Nebraska GOP Rep. Jeff Fortenberry si dimette dopo la condanna

“È stato un mio onore servire con voi alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti”, ha scritto Fortenberry. “È stato un piacere chiamare molti di voi amici. Che Dio ti benedica mentre lavori per il bene del nostro Paese, aiuti i bisognosi e ti sforzi per ciò che è giusto e giusto”.

In una dichiarazione pubblicata sul suo sito Web, Fortenberry ha detto ai suoi elettori che “a causa delle difficoltà delle mie circostanze attuali, non posso più servirti in modo efficace”.

Le accuse di Fortenberry derivano da a Raccolta fondi 2016 tenutasi a Glendale, in California, per la rielezione del membro del Congresso. Lì, Fortenberry ha ricevuto donazioni per un totale di $ 30.200 da Gilbert Chagoury, un ricco dirigente d’azienda nigeriano di origine libanese che ha usato altre persone come canali per fornire i contributi, ha annunciato in ottobre l’ufficio del procuratore statunitense per il distretto centrale della California.

Ai cittadini stranieri è vietato fare donazioni a candidati in corsa per una carica federale negli Stati Uniti. È anche illegale mascherare l’identità di un donatore attraverso contributi di terze parti.

Fortenberry è stato condannato per un conteggio di complotto per falsificare e nascondere fatti materiali e due per aver rilasciato false dichiarazioni agli investigatori federali. Ciascuno dei conteggi comporta una pena massima di cinque anni in una prigione federale. I criminali possono candidarsi e servire al Congresso.

Il processo di una settimana di Fortenberry a Los Angeles si è concluso con un verdetto di colpevolezza annunciato giovedì dopo due ore di deliberazioni, ha riferito l’Associated Press.

“Dopo aver appreso di contributi illegali alla sua campagna, il membro del Congresso ha ripetutamente scelto di nascondere le violazioni della legge federale per proteggere il suo lavoro, la sua reputazione e i suoi stretti collaboratori”, ha dichiarato giovedì il procuratore degli Stati Uniti Tracy L. Wilkison. “Le bugie in questo caso hanno minacciato l’integrità del sistema elettorale americano e sono state progettate per impedire agli investigatori di conoscere la vera fonte dei fondi della campagna”.

Il membro del Congresso, che ha affermato la sua innocenza da quando è stato accusato in ottobre, ha detto che intendeva appellarsi contro il verdetto. La sua squadra di difesa ha sostenuto che le autorità avevano usato tattiche investigative ingannevoli per incriminare il membro del Congresso.

La dirigenza della Camera, tuttavia, ha chiesto le sue dimissioni dopo la condanna.

“La convinzione del membro del Congresso Fortenberry rappresenta una violazione della fiducia pubblica e della fiducia nella sua capacità di servire. Nessuno è al di sopra della legge”, ha dichiarato venerdì il presidente della Camera Nancy Pelosi (D-California). “Il membro del Congresso Fortenberry deve dimettersi dalla Camera”.

Anche il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy (R-Calif.) ha chiesto a Fortenberry di dimettersi.

Parlando durante il ritiro annuale dei repubblicani della Camera in Florida venerdì, McCarthy ha detto che Fortenberry “ha avuto la sua giornata in tribunale”.

“Penso che se vuole fare appello, potrebbe farlo come privato cittadino”, ha detto McCarthy. “Ma penso che quando qualcuno viene condannato, è ora di dimettersi”.

Secondo i documenti del tribunale, Chagoury, il miliardario nigeriano, ei suoi associati avevano legami con un’organizzazione no profit che combatteva la persecuzione dei cristiani e di altre minoranze in Medio Oriente. I pubblici ministeri federali hanno affermato che il trio ha cercato di incanalare denaro verso “i politici degli stati meno popolosi perché il contributo sarebbe più evidente per il politico e quindi promuoverebbe un maggiore accesso ai donatori”.

Fortenberry, che ha sostenuto la missione del gruppo, sostiene di non sapere nulla delle donazioni illegali della campagna.

Due volte nel 2019, gli investigatori hanno intervistato il membro del Congresso sui contributi mentre lo registravano segretamente – le cui registrazioni, secondo quanto riferito da più punti vendita, sono state riprodotte durante il processo. Secondo l’accusa, Fortenberry “ha rilasciato consapevolmente e volontariamente dichiarazioni e dichiarazioni materialmente false all’FBI e all’IRS” sulle donazioni illegali.

Eppure il deputato ha ripetutamente dipinto una storia diversa.

Prima dell’annuncio dell’accusa, Fortenberry – seduto nel suo camioncino con sua moglie, Celeste e il loro cane – ha detto in un video di YouTube che “una persona dall’estero ha spostato illegalmente denaro nella mia campagna”, aggiungendo che “non l’ha fatto”. non ne so niente di tutto questo”.

Fortenberry ha detto di aver detto tutto quello che sapeva agli agenti dell’FBI. Le accuse mosse contro di lui sono state uno shock, ha detto.

“Mi sento così personalmente tradito”, ha detto. “Pensavamo di cercare di aiutare”.

Le primarie GOP per il 1° distretto del Nebraska hanno attualmente almeno altri quattro contendenti, tra cui il senatore dello stato del Nebraska. Mike Flood (R), che ha lanciato una forte sfida a Fortenberry dopo che la notizia dell’atto d’accusa è emersa lo scorso ottobre. Il vincitore delle primarie probabilmente affronterà lo stato Sen. Patty Pansing Brooks (R). Il distretto, tuttavia, è fortemente repubblicano.

Pansing Brooks ha detto all’AP Friday che la condanna di Fortenberry è stata un “campanello d’allarme” e che è probabile che il Nebraska “sarà il peso di alcune battute” a causa di ciò.

Leave a Comment