L’elezione di richiamo del San Francisco School Board è stata parzialmente finanziata da miliardari


Washington
CNN

Lo sforzo di oltre 1,9 milioni di dollari che ha estromesso tre membri del consiglio scolastico di San Francisco dalle loro posizioni martedì è stato finanziato in gran parte dai miliardari dell’area della Silicon Valley, secondo i registri.

Secondo le informazioni pubblicamente disponibili, i tre maggiori donatori dello sforzo di richiamo erano “Neighbors for a Better San Francisco Advocacy”, un comitato di azione politica che è stato precedentemente finanziato da investitori tecnologici e filantropi dell’area della Silicon Valley; Arthur Rock, un miliardario di 95 anni che è stato uno dei primi investitori in Intel e Apple; e David O. Sacks, un investitore tecnologico con sede a San Francisco ed ex direttore operativo di PayPal.

Neighbors for a Better San Francisco Advocacy ha investito $ 468.800, Rock ha dato $ 399.500 e Sacks ha contribuito con $ 74.500, secondo i dati della San Francisco Ethics Commission.

Più del 70% degli elettori ha sostenuto il richiamo della presidente del consiglio scolastico Gabriela López, del vicepresidente Faauuga Moliga e del commissario Alison Collins a partire da mercoledì mattina, secondo i risultati preliminari del Dipartimento delle elezioni di San Francisco. I loro sostituti temporanei saranno nominati dal sindaco London Breed, un democratico che ha sostenuto le elezioni di revoca.

Mentre la Commissione etica elenca tre comitati principali che hanno sostenuto la spinta: “I genitori preoccupati che supportano il richiamo di Collins, Lopez e Moliga”, che ha ricevuto $ 1.059.093 dai donatori, “Recall School Members Lopez, Collins & Moliga”, che ha ricevuto $ 850.497, come oltre a “San Francisco Parent Action PAC to Support the Recall of School Board Members Collins and Lopez”, che ha ricevuto $ 9.270 – la sezione dettagliata dei contributori offre una visione più approfondita di alcune delle persone dietro lo sforzo di successo in una delle città più liberali del paese.

E il richiamo stesso è emblematico di come l’istruzione sia diventata una questione di cuneo a livello nazionale, con i risultati che probabilmente incoraggiano i repubblicani che hanno affinato la frustrazione dei genitori per la riapertura delle scuole e i mandati di mascheramento ed evidenziando le divisioni interne all’interno del Partito Democratico su come gestire la pandemia .

Gli oppositori hanno deriso il richiamo definendolo una presa di potere da parte di interessi di grandi capitali che cercano di spingere le voci progressiste fuori dal potere locale, ma Autumn Looijen e Siva Raj, partner e genitori dietro il comitato “Recall School Board Members Lopez, Collins & Moliga”, hanno propagandato la loro spinta per ottenere l’iniziativa di richiamo al ballottaggio come uno sforzo di base iniziato con un gruppo Facebook, una lista di e-mail e un limite di donatori a $ 99.

Un’indagine pubblicata da The San Francisco Standard all’inizio di questo mese ha rilevato che la maggior parte del denaro dietro la spinta era in realtà locale, proveniente dai quartieri di San Francisco, ma la spinta ha attirato anche denaro da New York, Massachusetts, Florida e Washington, l’analisi dello Standard fondare.

“Quasi tutto ciò che abbiamo raccolto è stato inviare e-mail alla nostra mailing list”, ha detto Looijen, aggiungendo che “quasi ogni grande donazione che abbiamo ricevuto ci ha dato i soldi prima ancora di parlare con loro”.

“Penso che sia una testimonianza dell’ampiezza del supporto per questo sforzo”, ha detto Raj.

“È vero che ci sono stati grandi donatori che sono stati coinvolti verso la fine”, ha detto Raj. “Ma in realtà questo non ha fatto, credo, una differenza fondamentale per la natura dello sforzo, e sarebbe un peccato travisare e perdere di vista il fatto che sono stati i piccoli donatori a averlo effettivamente ottenuto nel ballottaggio, ci ha persino permesso di avere questa elezione di richiamo”.

