Nebraska Rep. USA Fortenberry ritenuto colpevole nell’indagine elettorale

LOS ANGELES (AP) – Rep. USA Jeff Fortenberry del Nebraska è stato condannato giovedì con l’accusa di aver mentito alle autorità federali su un contributo illegale di $ 30.000 alla sua campagna da un miliardario straniero a una raccolta fondi di Los Angeles del 2016.

Una giuria federale a Los Angeles ha deliberato circa due ore prima di ritenere il repubblicano di nove mandati colpevole di aver nascosto informazioni e due capi di imputazione per aver rilasciato false dichiarazioni alle autorità. Fortenberry è stato accusato dopo aver negato all’FBI di essere a conoscenza di aver ricevuto fondi illeciti da Gilbert Chagoury, un miliardario nigeriano di origine libanese.

Fortenberry non ha mostrato alcuna emozione mentre è stato letto il verdetto, ma la figlia più piccola ha iniziato a singhiozzare in modo incontrollabile nella parte anteriore della galleria mentre sua madre cercava di consolarla. Dopo che la giuria ha lasciato l’aula, Fortenberry si è avvicinato a sua moglie e alle due delle sue cinque figlie che erano presenti e le ha abbracciate.

Fuori dal tribunale, Fortenberry ha detto che il processo era stato ingiusto e che avrebbe presentato ricorso immediatamente. Non avrebbe detto se avrebbe sospeso la sua campagna per la rielezione, dicendo che avrebbe trascorso del tempo con la sua famiglia.

“Ricevo così tanti bei messaggi da persone letteralmente in tutto il mondo, che hanno pregato per noi e tirato per noi”, ha detto.

Il giudice ha fissato la condanna per il 28 giugno. Ogni conteggio comporta una potenziale pena detentiva di cinque anni e multe.

È stato il primo processo a un membro del Congresso in carica dalla Rep. Jim Traficant, D-Ohio, è stato condannato per corruzione e altri reati nel 2002.

Fortenberry, 61 anni, non ha testimoniato, ma i suoi avvocati hanno sostenuto al processo che non era a conoscenza del contributo e che gli agenti hanno ordinato a un informatore di fornirgli le informazioni in una chiamata di 10 minuti per incastrarlo.

L’assistente del procuratore degli Stati Uniti Mack Jenkins ha detto che c’erano ampie prove registrate nel caso e il rapido verdetto della giuria ha rivendicato gli sforzi dell’accusa.

“Il nostro punto di vista è che fosse una storia semplice”, ha detto Jenkins. “Un politico coinvolto nel ciclo del denaro e del potere. E come ho detto, ha perso la strada”.

Il processo potrebbe quasi mettere fine alla carriera politica di un membro del Congresso visto come un conservatore affidabile che ha ottenuto facili vittorie ma non è un nome familiare al di fuori del Nebraska. I criminali possono candidarsi e servire al Congresso, ma la stragrande maggioranza sceglie di dimettersi sotto minaccia di espulsione.

Fortenberry ha subito un grande colpo politico quando i pubblici ministeri hanno annunciato le accuse e la sua incriminazione ha già diviso i repubblicani del Nebraska che lo hanno sostenuto per anni nel distretto conservatore. Molti eminenti repubblicani hanno approvato lo stato Sen. Mike Flood, un legislatore statale conservatore ed ex presidente della legislatura del Nebraska, per la sede del Congresso.

I pubblici ministeri hanno sostenuto che Fortenberry ha mentito su ciò che sapeva sulla donazione illecita durante un’intervista nella sua casa di Lincoln nel marzo 2019 e un incontro di follow-up quattro mesi dopo a Washington sul contributo ricevuto a una raccolta fondi di Los Angeles.

Gli avvocati difensori hanno affermato che il difetto di Fortenberry è stato l’incontro volontario con agenti e pubblici ministeri per aiutare la loro indagine e avere una memoria difettosa.

