Opzione marinai Jarred Kelenic, reclamo Adrian Sampson

I Mariners hanno annunciato questo pomeriggio di aver rivendicato la curva a destra Adriano Sansone esenzioni da parte dei Cubs. Hanno anche selezionato un esterno Steven Souza Jr. alle grandi leghe al posto di Jarred Kelenic, che è stato opzionato per Triple-A Tacoma. Anche Seattle è stata reintegrata Sergio Romo dalla lista degli infortunati da 10 giorni, facoltativo Danny Young e designato Stuart Fairchild e Yohan Ramirez per l’incarico di liberare spazio nel roster di 40 uomini per Sampson e Souza.

La retrocessione di Kelenic è la più notevole della serie di mosse di Seattle. Ex sesta scelta assoluta e miglior potenziale cliente, Kelenic deve ancora produrre contro i lanci di big league. Ha lottato per una linea .181/.265/.350 nelle sue prime 377 apparizioni in targa MLB la scorsa stagione, colpendo nel 28,1% dei suoi viaggi mentre colpendo solo .216 sulle palle in gioco. Gli M speravano sicuramente di vedere di più dall’esterno mancino all’inizio di questa stagione, ma non è ancora stato così.

Attraverso 30 partite, Kelenic possiede solo un segno di .140/.219/.291. Il giovane è sceso in sciopero 36 volte entrando in contatto solo nel 67,8% dei suoi swing. Questa è la dodicesima percentuale di contatto più bassa tra 192 battitori con almeno 90 presenze in targa, e gli M hanno deciso che è tempo di un reset contro le armi Triple-A. È la seconda volta in così tanti anni che Kelenic è stato opzionato dopo aver litigato contro il lancio della MLB, ma ha risposto bene durante un periodo di un mese nelle minori la scorsa estate.

Il tempismo dell’ultima opzione di Kelenic arriva piuttosto ironicamente poiché gli M sono diretti nel Queens per una serie di fine settimana con i Mets. New York, ovviamente, lo ha originariamente arruolato e lo ha incluso nel controverso Robinson Cano/Edwin Diaz scambio. Sembrava essere un colpo di stato per Seattle, dato il pedigree prospettico di Kelenic, ma ovviamente dovrà esibirsi meglio ogni volta che le M lo riporteranno nelle grandi leghe. C’è tutto il tempo per farlo, dato che non compirà 23 anni fino a luglio. A causa della cancellazione della stagione della lega minore nel 2020, il nativo del Wisconsin ha giocato solo 51 partite tra Doppia A e Tripla A.

Salvo un periodo eccezionalmente lungo, la retrocessione non sembra intaccare il suo percorso verso il libero arbitrio dopo la stagione 2027. Kelenic è entrato nell’anno con 105 giorni di servizio nella big league; ai giocatori viene accreditato un anno di servizio completo per aver trascorso 172 giorni in un elenco MLB o in un elenco infortunato. Quest’anno è aumentato di circa 36 giorni in più, il che significa che deve essere nelle major per circa un mese in più per superare la soglia di un anno nel 2022. La durata di questa permanenza a Tacoma sarà senza dubbio determinata in gran parte dalla performance di Kelenic lì, ma è difficile immaginare che la M lo tenga fermo fino a settembre, salvo alcune grandi lotte contro il lancio di Triple-A.

Nel frattempo, Seattle si rivolgerà al veterano Souza con Giulio Rodriguez, jesse winker e Dylan Moore come opzioni outfield. Il 33enne ha avuto sporadici momenti in MLB con i Cubs e i Dodgers negli ultimi due anni, ma non ha giocato un’intera stagione nelle major dal 2017. Firmato con un contratto di lega minore nello Spring Training, Souza ha ottenuto un ottimo inizio con i Rainiers. Sta colpendo .267/.417/.533 con cinque homer e un’enorme percentuale di camminata del 19,8% in 22 partite. I 14-18 M vedranno se riuscirà a portare avanti quella produzione contro le armi della big league per iniettare un po’ di vita in un campo esterno che ha deluso.

Fairchild ha fatto parte di quel mix di outfield molto brevemente. Il 26enne è stato acquisito dai Diamondbacks per contanti a fine aprile ed è apparso in tre partite, senza successo in tre apparizioni al piatto. Nato a Seattle, Fairchild è stato una scelta al secondo turno dei Reds nel 2017 ed è stato scambiato due volte nella sua giovane carriera. Gli M avranno una settimana per occuparsene di nuovo o cercheranno di sottoporlo a deroghe a titolo definitivo.

Questo vale anche per Ramirez, che ha giocato in big nelle ultime tre stagioni. La curva a destra possiede un’ERA di 3,97 in 56 inning di 2/3 di carriera, colpendo un forte 28,6% degli avversari. Tuttavia, ha anche calcato il 15,2% dei battitori affrontati ed era stato etichettato per tre homer nelle sue prime sette uscite quest’anno. I Mariners hanno scelto di andare avanti, ma lavora a metà degli anni ’90 e ha ancora un paio di anni di opzione per la lega minore, quindi è possibile che un altro club gli sfidi lui.

Al suo posto, porteranno a bordo un’opzione multi-inning dei Cubs. Sampson ha iniziato cinque delle sue dieci apparizioni con Chicago la scorsa stagione, lanciando 35 fotogrammi 1/3 di 2,80 ERA palla. Ciò è arrivato con un deludente tasso di strikeout del 19,3% e un allarmante 2,04 homer consentiti ogni nove inning, ma ha battuto la zona di strike e ha indotto una discreta quantità di ground-ball. Chicago ha firmato di nuovo il diritto di un accordo di lega minore durante l’inverno. È stato selezionato per le grandi leghe domenica, lanciato in una partita, quindi è stato designato per l’assegnazione.

.

Leave a Comment