La legislatura della Florida non redigerà una nuova mappa di riorganizzazione dei distretti, rinviando a DeSantis

TALLAHASSEE — Con una mossa del tutto insolita, lunedì i leader legislativi repubblicani hanno rinviato al governatore. Ron DeSantis di redigere una nuova mappa del Congresso in un apparente tentativo di placare il governatore e sciogliere le tensioni all’interno del partito sul processo di riorganizzazione in Florida.

La decisione, annunciata congiuntamente dal presidente del Senato Wilton Simpson e dal presidente della Camera Chris Sprowls, arriva due settimane dopo che DeSantis ha posto il veto a una mappa del Congresso approvata dalla legislatura e ha richiamato i legislatori statali in una sessione speciale per elaborare un nuovo piano che sarebbe stato di suo gradimento.

Imparentato: DeSantis pone il veto alle mappe di riorganizzazione del distretto, chiede una sessione legislativa speciale

Storicamente, il legislatore ha preso l’iniziativa nel ridisegnare le linee dei distretti congressuali. Ma DeSantis assumerà la guida della mappatura del Congresso dirigendosi verso la sessione speciale che dovrebbe iniziare martedì prossimo.

In una nota ai legislatori statali, Sprows e Simpson hanno affermato che il personale legislativo non sta redigendo o producendo una mappa da presentare la prossima settimana. Aspetteranno nell’ufficio del governatore per fornire loro una mappa che sosterrà.

“La nostra intenzione è quella di fornire all’ufficio del governatore l’opportunità di presentare tali informazioni davanti ai comitati di riorganizzazione distrettuale della Camera e del Senato”, hanno scritto.

L’ufficio di DeSantis non ha risposto immediatamente alla decisione dei leader legislativi.

Sono stati contattati numerosi membri attuali della delegazione del Congresso della Florida, ma nessuno ha commentato questo sviluppo nel determinare i nuovi confini per i propri distretti. Il National Republican Congressional Committee ha rifiutato di commentare.

Tuttavia, i legislatori statali democratici e altri gruppi hanno definito la mossa “non democratica” e “pericolosa”.

“Che fine ha fatto la separazione dei poteri?” detto stato Rep. Anna Eskamani, D-Orlando. “Il fatto che la legislatura della Florida si stia solo facendo in quattro per fare ciò che vuole il governatore. Voglio dire, perché siamo eletti? A questo punto, potremmo anche dare carta e penna al governatore e lui si limiterà a ridisegnare le mappe da solo”.

Rappresentante di Stato Carlos Guillermo Smith, D-Orlando, ha affermato che lasciare che DeSantis disegni la propria mappa del Congresso significa che “il legislatore ha completamente rinunciato alla sua autorità come ramo di governo separato ed uguale”.

Abel Iraola, portavoce del Democratic Congressional Campaign Committee, il braccio principale del partito per le corse alla Camera degli Stati Uniti, ha condiviso queste preoccupazioni.

“La decisione della legislatura della Florida di affidare la riorganizzazione al governatore Ron DeSantis è un’abdicazione senza precedenti e spudorata alle proprie responsabilità come organo eletto”, ha affermato Iraola. “Sulla base dei suoi commenti pubblici, non c’è dubbio che qualsiasi proposta del governatore DeSantis sarebbe una non partenza e un attacco alla rappresentanza nera in Florida”.

Matt Isbell, fondatore di MCI Maps e un esperto di riorganizzazione distrettuale della Florida che lavora con i Democratici, ha affermato che l’annuncio di lunedì è stato raro nel contesto della storia di riorganizzazione distrettuale della Florida, ma non inaspettato.

Ottieni informazioni sulla politica della Florida

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita Buzz

L’editore politico Emily L. Mahoney ti invierà una carrellata sulla copertura politica locale, statale e nazionale ogni giovedì.

Siete tutti iscritti!

Vuoi più delle nostre newsletter settimanali gratuite nella tua casella di posta? Iniziamo.

Esplora tutte le tue opzioni

“È super insolito in un contesto storico. Non mi sorprende davvero con quello che è successo nelle ultime due settimane”, ha detto Isbell. “Sempre di più, abbiamo sentito dire che Ron (DeSantis) ha chiarito alla leadership… che, ‘Se mi sfidi sulla mappa, sosterrò gli avversari primari, andrò di porre il veto alle voci di budget.’ “

«È il segreto peggio custodito in questa città. Tutti sanno cosa sta succedendo”, ha aggiunto Isbell.

Una prima mappa dall’ufficio del governatore

Sebbene DeSantis non abbia prodotto una nuova mappa del Congresso da quando la legislatura ha pubblicato la sua versione finale, il suo consigliere generale, Ryan Newman, aveva precedentemente offerto una mappa che secondo gli esperti avrebbe ridotto la forza di voto dei neri e degli ispanici nei distretti del Congresso e che ha sollevato nuove domande su L’impegno di DeSantis per gli standard dei distretti fieristici della Costituzione della Florida.

Ora che i leader legislativi hanno rinviato a DeSantis sulle mappe, alcuni gruppi stanno sollevando preoccupazioni simili.