Celeste Fortenberry, la moglie del legislatore, è stata l’ultima testimone del caso e ha testimoniato che suo marito non ricordava nemmeno il giorno in cui si erano incontrati. Ha detto che detestava fare chiamate di raccolta fondi ed era spesso con il “pilota automatico” quando le conduceva.

Gli avvocati di entrambe le parti del processo hanno concentrato le loro argomentazioni conclusive su una di queste chiamate con il dottor Elias Ayoub, che ha organizzato la raccolta fondi per Fortenberry nella sua casa di Los Angeles nel 2016.

Ayoub, che stava collaborando con l’FBI, ha detto a Fortenberry durante la chiamata segretamente registrata nel giugno 2018 di aver distribuito $ 30.000 ad amici e parenti che hanno partecipato alla raccolta fondi in modo che potessero scrivere assegni per la campagna di Fortenberry.

Il dottore ha detto che i soldi erano stati forniti da un loro collaboratore e probabilmente provenivano da Chagoury, che vive a Parigi. Chagoury ha ammesso nel 2019 di aver incanalato $ 180.000 in contributi elettorali illegali a quattro campagne e ha accettato di pagare una multa di $ 1,8 milioni.

I tre uomini nel presunto piano per incanalare i soldi a Fortenberry erano tutti di origine libanese e avevano legami con In Defense of Christians, un’organizzazione no-profit sostenuta da Fortenberry che si dedicava alla lotta alla persecuzione religiosa in Medio Oriente.

Fortenberry ha chiesto ad Ayoub durante la telefonata di organizzare un’altra raccolta fondi con i sostenitori della loro causa.

Nel 2019, Fortenberry ha negato agli agenti dell’FBI di aver ricevuto fondi da un cittadino straniero o attraverso i cosiddetti contributi di condotta, dove il denaro è stato distribuito a donatori di paglia.

Fortenberry, che non sapeva che gli agenti avevano registrato la sua chiamata con Ayoub, ha detto che sarebbe “orribile” se il dottore avesse fatto una simile affermazione sulla fonte dei fondi.

L’avvocato difensore John Littrell ha detto che la registrazione della chiamata mostrava solo ciò che è stato ascoltato alla fine di Ayoub e non ciò che Fortenberry, che aveva una scarsa ricezione del cellulare, ha sentito.

Se Fortenberry non avesse sentito solo tre parole cruciali, potrebbe essersi perso ciò che Ayoub stava cercando di dirgli sulla provenienza dei soldi, ha detto Littrell. Il fatto che Fortenberry non ricordasse la chiamata più di un anno dopo era comprensibile, ha detto.

“Questo è un test di memoria che ognuno di noi fallirebbe”, ha detto Littrell.

Littrell ha detto che i 36.000 dollari che il suo cliente ha raccolto a Los Angeles – la maggior parte dei quali illegalmente – sono stati una goccia nel mare per un membro del Congresso in un distretto non competitivo con una sana cassa di guerra. Ha detto che i giurati dovrebbero credere a ciò che la maggior parte dei testimoni ha detto su Fortenberry: era un uomo onesto e integro.

“Pensi che metterebbe in gioco la sua reputazione per $ 30.000 quando aveva $ 1,5 milioni?” disse Littrell. “Non e possibile.”

Jenkins ha ribattuto che la reputazione perfettamente pulita di Fortenberry era alla radice delle sue bugie.

“Costruisci così tanta reputazione, hai molto da perdere”, ha detto. “Questa non è una giustificazione per mentire; questa è una motivazione per mentire.

Patty Pansing Brooks, un ex legislatore che sta cercando la nomination democratica per il seggio del Congresso, ha ringraziato la giuria e offerto “pensieri e preghiere” per Fortenberry e la sua famiglia.

“È tempo che il Nebraska elegga una nuova leadership. Servirò con integrità e combatterò per tutti i Nebraskani”, ha detto in una dichiarazione.

____

Schulte ha riferito da Omaha, Nebraska.

.

Leave a Comment