La squadra di lacrosse femminile dello Stato del Delaware accusa i deputati della Georgia di aver “umiliato” il profilo razziale nella ricerca di droga

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

La squadra di lacrosse femminile della Delaware State University stava tornando a casa dopo l’ultima partita della stagione quando il suo autobus è stato fermato in Georgia per quello che sembrava guidare nella corsia sbagliata. Ma quando il mese scorso i deputati dell’ufficio dello sceriffo della contea di Liberty hanno fatto il giro dell’autobus della squadra, i giocatori e gli allenatori della storica università nera sono rimasti scioccati dal fatto che le autorità avrebbero trasformato una fermata del traffico in un’opportunità per i deputati e un cane antidroga di perquisire i loro bagagli ed effetti personali.

“Se c’è qualcosa che è discutibile, per favore dimmelo ora perché se lo troviamo, indovina un po’? Non saremo in grado di aiutarti”, ha detto un deputato, che è White, sull’autobus, secondo un video girato da uno degli atleti e pubblicato su YouTube. “La marijuana è ancora illegale nello stato della Georgia”.

L’incidente, che è stato descritto per la prima volta in una storia del secondo giocatore di lacrosse Sydney Anderson nel giornale studentesco della scuola, Hornet, è nato da quello che il presidente dell’HBCU dice essere un caso di profilazione razziale contro una squadra composta principalmente da giocatori neri.

“All’inizio, tutti pensavano che sarebbe stata una rapida fermata del traffico”, ha detto al Washington Post Pamella Jenkins, l’allenatore della squadra. “Poi ci è stato subito ricordato che non era quello che sarebbe successo”.

La squadra di lacrosse femminile della Delaware State University ha accusato la polizia di profilazione razziale durante una fermata del traffico nella contea di Liberty, in Georgia, il 20 aprile. (Video: Saniya Craft via Storyful)

Ora, l’università e i legislatori statali vogliono risposte. In una lettera pubblicata lunedì, il presidente della Delaware State University Tony Allen ha affermato che i video dell’incidente “mostrano chiaramente che i membri delle forze dell’ordine tentano di intimidire i nostri studenti-atleti facendogli confessare il possesso di droghe e/o accessori per la droga”.

“Per essere chiari, in questa ricerca non è stato scoperto nulla di illegale e tutti i nostri allenatori e studenti-atleti si sono comportati con dignità durante un processo difficile e umiliante”, ha detto Allen, notando di aver contattato il governo del Delaware. John Carney (D) e legislatori statali sulla ricerca di droga. “Loro, come me, sono irritati. Abbiamo anche contattato le forze dell’ordine della Georgia e stiamo esplorando le opzioni di ricorso – legali e non – a disposizione dei nostri studenti-atleti, dei nostri allenatori e dell’università”.

Lo sceriffo della contea di Liberty William Bowman non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento martedì. Bowman, il primo sceriffo nero nella storia della contea, ha detto all’Atlanta Journal-Constitution che la razza non ha avuto un ruolo nella ricerca e ha affermato che il suo ufficio avrebbe “seguito i fatti” nelle indagini sull’incidente.

“Se qualcosa viene smentito, verranno intraprese le azioni appropriate”, ha detto Bowman. I deputati coinvolti nella perquisizione non sono stati identificati pubblicamente.

La squadra di lacrosse femminile di Dover, Del., ha concluso la sua stagione il mese scorso contro la Stetson University in Florida. Poco dopo che l’autobus charter della squadra ha iniziato il viaggio di quasi 14 ore verso casa, l’autista, Tim Jones, è stato fermato sull’Interstate 95 a Liberty County il 20 aprile, noto anche come la festa annuale della marijuana, ha scritto Allen. Jones, che è nero, è stato informato dai vice dello sceriffo che gli autobus di quelle dimensioni non potevano guidare nella corsia di sinistra, ha raccontato Anderson sul giornale studentesco.

Quando a Jones è stato chiesto di scendere dall’autobus, allenatori e giocatori hanno detto che le autorità hanno iniziato una perquisizione del veicolo indicando che si trattava di qualcosa di più di una normale fermata del traffico.

“Siamo seduti sull’autobus in attesa, e poi uno dei miei studenti-atleti dice: ‘Stanno ritirando i nostri bagagli dall’autobus'”, ha detto Jenkins, 42 anni, a WHYY. “E così ci guardiamo tutti oltre, e poi vediamo un cane che annusa e fruga tra le nostre cose, fruga tra i bagagli mentre scendono dall’autobus”.