“Il legislatore non può abdicare alla sua responsabilità di approvare mappe costituzionali conformi agli emendamenti ai distretti fieristici”, ha affermato in una nota Amy Turkel, direttore esecutivo ad interim dell’ACLU della Florida. “Questa è una mossa pericolosa e senza precedenti”.

Per due mesi durante la sessione legislativa, il governatore ha cercato senza successo di convincere i legislatori ad accettare il suo approccio legale alla riorganizzazione dei distretti, vale a dire che le protezioni offerte agli elettori neri a Jacksonville e Orlando erano un “gerrymander illegale” perché afferma che i tribunali hanno poiché ha stabilito che la razza non dovrebbe avere la precedenza sulle disposizioni di uguale protezione del 14 ° emendamento.

Ma, anche per mesi, i team legali che consigliano alla Camera e al Senato hanno detto ai legislatori che sono legalmente tenuti a disegnare distretti a Jacksonville e nel sud della Florida che diano agli elettori neri l’opportunità di eleggere candidati di loro scelta, sebbene abbiano accettato di smantellare un Black- distretto maggioritario di Orlando.

Nel tentativo di placare il governatore, i legislatori hanno approvato un pacchetto di due mappe. Il governatore ha posto il veto a quel piano. In una lettera, DeSantis ha citato la giurisprudenza del 1992 e del 1995 e ha affermato che la mappa del Congresso della legislatura era incostituzionale “perché assegna gli elettori principalmente sulla base della razza ma non è strettamente adattata per ottenere un interesse statale convincente”.

“I legislatori repubblicani avrebbero dovuto rifiutare l’attacco palese del governatore alla rappresentanza nera nella nostra democrazia. Invece, stanno completamente capitolando al 100% delle sue richieste per paura di ritorsioni”, ha detto Smith.

Ha fatto riferimento alla recente approvazione di DeSantis della Rep. Blaise Ingoglia per una primaria del Senato statale nell’area di Tampa Bay sulla Rep. Ralph Massullo, che DeSantis ha approvato due giorni dopo per la rielezione alla Camera, piuttosto che affrontare Ingoglia.

Imparentato: DeSantis ha ribaltato l’equilibrio nella corsa al Senato dello stato di Tampa Bay. È una tendenza?

Molti legislatori statali repubblicani erano riluttanti a parlare della decisione presa lunedì dalla leadership. Ma non tutto.

Sen. Joe Gruters, un repubblicano di Sarasota che funge anche da presidente del Partito Repubblicano della Florida, ha dichiarato in un messaggio di testo che il piano di rinviare al governatore sulle mappe era un “buon piano”.

Sen. Jeff Brandes, R-St. San Pietroburgo, ha affermato di non vedere l’ora che la legislatura “svolga il proprio lavoro e metta davanti ai membri mappe costituzionalmente conformi”.

Il tempo stringe per farlo

Oltre a superare l’adunanza costituzionale, ci sono anche alcuni importanti limiti di tempo al lavoro nel processo di riorganizzazione della Florida.

Poiché un nuovo seggio al Congresso è stato assegnato a seguito del censimento del 2020, è necessario disporre di una mappa completamente nuova per ospitare il 28° distretto. Quindi ricadere sulla mappa esistente per le elezioni del 2022 non è un’opzione.

L’ultimo giorno in cui un candidato può qualificarsi per candidarsi al Congresso in Florida è il 17 giugno e le elezioni primarie sono il 18 agosto. 23.

In una conferenza stampa a Monticello la scorsa settimana, DeSantis ha affermato di aver capito che le mappe saranno probabilmente contestate in tribunale e ha affermato di volere che il legislatore produca un “prodotto più pulito” che non sarebbe “vulnerabile” come il piano a cui ha posto il veto.

“Penso che finirà per funzionare”, ha detto DeSantis ai giornalisti. “Ma alla fine della giornata, non avremmo lasciato che un tribunale disegnasse la mappa del Congresso. Voglio dire, questo è il requisito della legislatura ovviamente, e devono produrre una mappa che sarà in grado di ottenere la mia firma, e penso che saranno in grado di farlo”.

“Ma restate sintonizzati. Dovrebbe essere interessante nelle prossime settimane”, ha aggiunto, forse prefigurando le notizie di lunedì.

La giornalista del Miami Herald Bianca Padró Ocasio a Miami e la Casa Bianca del Miami Herald e il corrispondente del Congresso Bryan Lowry a Washington, DC, hanno contribuito a questo rapporto.

Puoi leggere il promemoria completo sotto:

• • •

Copertura legislativa di Tampa Bay Times Florida

Iscriviti alla nostra newsletter: Ottieni Capitol Buzz, un’edizione speciale bonus di The Buzz con Emily L. Mahoney, ogni sabato durante la riunione della legislatura.

Guarda la legislatura della Florida in diretta: Il Florida Channel, un servizio di programmazione di affari pubblici finanziato dalla legislatura, trasmette in diretta streaming su thefloridachannel.org. La sua videoteca archivia anche la copertura per la visualizzazione successiva.

Stiamo lavorando sodo per portarvi le ultime notizie dalla sessione legislativa dello stato. Questo sforzo richiede molte risorse per raccogliere e aggiornare. Se non sei già iscritto, si prega di considerare l’acquisto di un abbonamento cartaceo o digitale.

Leave a Comment