Eppure, San Francisco Berniecrats, un gruppo progressista contrario al ritiro, ha paragonato la battaglia allo sforzo conservatore, in definitiva fallito, di richiamare il governatore della California. Gavin Newsom, un democratico, l’anno scorso.

“Questi due richiami hanno una cosa in comune: sono tentativi di cortocircuitare il processo democratico con un sacco di soldi”, ha affermato il gruppo sul suo sito web.

Tra i principali donatori c’era Rock, un uomo d’affari con sede nella Silicon Valley e direttore a vita di Teach For America che in precedenza ha donato a numerosi candidati e comitati democratici di alto profilo in tutto il paese, tra cui il presidente Joe Biden, la presidente della Camera Nancy Pelosi, New Jersey Sen. Cory Booker e il Democratic Congressional Campaign Committee, i dati sugli spettacoli di Open Secrets.

Ma ha anche contribuito alle campagne di candidati e comitati meno noti come il Partito Democratico-Agricoltore-Laburista del Minnesota e Alan Khazei, che si è candidato al Congresso in Massachusetts. Ha anche sostenuto la National Alliance for Public Charter Schools.

Sacks, un altro importante donatore, ha investito in Facebook, Airbnb, Lyft, Uber e una serie di altre società tecnologiche.

“Ogni bambino merita un’istruzione di alta qualità. I consigli scolastici e gli amministratori lavorano per genitori e studenti, non il contrario. La competenza conta più dell’ideologia. Questo è ciò che gli elettori di San Francisco hanno affermato stasera. Grazie @recallsfboe,” Sacks detto su Twitter dopo l’elezione di revoca.

Anche la California Association of Realtors Issues Mobilization PAC era dietro la spinta e ha donato $ 55.900.

Altri importanti donatori includevano la partner di Y Combinator Jessica Livingston e l’investitore tecnologico Garry Tan, fondatore e managing partner di Initialized Capital, che è anche un ex partner di Y Combinator e ha investito in Instacart e Coinbase.

La San Francisco Ethics Commission fornisce anche informazioni tramite i documenti presentati da ciascun comitato che consentono una maggiore trasparenza su chi ha sostenuto la spinta al ritiro.

Anche un gruppo intitolato Comitato per l’azione politica del club democratico cinese americano è stato elencato come sostenitore dell’iniziativa.

Looijen ha sottolineato che anche una volta che il loro comitato ha ottenuto il sostegno di donatori più grandi, tutte le decisioni sono passate attraverso il gruppo Facebook con 1.400 persone.

Looijen e Raj, che hanno affermato che il loro gruppo ha beneficiato del finanziamento di Sacks, hanno affermato di capire perché gli investitori di capitale di rischio sarebbero interessati al sistema di istruzione scolastica pubblica della città.

“È davvero facile capire perché i VC sarebbero favorevoli ad avere un buon sistema educativo perché dipendono dalla crescita dei bambini, avendo un ottimo sistema educativo in modo che possano andare a costruire grandi cose che non sono mai state costruite prima”, ha detto Looijen.

Julie Roberts-Phung, genitore di una scuola pubblica e presidente della campagna NoSchoolBoardRecall.org, ha affermato che una corsa al consiglio scolastico a San Francisco di solito costa circa $ 40.000, aggiungendo che la campagna sostenuta dal miliardario ha raccolto quasi $ 2 milioni di dollari, molto più denaro di tutti i candidati del consiglio scolastico insieme hanno sollevato durante le elezioni di diversi anni precedenti.

Roberts-Phung ha definito lo sforzo di richiamo come “parte di una tendenza nazionale ad attaccare i consigli scolastici e creare elezioni speciali con un’affluenza inferiore alle urne che sono un percorso verso la politica per i candidati che sono più conservatori e che non potrebbero vincere le elezioni generali con un pieno, elettorato eterogeneo”.

“Sai che è una presa di potere avere quel tipo di elezione speciale che cura un elettorato più piccolo”, ha detto. “Consente a un gruppo di elettori piccolo, più benestante, più bianco e curato di prendere decisioni che avranno un impatto sulle nostre scuole pubbliche”.

.

Leave a Comment