Quando due degli agenti sono saliti sull’autobus, Anderson ha detto di aver informato la squadra che le loro borse e i loro effetti personali sarebbero stati controllati per la presenza di narcotici, tra cui marijuana, ketamina ed eroina. Il secondo anno ha accusato la polizia di “cercare di convincere le donne ad ammettere la proprietà delle droghe” immaginarie “.

“Gli agenti hanno cercato di convincerli ad ammettere di avere droghe, mentre non ce n’erano in loro possesso”, ha scritto Anderson. “Gli agenti hanno condotto una perquisizione illegale perché non c’era una causa probabile. [A] la maggior parte dei membri del team non ha mai avuto un incontro con la polizia, il che ha reso questo un incidente traumatico per loro”.

Jenkins, che è al suo terzo anno come capo allenatore, ha detto al The Post che il vice ha spiegato alla squadra che il blocco del traffico era ora una perquisizione di droga e ha rapidamente menzionato la marijuana, cosa che ha fatto infuriare l’allenatore.

“Stiamo parlando di atleti studiosi eccezionali, e per loro essere soggetti a questo e visti in quella luce, ero arrabbiata”, ha detto. “Ero anche impotente perché non c’era nulla che potessi fare in quel momento. Mi sono fidato delle mie ragazze. Quando ho sentito le affermazioni, ho pensato: “Questo è stravagante”. “

Anderson ha affermato che gli agenti “hanno iniziato a lanciare biancheria intima e altri prodotti femminili, nel tentativo di localizzare i narcotici”. Uno dei deputati si sente dire in un video che sarebbe “grato” se nella ricerca non fossero stati trovati farmaci.

“Renderà il mio lavoro molto più facile”, ha detto.

All’autista non è stata rilasciata una citazione durante la sosta, ha detto Jenkins.

Nei giorni successivi alla pubblicazione della storia di Anderson sull’incidente, l’università e i legislatori del Delaware hanno chiesto di fare di più in Georgia per indagare su come è avvenuta la ricerca. Allen ha scritto nella sua lettera alla comunità dello Stato del Delaware che la scuola “non intende lasciare che questo o qualsiasi altro incidente del genere passi indolente”. Carney ha dichiarato in una dichiarazione di lunedì che il video dell’incidente era “sconvolgente, preoccupante e deludente”.

“Momenti come questi dovrebbero essere relegati a parte della complicata storia del nostro paese, ma continuano a verificarsi con triste regolarità nelle comunità di tutto il nostro paese”, ha detto Carney. “È particolarmente difficile quando ha un impatto sulla nostra stessa comunità”.

Un trio di tre Democratici del Delaware al Congresso: Sens. Thomas R. Carper e Christopher A. Coon e Rep. Lisa Blunt Rochester — ha fatto eco Carney in una dichiarazione congiunta sull’incidente “profondamente inquietante”.

“Nessuno dovrebbe sentirsi insicuro o umiliato dalle forze dell’ordine o da qualsiasi entità che abbia giurato di proteggerlo e servirlo”, si legge nella dichiarazione. “Questo è particolarmente vero per gli studenti che hanno cercato HBCU come la Delaware State University con una lunga storia di responsabilizzazione delle comunità di colore che troppo spesso hanno dovuto affrontare discriminazioni e altre barriere alle opportunità”.

La ricerca dovrebbe tornare questo fine settimana quando l’ex sindaco di Atlanta Keisha Lance Bottoms parlerà alle cerimonie di inizio del Delaware State, secondo il Delaware State Journal.

Anche se non è chiaro se ne verrà fuori qualcosa, Jenkins e il team chiedono all’ufficio dello sceriffo di scusarsi per un incidente che secondo loro era basato sulla loro razza. Ma più di questo, Jenkins spera che la storia aiuterà a impedire a un’altra squadra di affrontare una presunta ricerca di droga a sfondo razziale come quella che la sua sta ancora vacillando settimane dopo.

“Spero che ciò che ne viene fuori sia la responsabilità”, ha detto. “Spero solo che con l’indignazione da tutto il paese, la gente si renda conto che questo non va bene e può essere prevenuto. Le scuse sarebbero carine, ma siamo più concentrati nel spargere la voce in modo che questo non accada di nuovo in nessuna parte del paese”.

Leave a Comment