Le forze russe stanno identificando gli ucraini “da uccidere” in una potenziale invasione, affermano gli Stati Uniti

“Informazioni inquietanti recentemente ottenute dagli Stati Uniti che indicano che sono in programma violazioni e abusi dei diritti umani all’indomani di un’ulteriore invasione”, l’ambasciatrice Bathsheba Nell Crocker, rappresentante degli Stati Uniti presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali a Ginevra , sostiene in una lettera a Michelle Bachelet, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

“Questi atti, che nelle passate operazioni russe hanno incluso uccisioni mirate, rapimenti/sparizioni forzate, detenzioni ingiuste e uso della tortura, probabilmente prenderebbero di mira coloro che si oppongono alle azioni russe, inclusi dissidenti russi e bielorussi in esilio in Ucraina, giornalisti e anti – attivisti per la corruzione e popolazioni vulnerabili come minoranze religiose ed etniche e persone LGBTQI+”, si legge nella lettera, riportata per la prima volta dal Washington Post e ottenuta dalla CNN.

“In particolare, abbiamo informazioni credibili che indicano che le forze russe stanno creando elenchi di ucraini identificati da uccidere o mandati nei campi a seguito di un’occupazione militare. Abbiamo anche informazioni credibili che le forze russe probabilmente useranno misure letali per disperdere proteste pacifiche o altrimenti contrastare pacifiche esercizi di percepita resistenza da parte delle popolazioni civili”, si legge nella lettera.

La lettera non dice come gli Stati Uniti abbiano ottenuto le informazioni. L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha confermato di aver ricevuto il messaggio.

Crocker ha aggiunto che l’obiettivo di condividere queste informazioni con l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani era di dare “un avvertimento precoce che un’ulteriore invasione russa dell’Ucraina potrebbe creare una catastrofe per i diritti umani”. Ha detto che il segretario di Stato americano Antony Blinken ha sollevato queste preoccupazioni al Consiglio di sicurezza il 17 febbraio. “In particolare, ha affermato che gli Stati Uniti hanno informazioni che indicano che la Russia prenderà di mira specifici gruppi di ucraini”, ha aggiunto Crocker.

Il Cremlino lunedì ha negato l’affermazione relativa a una lista di uccisioni e l’ha definita “finzione assoluta”.

“Questa è una bufala assoluta, questa è una bugia”, ha detto alla CNN il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Incalzato se è a conoscenza dell’esistenza di una tale lista, Peskov ha detto: “So che questa è finzione assoluta, non esiste una lista del genere, è una notizia falsa”.

La CNN ha riferito venerdì che più funzionari del governo statunitense e occidentale hanno confermato alla CNN che gli Stati Uniti hanno informazioni secondo cui la Russia ha redatto elenchi di figure politiche attuali che punterebbe alla rimozione nel caso in cui invadesse l’Ucraina e rovesciasse l’attuale governo a Kiev.

Fonti familiari con l’intelligence hanno affermato che gli elenchi di obiettivi fanno parte del piano russo di sostituire l’attuale amministrazione a Kiev con un governo più favorevole alla Russia, rafforzando una precedente divulgazione da parte del governo britannico che identificava figure pro-Mosca che la Russia aveva pianificato di installare.

Il risultato più probabile per quei politici e personaggi pubblici che Mosca ha preso di mira per essere estromessi in caso di caduta di Kiev, hanno detto queste fonti alla CNN, è la prigione o l’assassinio.

La CNN non ha visto le intercettazioni di intelligence sottostanti o i documenti che nominano gli obiettivi o i presunti collaboratori e le loro presunte posizioni in un’amministrazione filo-russa.

Blinken ha detto su “Face the Nation” della CBS durante il fine settimana che gli Stati Uniti continueranno a sostenere gli ucraini se ci fosse un’invasione e un’insurrezione ucraina fosse lasciata a combattere.

“(Il presidente Joe Biden) ha affermato che, in caso di invasione, raddoppieremo il nostro sostegno all’Ucraina, e ciò significa in termini di assistenza alla sicurezza, assistenza economica, assistenza diplomatica, assistenza politica, assistenza umanitaria, ecc. “, ha detto Blinken.

Chandelis Duster, Zeena Saifi e Bear Hutchison della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

.

Leave a Comment