Lo sceriffo della contea di Los Angeles chiama l’indagine del pannello di controllo sulle “bande di vice” motivate politicamente

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Un gruppo di sorveglianza civile sta avviando un’indagine “su vasta scala” sulle accuse di una sottocultura di bande di vice all’interno del dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles che i critici sostengono di aver abusato della loro autorità e hanno esercitato un’enorme quantità di influenza per decenni. Lo sceriffo della contea di Los Angeles Alex Villanueva, che rischia la rielezione quest’anno, afferma che l’indagine non è altro che una manovra politica.

Un team di avvocati lavorerà pro bono per analizzare l’impatto e la portata di tali bande e valutare ciò che è necessario per sradicarle, ha affermato giovedì la Commissione di supervisione civile dello sceriffo della contea di Los Angeles.

“Le bande di vice hanno promosso e promosso la forza eccessiva contro i cittadini, discriminato altri vice in base alla razza e al sesso e minato la catena di comando e disciplina”, ha affermato Sean Kennedy, presidente della Commissione e direttore esecutivo del Loyola Law School Center for Juvenile Law & Policy . Nonostante anni di storia documentata di questo problema, il Dipartimento non è riuscito a eliminare le bande”.

BEVERLY HILLS IL PROPRIETARIO DI UN NEGOZIO DI GIOIELLI DI LUSSO RUBATO DI ALMENO 3 MILIONI DI DOLLARI IN MERCI DICE CHE I SOSPETTI “Sembrano GIOVANI BAMBINI”

Gli agenti dello sceriffo della contea di Los Angeles escono dalla prigione centrale maschile nel centro di Los Angeles. La commissione che sovrintende al dipartimento dello sceriffo sta avviando un’indagine per avere un quadro della prevalenza di presunte bande di vice all’interno dell’agenzia.
(Reuters/Jason Redmond)

La commissione utilizzerà il suo potere di citazione per costringere i testimoni a collaborare e fornire prove, ha affermato. L’indagine dovrebbe durare dai cinque ai sei mesi.

Ad assistere sarà l’ispettore generale della contea di Los Angeles Max Huntsman, che, in una lettera datata lunedì allo sceriffo Alex Villanueva, ha scritto che il suo ufficio ha identificato 11 presunti membri dei Banditos, una presunta banda di vice che opera fuori dalla pattuglia del dipartimento di East Los Angeles stazione e i 30 membri dei boia, che presumibilmente lavorano nella stazione di Compton.

Ha detto che stava indagando se i deputati “si impegnano in un modello di comportamento in servizio che viola intenzionalmente la legge o i principi fondamentali della polizia professionale”.

Ha chiesto più documentazione e prove nell’indagine, che ha detto non è stata fornita nonostante le ripetute richieste.

In una dichiarazione a Fox News, Huntsman ha affermato che il suo ufficio è stato creato per “eliminare la corruzione dopo che uno sceriffo e il suo sottosceriffo sono andati in una prigione federale per aver ostacolato un’indagine legale più o meno allo stesso modo in cui l’attuale sceriffo sta ostacolando le mie indagini ora”.

“Come il mio staff ha documentato sul nostro sito Web, LASD protegge attivamente questi gruppi e sopprime le loro indagini creando così un governo ombra che non può essere ignorato di nuovo”, ha aggiunto. “Accogliamo con favore il sostegno della Commissione di sorveglianza civile e il servizio di volontariato degli avvocati di grande esperienza che hanno riunito”.

Villanueva, che sta affrontando la rielezione quest’anno, ha sbattuto l’indagine, definendola una mossa politicamente motivata e citando il suo rapporto aspro con il consiglio dei supervisori della contea.

“Il concetto di bande di vice non è stato altro che una campagna politica condotta dal consiglio contro uno sceriffo di cui vogliono sbarazzarsi”, ha detto a Fox News giovedì. “È (l’indagine) progettata solo per motivi politici. Non è progettata per ottenere alcuna informazione perché tutto ciò che abbiamo avuto, l’abbiamo già dato all’ispettore generale”.

Rapporti e azioni legali contro il dipartimento dello sceriffo hanno affermato che un certo numero di “cricche” e bande si sono formate in varie stazioni di pattuglia e sono fiorite in comunità minoritarie risalenti a decenni fa. I membri sono noti per inchiostrarsi con tatuaggi con varie immagini.

Nella sua dichiarazione, la commissione ha affermato che numerosi rapporti dimostrano che le bande esistono ancora, “ma la loro portata e l’impatto sono sconosciuti”. I critici sostengono che le bande promuovono una cultura di resistenza alla riforma della polizia e celebrano le tattiche aggressive e la violenza della polizia.

Un rapporto del gennaio 2021 della scuola di legge della Loyola Marymount University ha identificato almeno 18 presunte bande di vice per diversi decenni, con molte che si ritiene esistano ancora.

Un altro rapporto della Rand Corporation pubblicato nel settembre 2021 ha condotto un’indagine anonima sui deputati. Il sondaggio ha concluso che, nel peggiore dei casi, i sottogruppi “incoraggiano la violenza, minano la catena di comando e danneggiano gravemente le relazioni con le comunità a cui il LASD si dedica”.

Lo sceriffo della contea di Los Angeles Alex Villanueva commenta la sparatoria del 29enne Dijon Kizzee, che è stato ucciso dai deputati a seguito di un omicidio.  31, 2020 tafferuglio, durante una conferenza stampa presso la Hall of Justice nel centro di Los Angeles.

Lo sceriffo della contea di Los Angeles Alex Villanueva commenta la sparatoria del 29enne Dijon Kizzee, che è stato ucciso dai deputati a seguito di un omicidio. 31, 2020 tafferuglio, durante una conferenza stampa presso la Hall of Justice nel centro di Los Angeles.
(Foto AP/Damian Dovarganes, File)

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Alan Romero, un avvocato che rappresenta i clienti che intentano azioni legali relative alle presunte bande, ha affermato. In un caso, un giudice ha respinto una causa intentata dai clienti di Romero, il vice Austreberto Gonzalez, un veterano della Marina che ha denunciato la discriminazione e la ritorsione per i deputati che si sono rifiutati di unirsi al Boia o resistettero alla loro influenza.

“Direi che le molteplici bande del dipartimento sono le singole entità politiche più potenti del dipartimento”, ha detto Romero a Fox News giovedì. “Lo gestiscono come una mafia”.

Leave a Comment