Mosca accusata di aver trasferito con la forza civili in Russia

KYIV, Ucraina (AP) — L’Ucraina ha accusato Mosca di aver trasferito con la forza centinaia di migliaia di civili dalle città ucraine distrutte alla Russia per fare pressione su Kiev affinché si arrendesse, mentre il presidente Volodymyr Zelenskyy ha esortato il suo paese a mantenere la sua difesa militare e a non fermarsi “nemmeno per un minuto.”

Lyudmyla Denisova, difensore civico dell’Ucraina, ha affermato che 402.000 persone, inclusi 84.000 bambini, sono state portate contro la loro volontà in Russia, dove alcune potrebbero essere usate come “ostaggi” per fare pressione su Kiev affinché si arrendesse.

Il Cremlino ha fornito numeri quasi identici per coloro che sono stati trasferiti, ma ha detto che volevano andare in Russia. Le regioni orientali dell’Ucraina controllate dai ribelli sono esclusivamente di lingua russa e molte persone hanno sostenuto stretti legami con Mosca.

Con la guerra avviata al secondo mese, le due parti si sono scambiate duri colpi in quella che è diventata una devastante guerra di logoramento. La marina ucraina ha detto di aver affondato una grande nave da sbarco russa vicino alla città portuale di Berdyansk che era stata utilizzata per trasportare veicoli blindati. La Russia ha affermato di aver preso la città orientale di Izyum dopo aspri combattimenti.

Zelenskyy ha usato il suo discorso video notturno per invitare gli ucraini a “andare verso la pace, andare avanti”.

“Con ogni giorno della nostra difesa, ci stiamo avvicinando alla pace di cui abbiamo tanto bisogno. … Non possiamo fermarci nemmeno per un minuto, perché ogni minuto determina il nostro destino, il nostro futuro, se vivremo”.

Ha detto che migliaia di persone, tra cui 128 bambini, sono morte nel primo mese di guerra. In tutto il Paese sono state distrutte 230 scuole e 155 asili. Città e villaggi “giacciono in cenere”, ha detto.

In un vertice NATO di emergenza a Bruxelles giovedì, Zelenskyy ha supplicato gli alleati occidentali tramite video per aerei, carri armati, razzi, sistemi di difesa aerea e altre armi, dicendo che il suo paese sta “difendendo i nostri valori comuni”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in Europa per il vertice e altri incontri ad alto livello, ha assicurato che sarebbero in arrivo ulteriori aiutianche se sembrava improbabile che l’Occidente desse a Zelenskyy tutto ciò che voleva, per paura di innescare una guerra molto più ampia.

Miniatura del video di Youtube

Intorno alla capitale, a Kiev e in altre aree, i difensori ucraini hanno combattuto le truppe di terra di Mosca fino a un quasi stallo, sollevando timori che un frustrato presidente russo Vladimir Putin possa ricorrere ad armi chimiche, biologiche o nucleari.

In altri sviluppi:

—Ucraina e Russia si sono scambiate un totale di 50 prigionieri militari e civili, il più grande scambio mai registrato, ha affermato il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk.

—Il leader pro-Mosca della Bielorussia, Alexander Lukashenko, ha avvertito che la proposta della Polonia di schierare una forza occidentale di mantenimento della pace in Ucraina “significherà la terza guerra mondiale”.

— A Chernihiv, dove un attacco aereo questa settimana ha distrutto un ponte cruciale, un funzionario cittadino, Olexander Lomako, ha affermato che si sta verificando una “catastrofe umanitaria” mentre le forze russe prendono di mira i depositi di cibo. Ha detto che circa 130.000 persone sono rimaste nella città assediata, circa la metà della sua popolazione prebellica.

—La Russia ha dichiarato che offrirà un passaggio sicuro a partire da venerdì a 67 navi provenienti da 15 paesi stranieri che sono bloccate nei porti ucraini a causa del pericolo di bombardamenti e mine.

—Le forze russe hanno sparato due missili giovedì scorso contro un’unità militare ucraina alla periferia di Dnipro, la quarta città più grande del paese, hanno detto i servizi di emergenza regionali. Gli scioperi hanno distrutto edifici e provocato due incendi, ha detto. Il numero di morti e feriti non era chiaro.

