La destra critica i media per la mancanza di copertura sull’indagine di Durham

Conservatori e altri alleati della formazione Presidente TrumpDonald TrumpRubio sui record della Casa Bianca a Mar-a-Lago: “Non è un crimine, non credo” Assistenza sanitaria notturna – Maschera finale DC, mandati di vaccini On The Money – Gli spauracchi dell’inflazione di Biden ALTRO sono critici nei confronti dei media per non aver fornito maggiore copertura sugli ultimi sviluppi in materia di consulenza speciale John DurhamJohn DurhamDurham afferma che gli analisti informatici hanno “sfruttato” l’accesso al server della Casa Bianca di Trump Quasi milioni di euro spesi nelle indagini di Durham nel primo anno Quattro domande che meritano risposte all’udienza di sorveglianza di Guantanamo ALTROSondaggio sulle origini dell’indagine sulla collusione russa del 2016.

Trump alleati come l’ex capo di stato maggiore Marco PratiMark Meadows Durham sostiene che gli analisti informatici hanno “sfruttato” l’accesso al server della Casa Bianca di Trump I democratici sono furiosi mentre i documenti di Trump fanno rivivere il trauma delle e-mail di Clinton Queste persone sono state citate in giudizio dal 19 gennaio. 6 pannelli ALTRO e Presidente del Comitato Nazionale Repubblicano Ronna McDanielRonna Romney McDaniel L’ex presidente dell’RNC scrive una lettera aperta a McDaniel: Ti pentirai della censura di Cheney, i repubblicani di Kinzinger non hanno il diritto di rimanere in silenzio Anteprima degli spettacoli domenicali: la Casa Bianca dice che la Russia potrebbe invadere “ogni giorno”; La risoluzione della censura RNC riceve un contraccolpo DI PIÙ hanno strappato i media, sostenendo che le ultime notizie sull’indagine di Durham non stanno ricevendo la stessa attenzione di varie storie sull’ex presidente.

“Praticamente ogni accusa di collusione russa infondata contro Trump è stata stampata e trasmessa per 4 anni”, ha detto Meadows martedì. “Ma oggi c’è una frazione di copertura sulle prove reali in un atto d’accusa di Durham che indica lo spionaggio del candidato e del presidente Trump”.

“Da quando la dichiarazione di Durham è diventata pubblica venerdì, NBC, ABC e CBS non l’hanno menzionata nemmeno una volta nei loro notiziari mattutini o serali”, ha aggiunto McDaniel.

L’ultimo sviluppo dell’indagine di Durham è emerso venerdì, quando Fox News ha riferito che il procuratore speciale aveva affermato in tribunale che un dirigente tecnologico ha “sfruttato” l’accesso ai dati della Casa Bianca per trovare informazioni schiaccianti su Trump.

Durham sta perseguendo un caso contro Michael Sussmann, un avvocato che ha rappresentato un dirigente tecnologico a cui si fa riferimento nel deposito di Durham. Sussman, che una volta ha lavorato per conto dei Democratici e Hillary clintonHillary Diane Rodham ClintonRubio sui record della Casa Bianca a Mar-a-Lago: “Non è un crimine, non credo” Anthony Weiner farà la prima apparizione su un notiziario via cavo dall’incarcerazione di Hannity Durham afferma che gli analisti informatici hanno “sfruttato” l’accesso a Trump White Server domestico ALTROLa campagna del 2016 rischia di aver rilasciato false dichiarazioni al consiglio generale dell’FBI.

È specificamente accusato di aver detto falsamente al massimo avvocato dell’FBI in una riunione del 2016 che non rappresentava alcun cliente quando ha presentato dati che i ricercatori ritenevano potessero stabilire un collegamento tra gli affari di Trump e l’Alfa Bank con sede a Mosca.

Lunedì sera, gli avvocati di Sussman hanno affermato che le informazioni presentate dall’ufficio di Durham alla corte erano fuorvianti e non necessarie e potevano essere intese solo per fomentare pregiudizi dei media e della giuria contro il loro cliente.

“Dato il modello del consulente legale speciale di includere materiale pregiudizievole non necessario nei documenti pubblici, non vi può essere dubbio che il superfluo ‘background fattuale’ nella mozione del consigliere speciale è inteso a politicizzare ulteriormente questo caso, infiammare la copertura mediatica e contaminare il pool della giuria, ” hanno scritto nel loro breve lunedì sera.

Trump e i suoi sostenitori hanno ripetutamente cercato di ritrarre l’ex presidente come una vittima dello “spionaggio” perpetrato da Clinton e da alti agenti democratici durante la campagna del 2016. Hanno anche lavorato per riprodurre le notizie provenienti dall’indagine di Durham.

Le notizie di venerdì hanno ricevuto molta attenzione da Fox News e dai media conservatori.

Tucker-CarlsonTucker CarlsonPutin non teme la NATO o l’Ucraina: teme la democrazia I democratici accusano il GOP di “adescamento razziale” con attacchi arbitrali Jonah Goldberg si unisce alla CNN ALTRO ha aperto il suo programma più votato su Fox lunedì con la storia di Durham. Martedì il New York Post ha pubblicato un titolo sulla copertina che diceva “HILLARY THE SPY”, mentre la redazione del Wall Street Journal ha scritto un editoriale intitolato “Trump è stato davvero spiato”.

