La proprietaria dei Lakers, Jeanie Buss, “sta diventando impaziente” dopo che il roster costoso ha saltato i playoff: “È stato straziante”

La proprietaria dei Los Angeles Lakers, Jeanie Buss, vorrebbe che tu sapessi che non è contenta. Non è contenta che i Lakers abbiano saltato i playoff, e non è contenta che il roster che è andato 33-49 nella stagione regolare sia costato più di $ 200 milioni, inclusi un po’ di soldi morti e una cifra stimata di $ 45 milioni di tasse sul lusso, per Spotrac .

In un’intervista al Los Angeles TimesBill Plaschke, Buss ha descritto tutte le sconfitte come “strazianti”, “strazianti”, “estremamente deludenti” e “estremamente deludenti”. Ha detto di capire la “rabbia e la frustrazione” dei fan e si è impegnata a “renderla migliore”. Ha anche detto che vuole LeBron James, che ha un anno in più sul suo contratto e avrà diritto a una proroga di due anni il 18 agosto. 4, “per avere fiducia nella squadra, che abbiamo i pezzi per vincere un campionato”.

Buss non si è rivolto a Russell Westbrook’s futuro con il franchisingcitando il fatto che, dopo il licenziamento di Frank Vogel, i Lakers sono senza allenatore: “Avere una conversazione del genere è prematuro. Ora dobbiamo trovare l’allenatore giusto per guidare questa squadra. A seconda dello stile di gioco che vuole quell’allenatore. per giocare, visto il roster che abbiamo, tutto deve iniziare a riunirsi”.

Con il 37enne James e il 29enne Anthony Davis come pietre miliari dei Lakers, Buss ha detto che crede che il front office possa costruire un’altra squadra del campionato. “Non c’è motivo per me di pensare che non possiamo vincere con loro”, ha detto a Volte. “Qualcosa che ho imparato da Phil Jackson è che c’è sempre una strada per il successo”. Buss ha detto di avere “completa fiducia nel nostro front office, che è guidato da Rob Pelinka” e “completa fiducia nel fatto che può mettere insieme un elenco e trovare un allenatore che ci riporterà al punto in cui apparteniamo”.

Buss ha sostenuto Kurt Rambis e ha detto che ammira la sua conoscenza del basket, ma ha negato che Linda Rambis abbia contribuito alle decisioni relative al basket. Ha confermato che si appoggia ancora Magia Johnson e Phil Jacksonaggiungendo che entrambi vogliono che i Lakers abbiano successo.

In qualità di proprietario del controllo, Buss è “ritenuta responsabile di ogni decisione presa qui”, ha affermato. Ha detto che la squadra “non è in vendita” perché era importante per il suo defunto padre, Jerry Buss, che la squadra rimanesse in famiglia: “Mi piace dire, mio ​​padre aveva i suoi figli, ma i Lakers erano il suo bambino, e mi ha affidato la cura del bambino e mi assicurerò che il bambino cresca”.

Per questo bambino in particolare, la sfortunata realtà è che ha poca flessibilità in questa bassa stagione. Non c’è un mercato commerciale solido per Westbrook, che ha un’opzione giocatore da $ 47,1 milioni per la prossima stagione. I Lakers non saranno ricompensati per la loro terribile stagione con una scelta della lotteria, poiché l’hanno scambiata nell’accordo con Davis. Non hanno nemmeno la scelta del secondo round. Supponendo che non rinuncino a Westbrook, tutto ciò che hanno a loro disposizione è l’eccezione di livello medio dei contribuenti da 6,3 milioni di dollari, contratti minimi e scambi. Questa è una situazione terribile per una squadra con un roster di alto livello, ma Buss ha detto che vuole che i fan “siano ottimisti sul fatto che riporteremo la squadra in carreggiata proprio come si aspettano”.

Anche se Buss ha espresso il suo sostegno al front office di Pelinka, ha detto che “guarderà a tutto” e “prenderà le decisioni difficili” se la squadra non “è all’altezza degli standard dei Lakers”. Sembra che un’altra stagione come quella appena finita non sarà accettabile.

“Sto diventando impaziente solo perché avevamo il quarto libro paga più alto della lega”, ha detto Buss. “Quando spendi quel tipo di denaro per la tassa sul lusso, ti aspetti di andare in profondità nei playoff. Quindi, sì, è stato straziante per me uscire con un arto del genere e non ottenere i risultati che stavamo cercando per. Non sono felice, non sono soddisfatto.”

I Lakers riferito intervistato l’ex allenatore dei Portland Trail Blazers Terry Stotts e l’ex allenatore dei Golden State Warriors Mark Jackson per il lavoro che in precedenza apparteneva a Vogel. Candidati segnalati includono anche l’assistente allenatore dei Toronto Raptors Adrian Griffin e l’assistente allenatore dei Milwaukee Bucks Darvin Ham.

Leave a Comment