La risposta della polizia alla rissa nel centro commerciale del NJ suscita indignazione dopo che un’adolescente nera è stata ammanettata mentre un’adolescente bianca guarda

La polizia del New Jersey è sotto accusa per la sua risposta a una scazzottata dopo che un alunno nero di terza media è stato bloccato a terra e ammanettato mentre un adolescente bianco coinvolto nella rissa nel centro commerciale del fine settimana è stato lasciato seduto su un divano.

Il combattimento, che ha avuto luogo sabato a Bridgewater Commons a Bridgewater Township, nel New Jersey, è stato filmato e ha spinto a una revisione della condotta degli ufficiali, oltre a parole forti del governatore.

Il video dell’incidente mostra un gruppo di giovani riuniti in un’area salotto del centro commerciale e due ragazzi, uno bianco e uno nero, in piedi in un alterco verbale.

L’adolescente nero, Z’Kye Husain, 14 anni, ha detto che la discussione è iniziata quando si è opposto all’altro ragazzo, che è più grande, per aver preso di mira il suo amico.

“Mi diceva tipo, ‘Sei un ragazzino, sei il mio animaletto’ e cose del genere”, ha detto NBC New York.

Lo scontro si è intensificato con i due pugni che si lanciavano l’un l’altro mentre gli spettatori urlavano, secondo il video.

Dopo diversi secondi di pugni, due agenti di polizia in uniforme di Bridgewater sono corsi sulla scena e li hanno separati.

Un agente ha spinto l’adolescente bianco in posizione seduta sul divano, secondo il video.

Nel frattempo, Z’Kye, già a terra, è stato bloccato allo stomaco da un ufficiale di sesso maschile, con il ginocchio dell’ufficiale che sembrava essere sulla schiena. Un’ufficiale donna ha poi aiutato, mettendo il ginocchio vicino alla parte posteriore del collo di Z’Kye mentre lo mettevano in manette, secondo la clip.

Si sente una persona in sottofondo dire: “Yo, è perché è nero. Razzialmente motivato”.

L’adolescente bianco sembrava essere stato lasciato solo e ad un certo punto si è alzato in piedi e ha osservato la scena mentre i due ufficiali trattenevano Z’Kye.

Z’Kye ha detto di essere trattenuto: “Ero tipo calmo, perché sapevo di non essere spaventato. Stai calmo e non muoverti e fai quello che mi dicono di fare.

Sua madre, Eboné, che condivideva il suo nome solo con la NBC New York, era indignata.

“Non ci vogliono due poliziotti per fermare un ragazzo di 14 anni che non sta resistendo, mentre l’altro ragazzo si sta liberando e continua a se la prende con mio figlio. Semplicemente non ha senso”, ha detto.

Sia Z’Kye che l’altro adolescente coinvolto sono stati banditi dal centro commerciale per tre anni, ha detto Bridgewater Commons a NBC News in una dichiarazione.

Eboné ha detto: “Non è giusto che dobbiamo costantemente temere la polizia. Sono solo contento che sia successo dove c’erano un sacco di occhi sulla situazione, perché non so cosa sarebbe successo.

Il dipartimento di polizia di Bridgewater ha affrontato l’incidente lunedì in una dichiarazione sulla sua pagina Facebook.

“Riconosciamo che questo video ha sconvolto i membri della nostra comunità e chiediamo un’indagine sugli affari interni”, afferma la dichiarazione.

La polizia sta chiedendo a chiunque abbia un video dell’incidente di condividerlo con il dipartimento e ha chiesto all’ufficio del procuratore della contea di Somerset di condurre una revisione indipendente della condotta degli agenti.

Il sindaco di Bridgewater Township Matthew Moench ha riconosciuto il video martedì e il governatore del New Jersey. Phil Murphy ha espresso la sua preoccupazione.

Moench ha osservato in una dichiarazione che le regole che regolano l’uso della forza da parte degli agenti di polizia nel New Jersey sono codificate dall’ufficio del procuratore generale dello stato.

“Sono completamente fiducioso che la revisione del pubblico ministero sarà imparziale, obiettiva e completa”, ha affermato Moench. “Voglio ringraziare il pubblico per la sua pazienza nell’astenersi dal saltare a conclusioni mentre un’indagine è in corso”.

Nella sua dichiarazione, Murphy ha dichiarato: “Sebbene un’indagine stia ancora raccogliendo i fatti su questo incidente, sono profondamente turbato da quello che sembra essere un trattamento razzialmente disparato in questo video. Ci impegniamo a rafforzare la fiducia tra le forze dell’ordine e le persone che servono”.

La famiglia di Z’Kye ha trattenuto l’avvocato per i diritti civili Ben Crump, ha annunciato lo studio legale giovedì. Crump ha identificato l’adolescente bianco come un alunno di 11a elementare.

“Z’Kye, un alunno di terza media, era nobile nel difendere il suo amico dai bulli; tuttavia, è evidente che gli ufficiali hanno immediatamente pensato che, a causa del colore della pelle di Z’Kye, il suo agire nobilmente non fosse nemmeno nel regno delle possibilità. Quel video dice tutto”, ha detto.

Crump ha aggiunto: “Z’Kye non era una minaccia per quegli ufficiali più dell’adolescente bianco che ha combattuto con lui. Questo è un altro esempio del tipo di pregiudizio razziale che dobbiamo sradicare dal nostro sistema di polizia. Questi agenti hanno bisogno essere rimproverato e riqualificato per superare il pregiudizio implicito che si traduce in un trattamento ineguale – e spesso pericoloso – dei neri”.

Leave a Comment