Trump ha ripetutamente impostato i media come un avversario per infastidire la sua base e le ultime notizie di Durham fanno parte di questo schema. L’ex presidente ha rilasciato una dichiarazione lunedì mattina facendo esplodere i media e confrontando l’accusa di Durham con la controversia sul Watergate.

Altre reti di notizie via cavo e testate giornalistiche hanno iniziato a scrivere di più sulla storia a partire da lunedì.

Martedì su MSNBC, i relatori di “Morning Joe” hanno dedicato più di 30 minuti sia all’ultimo deposito di Durham che alla sua copertura nei media conservatori.

Sostenevano che la copertura di altri punti vendita fosse esagerata e esagerata.

“Tante accuse [are] volando in giro”, ospite Joe ScarboroughCharles (Joe) Joseph Scarborough I presentatori di “Morning Joe” prendono in giro Trump De Blasio per decidere “molto presto” su una possibile candidatura al governo Ocasio-Cortez: i democratici devono “reprimere” il “club dei vecchi ragazzi” al Senato ALTRO detto durante la discussione. “La gente sta cercando disperatamente di mettere in contatto Hillary Clinton con questo avvocato che gli dà soldi dicendo ‘vai a spiare Donald Trump’. Non è mai successo”.

“Era un atto d’accusa di 27 pagine che copriva un conteggio specifico”, ha aggiunto il giornalista di NBC News Tom Winter. “Penso che quando guardi alla totalità di questo, sai, il tempo dirà se i pagamenti o meno [from the Clinton campaign] sono stati fatti [to Sussman] e a cosa servivano quei pagamenti e se avessero a che fare o meno con la ricerca e l’Alfa Bank, cosa che la maggior parte delle testate giornalistiche non ha nemmeno toccato. Non troverai mai una storia con il mio nome sopra, i nomi di Pete Williams sopra, i nomi di Ken Dilanian sopra. Metto qui l’intero lavandino della cucina dei giornalisti sulle accuse di Alfa Bank.

Williams e Dilanian sono anche due membri del team di NBC News, con Winter che si occupa del Dipartimento di Giustizia, dell’intelligence e delle forze dell’ordine federali.

“Tu sai perché? Perché è così confuso e così difficile da seguire”, ha intervenuto Scarborough.

Charlie Savage, un corrispondente vincitore del Premio Pulitzer per il New York Times, specializzato in politiche legali per la sicurezza nazionale, ha scritto lunedì che molte delle narrazioni avanzate dai media conservatori sull’indagine di Durham sono “basate su una presentazione fuorviante dei fatti o una vera e propria disinformazione”.

“Tendono anche a coinvolgere problemi densi e oscuri, quindi analizzarli richiede di chiedere ai lettori di spendere una notevole energia mentale e tempo, sollevando la questione se i notiziari debbano anche coprire tali affermazioni”, ha scritto Savage. “Eppure gli alleati di Trump ritraggono i media come impegnati in un insabbiamento se non lo fanno”.

W. Joseph Campbell, professore di comunicazione all’Università americana, ha suggerito che uno dei motivi per cui i principali organi di informazione non hanno trattato l’indagine di Durham con la stessa forza dei media conservatori potrebbe essere dovuto alla difficoltà di inquadrare accuratamente quelle che lui chiamava “notizie di processo”.

“Solo perché è complicato non scusa i media per non aver prestato molta attenzione. È importante e potenzialmente così e questo da solo sarebbe un incentivo per i media che scrivono in grande per interessarsi più profondamente a questo “, ha detto Campbell. “L’impazienza per le notizie di processo è profonda. E ci sono molte notizie di processo in questa città, quindi questa potrebbe essere una spiegazione”.

Campbell ha detto che i documenti per Durham hanno un valore giornalistico, tuttavia, perché offrono uno sguardo su “ciò che sta guardando”.

Tuttavia, per i conservatori, l’indagine di Durham rimane un punto controverso, e alcuni la stanno proponendo come base per le indagini del Congresso se i repubblicani riprendessero la maggioranza dopo le elezioni di medio termine.

“Purtroppo, non possiamo fare affidamento sui media legacy per svolgere i suoi compiti più elementari nella copertura della questione”, ha affermato Mike Howell, che guida il Conservative Oversight Project della Heritage Foundation.

“Dopo anni passati a ripetere a pappagallo la falsa narrativa di collusione della sinistra, le testate giornalistiche politicamente motivate si rifiutano in gran parte di riconoscere questo scandalo”, ha affermato. “Mentre il lavoro del consiglio speciale deve procedere senza inibizioni, il Congresso dovrebbe fare ampio uso dei suoi poteri di supervisione per ottenere immediatamente risposte e garantire la responsabilità bipartisan. Dobbiamo assicurarci che il popolo americano comprenda appieno cosa è successo in modo che richieda una leadership migliore”.

.

Leave a Comment