Larry Kudlow: La jihad di Biden contro i combustibili fossili finanzia le avventure militari di Putin

Riconoscendo che la Russia “si è ritagliata una grossa fetta dell’Ucraina”, Presidente Biden questo pomeriggio ha annunciato una serie di sanzioni di basso livello molto debole nei confronti della Russia. Quindi, queste non erano esattamente le conseguenze rapide e gravi di cui si vantava da così tante settimane.

russo il mercato azionario è salito del 6,5% dopo l’annuncio delle sanzioni di Biden. Che cosa vi dice? Nei giorni precedenti era crollato.

Biden ha seguito la Germania nel non certificare il Nord Stream 2, ma è solo un problema di contratto cartaceo temporaneo. Non è un arresto a lungo termine o permanente. In pratica ha colpito un paio di banche legate alla regione del Donbas.

I LEADER DELLA CASA DEL GOP DICONO CHE LE POLITICHE DI BIDEN HANNO ABILITATO L’INVASIONE DELLA RUSSIA IN UCRAINA

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden esprime osservazioni sugli sviluppi in Ucraina e Russia e annuncia sanzioni contro la Russia, dalla Casa Bianca il 22 febbraio 2022 a Washington, DC. (Foto di Drew Angerer/Getty Images/Getty Images)

Il PIL per l’intera Ucraina è di circa 160 miliardi di dollari, forse, e il PIL del Donbas è inferiore a 6 miliardi di dollari. Il PIL di Lugansk è un miliardo, forse anche.

Il PIL del Delaware, solo per fare un confronto casuale, è di 76 miliardi di dollari. Quindi, chiamare le sanzioni “birra piccola” di Biden è sottovalutarlo. Ricorda, se la Russia avesse invaso l’Ucraina, il nostro presidente avrebbe imposto conseguenze “rapide e severe”, ma non l’ha fatto. Sono particolarmente interessato alla dichiarazione del signor Biden sulla protezione dell’America dall’aumento dei prezzi della benzina.

PRESIDENTE BIDEN: La mia amministrazione sta utilizzando ogni strumento a nostra disposizione per proteggere le imprese ei consumatori americani dall’aumento dei prezzi alla pompa. Come ho detto la scorsa settimana, difendere la libertà avrà un costo anche per noi e qui a casa. Dobbiamo essere onesti su questo.

Quindi, signor Biden, deve essere onesto riguardo al danno che sta facendo all’industria energetica americana. In effetti, hai fatto tutto il possibile per aumentare i prezzi e lo sai perché stai ballando al ritmo della melodia radicale verde. La vostra jihad contro i combustibili fossili ha frenato la produzione di fronte all’aumento della domanda e questo è stato un fattore chiave nel far salire i prezzi mondiali del petrolio verso i 100 dollari al barile.

In effetti, la jihad di Biden contro i combustibili fossili sta finanziando le avventure militari di Vladimir Putin perché se producessimo a 13 milioni di BPD come facevamo prima della pandemia, ad eccezione di 11 milioni di BPD, i prezzi del petrolio sarebbero sostanzialmente inferiori e Putin sarebbe significativamente più povero.

Le politiche energetiche di Biden sono state completamente autodistruttive per l’America e hanno conferito potere a Vladimir Putin e a tutta la pazza visione astorica, romanticizzata e imprecisa della storia di Putin. La Russia è un’economia niente-heimer: circa 1,5 trilioni di dollari di PIL. Gli Stati Uniti sono 23 trilioni di dollari.

Vladimir Putin

Il presidente russo Vladimir Putin parla mentre partecipa al vertice del G20 in videoconferenza a Mosca, in Russia, sabato 30 ottobre 2021. (Evgeniy Paulin, Sputnik, foto della piscina del Cremlino tramite AP/AP Newsroom)

LT. GEN. KEITH KELLOGG: “BENVENUTO IN GUERRA FREDDA II”

Come ha affermato anni fa il defunto senatore John McCain, la Russia è come una vecchia stazione di servizio mascherata da paese e le politiche anti-petroliere di Biden stanno consentendo a Putin di aumentare i prezzi delle stazioni di servizio.

Mentre il signor Biden ha l’audacia di dirci come vuole proteggere le imprese e i consumatori americani dall’aumento dei prezzi alla pompa, il titolo del New York Times del 20 febbraio – esatto, il New York Times – era “L’amministrazione Biden interrompe le nuove perforazioni nella lotta legale sui costi del clima”.

Ha continuato dicendo che il Dipartimento degli Interni sta congelando a tempo indeterminato le decisioni sulle nuove trivellazioni federali di petrolio e gas.

I Biden sono anche in guerra con diversi giudici che non sono d’accordo con l’idea del costo sociale del carbonio, che è una metrica fasulla tamburellata da estremisti verdi. La loro idea è che l’analisi della pipeline dovrebbe includere le emissioni di carbonio dalla produzione a monte e il consumo a valle, anche se non esiste un modo affidabile per misurare, secondo un editoriale del Wall Street Journal.

Il procuratore generale della Louisiana Jeff Landry ha definito i costi sociali del carbonio “economia voodoo”. AG di Alabama, Florida, Georgia, Kentucky, Mississippi, South Dakota, Texas, West Virginia e Wyoming stanno facendo causa al governo federale.

La scorsa settimana, la Federal Energy Regulatory Commission (FERC) di Biden ha rivisto la sua politica per i gasdotti e i terminali di esportazione utilizzando questa metrica fasulla per fermare i nuovi gasdotti.

Naturalmente, tutti ricordiamo che nella prima ora della sua presidenza, Biden pose il veto al Keystone XL Pipeline. Più tardi, ha vietato di perforare Alaskaaumento delle tasse di perforazione su terreni pubblici e così via.

Se Biden fosse un presidente intelligente e volesse davvero inseguire Putin, direbbe semplicemente alle compagnie americane di combustibili fossili di riattivare i rubinetti e solleverebbe tutte le barriere fiscali e normative che ha eretto.

Riattivare i rubinetti fornirebbe tutta la capacità inutilizzata necessaria per stabilizzare i prezzi del petrolio e del gas naturale e per continuare il dominio americano nelle esportazioni di GNL in Europa e nel resto del mondo. Riattivare i rubinetti farebbe davvero presa su Vladimir Putin, ma il signor Biden non è un presidente intelligente.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

È un presidente debole e un uomo debole con una comprensione minima di tutte le forze naturali coinvolte nel cambiamento climatico. Un presidente intelligente perseguirebbe una politica energetica all’avanguardia perché abbiamo bisogno di tutta l’energia che possiamo ottenere da ogni possibile fonte per stimolare la prosperità in patria e la sicurezza nazionale all’estero.

Salva l’America. La cavalleria sta arrivando.

Questo articolo è adattato dal commento di apertura di Larry Kudlow all’edizione del 22 febbraio 2022 di “Kudlow”.

Leave a Comment