L’obiettivo dei tempi supplementari porta i Rangers alla vittoria in rimonta di Gara 7 sui Penguins per vincere la serie

La resilienza, il fuoco irrefrenabile e l’insaziabile desiderio di essere un club vincente sono stati al centro dei Rangers per tutta la stagione.

Ed è per questo che questa squadra dei Rangers è stata in grado di recuperare da uno svantaggio di 3-1 in serie, evitare l’eliminazione due volte e poi forzare i tempi supplementari in gara 7 domenica sera prima che Artemi Panarin prendesse il biglietto per il secondo round dei playoff della Stanley Cup 4:46 nel periodo supplementare per assicurarsi una vittoria per 4-3 sui Penguins davanti a un Madison Square Garden tutto esaurito.

Questa squadra dei Rangers è la prima nella storia dei playoff della Stanley Cup a registrare tre vittorie consecutive in rimonta in partite ad eliminazione all’interno della stessa serie

Questa squadra dei Rangers è diventata solo la terza nella storia della franchigia a superare uno svantaggio di 3-1 in serie.

Questa squadra dei Rangers è un passo più vicina alla Stanley Cup.

Artemi Panarin segna il gol della vittoria ai supplementari.
Getty Images
Artemi Panarin festeggia il suo gol vincente ai tempi supplementari.
Artemi Panarin festeggia il suo gol vincente ai tempi supplementari.
Getty Images

Panarin si è unito a artisti del calibro di Derek Stepan, che ha segnato il vincitore degli straordinari in Gara 7 del secondo round nel 2015 contro i Capitals, e Stephane Matteau, il cui doppio punteggio nel 1994 ha sconfitto i Devils e mandato i Rangers alla finale di Coppa, come i giocatori che sono stati eroi OT per i Rangers at the Garden con il suo obiettivo di power-play.

“È il ragazzo, quando stava andando ai tempi supplementari, mi sono detto: ‘So che segnerà se segneremo'”, ha detto l’allenatore Gerard Gallant dopo la vittoria, che crea un incontro al secondo turno con gli Hurricanes . “Se otteniamo il gol della vittoria, sarà lui”.

Non importava che Sidney Crosby, che ha saltato la maggior parte di Gara 5 e tutta la Gara 6 dopo aver subito un colpo da Jacob Trouba, abbia giocato. Non importava che Tristan Jarry, il portiere numero 1 dei Penguins, fosse tornato in rete. Non importava che l’acquisizione della scadenza commerciale di Pittsburgh Rickard Rakell fosse di nuovo nella formazione.

Mika Zibanejad esulta dopo aver segnato un gol di pareggio nel terzo periodo.
Mika Zibanejad esulta dopo aver segnato un gol di pareggio nel terzo periodo.
Corey Sipkin per il NY POST
I Rangers festeggiano durante la loro vittoria sui Penguins.
I Rangers festeggiano durante la loro vittoria sui Penguins.
Corey Sipkin per il NY POST

I Rangers hanno vinto questa partita dietro ciò che li rende grandiosi: il loro portiere fuoriclasse Igor Shesterkin, che ha effettuato 42 parate, i loro primi sei pattinatori, che hanno combinato per tre gol e cinque assist, e la loro abilità nel trovare il modo di rimontare e vincere.

Mika Zibanejad, che ha segnato i suoi primi gol della serie in gara 6, ha colto il momento in cui i Rangers erano sotto di uno a 5:45 dalla fine del regolamento. Il centro della linea superiore ha cablato il disco dal cerchio di ingaggio sinistro oltre Jarry per segnare la partita 3-3 e far saltare tutti i fan delle Blueshirts presenti dai loro posti.

“Un po’ di disperazione entra in gioco quando il tempo inizia a calare”, ha detto Zibanejad. “È stato un ottimo lavoro da parte di [Andrew Copp] e [Alexis Lafreniere]. Era irreale”.

Jarry è stato facilitato nella sua prima azione di gioco dal 14 aprile al suono del suo nome che echeggiava dal pubblico del Garden. Finendo con 26 parate, Jarry ha fatto il suo debutto in serie dopo essersi fratturato un piede alla fine della stagione regolare, che lo ha messo da parte per le prime sei partite di questa serie.

Pubblica membri Sports+, iscriviti a chiedi a Mollie Walker di scriverti l’ultima parola sui Rangers e di rispondere con i tuoi pensieri e domande. Non sei ancora iscritto a Sports+? Provalo ora.

Evan Rodrigues festeggia dopo aver segnato il gol del via libera.
Evan Rodrigues festeggia dopo aver segnato il gol del via libera.
Corey Sipkin per il NY POST

MSG si è assicurato che anche Crosby li ascoltasse. La folla ha schernito il numero 87 presto e spesso per cercare di scuotere il centro stellare dei Penguins. La valutazione di Gallant secondo cui il vantaggio sul ghiaccio in casa conta solo in Gara 7 si è rivelata corretta.

Ma i Rangers hanno vinto questa serie dietro il loro mantra No Quit in New York. Il resto della NHL dovrebbe ormai saperlo: non contare mai le Blueshirts.

“Non volevamo che questa stagione finisse”, ha detto Zibanejad. “Penso che questa sia stata la nostra squadra tutto l’anno. Non importa come va il gioco, qualunque cosa accada, restiamo uniti, lavoriamo e sappiamo cosa c’è in quello spogliatoio”.

.

Leave a Comment