L’ufficiale della Carolina del Sud non ha visto una pistola prima della sparatoria mortale

Un agente di polizia di una piccola cittadina della Carolina del Sud accusato della sparatoria mortale in servizio di un uomo dopo un inseguimento in auto di cinque minuti ha ripetutamente detto agli investigatori e al suo capo che l’uomo aveva qualcosa in mano, ma non sapeva cosa fosse, secondo per controllare le riprese della telecamera.

La telecamera ha anche catturato la sparatoria, mostrando l’agente di polizia di Hemingway Cassandra Dollard, che lavora da sola, è scivolata ed è caduta in un fosso fangoso mentre si avvicinava all’auto dell’uomo mentre cercava di uscire dalla portiera del passeggero.

Dollard gli ha ordinato di rimanere in macchina, quindi ha sparato un colpo a distanza ravvicinata mentre era ancora seduto mentre usciva, secondo il filmato della telecamera sul cruscotto rilasciato da agenti statali alla fine di lunedì come parte di una richiesta del Freedom of Information Act.

“Sto cercando di alzarmi e gli dico di non uscire dalla macchina e lui continuava a uscire, quindi ho sparato un colpo. Ma pensavo di aver visto, di sicuro ho visto qualcosa nelle sue mani”, ha detto Dollard in una telefonata al suo capo della polizia circa 50 minuti dopo la sparatoria catturata dal microfono collegato alla sua telecamera sul cruscotto.

Si fermò per alcuni secondi prima di aggiungere “Signore, abbi pietà”.

Video correlato: Payson, AZ, uomo morto a seguito di una sparatoria della polizia vicino a Lake Pleasant, Peoria

Dollard, che è stato licenziato dopo la sparatoria, è accusato di omicidio volontario e rischia da due a 30 anni di carcere se condannato.

Robert Junior Langley è stato colpito al petto ed è morto poco tempo dopo la sparatoria. La telecamera sul cruscotto di Dollard la mostra da sola con lui in un fosso su una strada rurale nella contea di Georgetown per più di sette minuti mentre fa le compressioni toraciche e lo esorta a “continuare a respirare, signore. Ho un aiuto in arrivo.

Gli avvocati della famiglia di Langley hanno affermato che mentre Dollard ha sparato il colpo mortale, la colpa della sua morte è condivisa dalla scarsa formazione della polizia di Hemingway e dalla scarsa supervisione dell’accademia statale che forma tutti gli ufficiali.

“Sia chiaro. L’agente Dollard ha premuto il grilletto, ma il dipartimento di polizia di Hemingway le ha dato la pistola e l’Accademia di giustizia penale della Carolina del Sud l’ha autorizzata a usarla. È un drammatico fallimento a tutti i livelli ed è difficile da guardare”, ha affermato il senatore statale Gerald Malloy, un democratico di Hartsville che rappresenta la famiglia.

Gli avvocati hanno detto che Langley aveva dei soldi in mano mentre cercava di scendere dall’auto. Nessuna pistola è stata trovata sulla scena, hanno detto gli investigatori.

Dollard aveva soddisfatto tutti i requisiti per essere un agente di polizia nella Carolina del Sud e solo perché un agente viene licenziato da una forza non significa che perdano la certificazione a meno che non siano condannati per un reato, usino ripetutamente la forza, mentono o usino droghe illegali, Ha detto il direttore della South Carolina Criminal Justice Academy, Jackie Swindler.

“Controlliamo la certificazione degli ufficiali. Non abbiamo alcun controllo su qualcuno che un’agenzia assume”, ha detto Swindler.

Dollard era di pattuglia nella sua città di 530 persone quando la sua telecamera sul cruscotto, puntata su una strada solitaria, ha mostrato che qualcuno non si fermava mentre svoltava a destra all’1:24 del mattino di febbraio. 6, secondo il filmato della dashcam diffuso dalla Divisione delle forze dell’ordine dello Stato, che sta indagando sulla sparatoria.

L’auto si è fermata brevemente dopo che Dollard ha acceso le sue luci blu, ma ha accelerato prima che potesse scendere dal suo incrociatore. Dollard ha inseguito il veicolo per più di cinque minuti, gran parte dei quali a velocità superiori a 100 mph (160 km/h) percorrendo 8 miglia (13 chilometri) fuori dalla sua piccola città e nella contea successiva, secondo i dati sulla telecamera del cruscotto.

Langley ha perso una svolta e si è schiantato con la sua auto in un fosso. Per circa 45 secondi, Dollard è fuori campo e chiede a Langley “mostrami le mani” e “farai meglio a tirarle fuori”.

Dollard poi va verso il lato passeggero dell’auto cadendo nel fango. “Non sei uscito”, ha detto, poi spara un colpo proprio mentre la testa e il petto di Langley possono essere visti uscire dalla portiera del passeggero nel filmato della dashcam.

«Avevi qualcosa in mano, signore. Che cosa avevi in ​​mano?” domandò Dollard mentre si sentiva Langley gemere.

Dopo aver chiamato la sparatoria, aver preso la sua torcia e non aver ricevuto risposte dalle domande che stava ponendo a Langley, nel filmato si vede Dollard che inizia le compressioni toraciche circa tre minuti dopo la sparatoria.

Uno dei primi investigatori ad arrivare sulla scena circa 25 minuti dopo le ha chiesto se aveva bisogno di cercare una pistola vicino all’auto. “Non so cosa avesse tra le mani. So solo che aveva qualcosa nelle sue mani”, ha detto.

L’avvocato di Dollard non ha restituito un’e-mail in cerca di commenti sul rilascio del video. L’avvocato difensore Rose Mary Parham ha detto all’udienza di obbligazione di Dollard che era molto dispiaciuta per quello che è successo e si è addolorata con la famiglia di Langley.

Dollard, 52 anni, è stato un agente di polizia nella Carolina del Sud per tutto tranne un anno dal 1994, secondo i registri della South Carolina Criminal Justice Academy, ha lavorato per sei agenzie ed è stato licenziato tre volte, incluso da Hemingway dopo la sparatoria.

Dollard è stata licenziata da un’unità di polizia statale per nove diverse violazioni della politica e un giudice ha concordato con gli avvocati dell’agenzia che hanno affermato di aver avuto “una serie ben documentata di processi decisionali straordinariamente poveri” nei documenti del tribunale dopo che Dollard ha citato in giudizio.

La famiglia di Langley ha detto che sperano che le persone non lo considerino un’altra statistica quando vedono il filmato della sua morte.

“Era un padre, un fratello, un figlio e lo hanno ucciso per niente. Hanno lasciato un buco nelle nostre vite e poteva succedere a chiunque”, ha detto la madre di Langley, Roslyn Brockington Langley, in una dichiarazione rilasciata dai suoi avvocati.

___

Segui Jeffrey Collins su Twitter all’indirizzo https://twitter.com/JSCollinsAP.

Leave a Comment