appassionato di baseball vuole immediatamente sintonizzarsi e vedere il completamento o come è stato scomposto. Diavolo, ho già chiamato i no-hitters sopravvalutati e cambio sempre canale lì negli ultimi inning. Tutti nel campo della palla sono sul bordo del loro posto. Gli offensivi vogliono spezzarlo e i difensori sono pronti a lasciare i piedi per mantenerlo intatto.

Questo è stato un gioco perfetto. Era sulla buona strada per essere il primo gioco perfetto in quasi 10 anni.

Era Clayton Freaking Kershaw. Il futuro Hall of Fame. Ha superato il suo periodo migliore, ma ha ancora abbastanza risorse per essere il miglior giocatore in campo in giornate come mercoledì.

Che storia sarebbe stata. Che delizia per gli appassionati di baseball dopo una bassa stagione infernale.

C’è sicuramente qualcosa da dire per prendersi cura dei fan qui.

7. L’ignoto e il caso in cui lasciarlo

Sapendo questo, perché non rimandare Kershaw all’ottavo inning solo per vedere cosa succede? Avrebbe potuto rinunciare a un colpo al suo primo tiro e poi qual è stato il danno? Il suo braccio non cadrà dopo alcuni tiri di riscaldamento e uno vero.

E se Kershaw avesse battuto la strike zone, i Twins stessero tagliando via e avesse concluso il perfecto con 93 lanci?

Non possiamo assolutamente sapere che altri 13 lanci in due inning saranno dannosi per il resto della stagione e/o della carriera di Kershaw. Se lo fosse, forse ha comunque cucinato? E non è che i Dodgers contino sul primo Kershaw per consegnare loro 220 inning o qualcosa del genere. Potevano sempre respingerlo di qualche giorno o addirittura saltare un turno.

Parla con qualsiasi medico che si sia occupato di lesioni al braccio e l’unica cosa su cui sono d’accordo è che non riescono a definire un certo numero di toni in situazioni specifiche come questa. Non c’è una regola rigida, soprattutto con un 34enne come Kershaw che ha tanto chilometraggio sul braccio ma anche tanta forza.

Ovviamente, più carico di lavoro comporta più rischi e un minor numero di lanci riduce il rischio. Si tratta di chiunque può definire.

Ho visto qualcuno parlare del no-hitter di Johan Santana per i Mets. Non credo sia affatto paragonabile. Santana ha subito un intervento chirurgico alla spalla nel 2011 ed è un affare molto più grande del dolore al gomito che non ha nemmeno richiesto un intervento chirurgico. Non solo, Santana ha lanciato 134 lanci il 1 giugno 2012, nel suo no-hitter.

C’e ‘un eccezionale molto lavoro tra 80 e 134. Anche senza dettagli, sappiamo molto.

Non riesco a superare la sensazione che nulla sarebbe danneggiato lasciando Kershaw tornare fuori per l’ottavo per vedere cosa succede. Era una partita perfetta, dopotutto. Non è che sarebbe rimasto sul tumulo dopo aver camminato tre battitori di fila o altro. Se il primo battitore ha commesso un fallo su qualcosa di ridicolo come 13 lanci, fallo fuori.

C’è sempre la possibilità che ci siano tre a terra veloci e lui è a, diciamo, 85 tiri con tre eliminati dalla fine. Sembra un gioco da ragazzi da lì fargli avere il nono.

8. L’ignoto e il caso della rimozione

Poi di nuovo, c’è anche la possibilità che Kershaw prenda il posto per l’ottavo posto, deviando dal piano dei Dodgers – e di Kershaw – prima dell’inizio e poi subisca un infortunio a fine stagione. Forse è solo uno o due inning che cambiano la stagione.

E se si estendesse ben oltre il piano e lanciasse circa 105 tiri e completasse il gioco perfetto, ma poi non riuscisse a rimettersi in sesto nelle prossime settimane? Per il resto della sua stagione, la storia è che Kershaw non è in grado di liberarsi e non raggiunge nemmeno i primi 50 inning. Nel frattempo, i Dodgers non hanno la profondità di lancio iniziale che preferirebbero e vengono rimbalzati di nuovo prima delle World Series.

Ne sarebbe valsa la pena non solo superare il piano il 13 aprile, ma anche sfondarlo?


Nuance non è popolare in questi giorni. Molti di noi scavano solo su un lato di un problema e adorano vomitare veleno verso “l’altro lato”.

Mentre il gioco procedeva mercoledì, io davvero, veramente voleva che Clayton Kershaw completasse un gioco perfetto. Ero anche preoccupato che Roberts avrebbe eliminato Kershaw e impedito al mondo del baseball di vederlo arrivare a buon fine.

Più ho setacciato tutto a portata di mano, però, più mi sono reso conto che in realtà c’erano molti punti positivi su entrambi i lati della recinzione.

In effetti, il più grande colpevole qui è in realtà il tempismo. Se ciò fosse accaduto tra qualche mese, avremmo ottenuto una conclusione adeguata.

Forse lo faremo. Non sarebbe qualcosa.

Leave a Comment