Nel frattempo, Kiev e Mosca hanno fornito resoconti contrastanti sul trasferimento delle persone in Russia e sul fatto che stessero andando volontariamente – come affermato dalla Russia – o fossero state costrette o mentite.

Il colonnello russo gen. Mikhail Mizintsev ha detto che le circa 400.000 persone evacuate in Russia dall’inizio dell’azione militare provenivano dalle regioni di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale, dove i separatisti filo-Mosca hanno combattuto per il controllo per quasi otto anni.

Le autorità russe hanno affermato che stanno fornendo alloggi ed erogando pagamenti agli sfollati.

Gol Regione di Donetsk Governatore Pavlo Kyrylenko ha affermato che “le persone vengono spostate con la forza nel territorio dello stato aggressore”. Denisova ha detto che tra coloro che sono stati rimossi dalle truppe russe c’era una donna di 92 anni a Mariupol che è stata costretta ad andare a Taganrog, nel sud della Russia.

Funzionari ucraini hanno affermato che i russi stanno prendendo i passaporti delle persone e li stanno spostando in “campi di filtrazione” nell’est dell’Ucraina controllato dai separatisti prima di inviarli in varie aree lontane ed economicamente depresse della Russia.

Tra le vittime, accusato dal ministero degli Esteri ucraino, c’erano 6.000 residenti di Mariupol, la devastata città portuale nell’est del Paese. Le truppe di Mosca stanno confiscando i documenti di identità ad altre 15.000 persone in una sezione di Mariupol sotto il controllo russo, ha detto il ministero.

Alcuni potrebbero essere inviati fino all’isola di Sakhalin nel Pacifico, ha detto l’intelligence ucraina, e gli verrà offerto un lavoro a condizione che non se ne vadano per due anni. Il ministero ha affermato che i russi intendono “usarli come ostaggi e esercitare una maggiore pressione politica sull’Ucraina”.

Kyrylenko ha affermato che i residenti di Mariupol sono stati a lungo privati ​​delle informazioni e che i russi nutrono loro false affermazioni sulle sconfitte dell’Ucraina per convincerli a trasferirsi in Russia.

“Le bugie russe possono influenzare coloro che sono stati sotto assedio”, ha detto.

Per quanto riguarda l’attacco navale a Berdyansk, l’Ucraina ha affermato che altre due navi sono state danneggiate e un serbatoio di carburante da 3.000 tonnellate è stato distrutto quando la nave russa Orsk è stata affondata, provocando un incendio che si è diffuso alle scorte di munizioni.

Inviando un segnale che le sanzioni occidentali non l’hanno messo in ginocchio, la Russia ha riaperto il mercato azionario ma consentiva solo scambi limitati per prevenire vendite di massa. Agli stranieri era vietato vendere e ai commercianti era vietato vendere allo scoperto, altrimenti i prezzi delle scommesse sarebbero diminuiti.

Gli Stati Uniti stanno estendendo le sanzioni alla Russia, prendendo di mira i membri del parlamento del paese e gli appaltatori della difesa. Gli Stati Uniti intendono collaborare con altre nazioni occidentali per garantire che le riserve auree detenute dalla banca centrale russa siano soggette alle sanzioni esistenti.

Milioni di persone in Ucraina hanno lasciato il paesealcuni si sono spinti al limite dopo aver cercato di restare e farcela.

Alla stazione centrale della città occidentale di Lviv, un’adolescente era in piedi sulla soglia di un treno in attesa, con un coniglio bianco che tremava tra le sue braccia. Stava per raggiungere sua madre e poi andare in Polonia o in Germania. Aveva viaggiato da sola, lasciando altri membri della famiglia a Dnipro.

“All’inizio non volevo andarmene”, ha detto. “Ora ho paura per la mia vita.”

___

Anna ha riferito da Leopoli, Ucraina. Gli scrittori dell’Associated Press Robert Burns a Washington, Yuras Karmanau a Leopoli e altri giornalisti di AP in tutto il mondo hanno contribuito a questo rapporto.

___

Segui la copertura dell’AP sulla guerra su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

.

Leave a Comment