Milwaukee Bucks “avrebbe sicuramente potuto usare” Khris Middleton nella sconfitta del secondo round contro i Boston Celtics

BOSTON — Per difendere con successo il loro campionato NBA, i Milwaukee Bucks sapevano di aver bisogno di una combinazione di prestazioni forti, salute e, forse, un po’ di fortuna.

Ma l’assenza dell’attaccante Khris Middleton si è fatta largo durante la serie di semifinali della Eastern Conference contro i Boston Celtics ed è stata alla fine troppo difficile da superare poiché la stagione di Milwaukee si è conclusa con una sconfitta per 109-81 in gara 7 domenica.

I Bucks non sono riusciti a raggiungere i 100 punti in tre delle sette partite (tutte sconfitte) e sono stati gravemente eliminati da dietro la linea dei 3 punti. Boston ha realizzato 53 da 3 punti in più rispetto a Milwaukee nella serie, che secondo una ricerca di ESPN Stats & Information, è di gran lunga il più grande divario in una singola serie nella storia della post-stagione NBA.

“Avremmo potuto usare [Middleton]sicuramente avrebbe potuto usarlo”, ha detto la guardia dei Bucks Jrue Holiday. “Fa grandi tiri e grandi giocate su entrambe le estremità, ma soprattutto in attacco”.

Senza Middleton, che si è slogato l’MCL al ginocchio sinistro durante Gara 2 del loro incontro del primo turno con i Chicago Bulls, la star dei Bucks Giannis Antetokounmpo ha fatto del suo meglio per portare la squadra attraverso la serie.

Antetokounmpo ha segnato una media di 33,9 punti, 14,7 rimbalzi e 7,1 assist durante la serie contro una difesa dei Celtics che è arrivata al numero 1 nella NBA in termini di efficienza durante la stagione regolare. Ha concluso con tante partite da 40 punti in questa serie (tre) quante sono le resa dei Celtics per tutta la stagione. E Antetokounmpo è diventato il primo giocatore nella storia del campionato a segnare 200 punti, ottenere 100 rimbalzi e fornire 50 assist durante una singola serie.

“Il modo in cui Giannis si è evoluto durante la serie, il modo in cui Giannis ha giocato contro un’ottima squadra difensiva, contro molti bravi difensori individuali è stato come un altro di quei momenti di crescita e opportunità di crescita”, ha detto l’allenatore dei Bucks Mike Budenholzer. “Pensavo fosse fenomenale: il suo punteggio, il suo attacco, la sua regia, il suo altruismo.

“Ci saranno sempre una o due volte in cui avremmo potuto essere migliori, lui avrebbe potuto essere migliore, ma direi che con il progredire della serie sono rimasto molto colpito da lui e da come ha capito come attaccare. come segnare, come creare sceneggiature, come fare tutte queste cose. Non ce l’abbiamo fatta, e lui è una parte importante di questo, ma sono oltremodo impressionato da come è progredito nella serie”.

Antetokounmpo ha iniziato una calda domenica, andando 6 su 10 nel primo tempo per 17 punti prima di sembrare stanco mentre lottava lungo il tratto. Ha tirato solo 4 su 16 nel secondo tempo con 8 punti quando i Celtics si sono ritirati dopo l’intervallo.

“Gambe pesanti. Corpo pesante. Mente pesante. Tutto era pesante”, ha detto Antetokounmpo con un sorriso dopo la partita. “Stavo solo cercando di essere aggressivo. Alla fine della giornata, è gara 7 e non ho intenzione di tenere la palla e non guardare il bordo. Preferirei saltare un sacco di tiri e continuare a giocare e mantenere venire e continuare ad essere aggressivo. Continua a cercare i miei compagni di squadra e continua a fare le giocate giuste, poi vai in modalità passiva. Posso conviverci”.

Antetokounmpo ha dovuto assumersi gran parte dell’onere del punteggio per Milwaukee in tutte le serie, diventando il primo giocatore con 25 tentativi di tiro in sette partite consecutive di playoff da quando Allen Iverson nel 2001, secondo ESPN Stats & Information.

Eppure, dopo la partita, Antetokounmpo ha detto che si è divertito a competere in questa serie contro Boston nonostante non fosse all’altezza a causa dello sforzo che la sua squadra ha dato ad ogni partita.

“Non credo di aver evitato la fisicità di esso”, ha detto Antetokounmpo. “Qualsiasi gioco. Attraverso le avversità, continuavano ad arrivare. Ecco chi sono, è così che sono costruito. … Mi è piaciuto. Sicuramente mi ha reso un giocatore migliore. Si migliora attraverso l’esperienza”.

Alla fine, però, Antetokounmpo non ce l’ha fatta da solo ei Bucks hanno avuto troppe esibizioni a vuoto dai loro giocatori di ruolo. George Hill non ha segnato un punto in quattro delle cinque partite che ha giocato. Grayson Allen ha tirato il 20,8% da 3. I Bucks hanno tirato solo il 27,9% da 3 come squadra. A parte Antetokounmpo e Holiday, Pat Connaughton è stato l’unico altro giocatore dei Bucks ad avere una media di punteggio a due cifre (10,3), sebbene Bobby Portis abbia segnato una media di 9,9 punti a partita nella serie.

“Ovviamente non stavamo cercando di trovare scuse”, ha detto Antetokounmpo. “Penso che tutti siano andati là fuori per competere e dare tutto ciò che avevano. Questo è quello che abbiamo fatto da Gara 3 contro Chicago a Gara 7 contro Boston. Se avessimo [Middleton], forse sarebbe stata una storia diversa. Ma non l’abbiamo fatto”.

.

Leave a Comment