Ketanji Brown Jackson: i punti chiave delle udienze di conferma della Corte Suprema

I democratici sono ansiosi come sempre di confermare il giudice d’appello federale della DC, poiché hanno denunciato le tattiche aggressive impiegate da una manciata di membri repubblicani del comitato.

Anche se potrebbe raccogliere alcuni voti repubblicani, diversi senatori del GOP hanno cercato di dipingerla come un giudice “attivista” morbido nei confronti del crimine, poiché hanno usato le sue audizioni per mostrare i loro temi di messaggistica contro i Democratici che si avvicinano al midterm di novembre.

Anche con le rappresentazioni teatrali del GOP, la realtà che la sua conferma non cambierà in modo significativo l’inclinazione conservatrice della Corte Suprema era ancora evidente, in particolare quando i membri del comitato repubblicano hanno lanciato attacchi non solo a Jackson, ma anche ai precedenti della Corte Suprema che proteggevano il diritto all’aborto, lo stesso -matrimonio sessuale e altre sentenze storiche.

Ecco i punti chiave delle udienze di conferma della Corte Suprema:

Anche con il fango, il significato storico della nomina di Jackson incombeva molto

La natura rivoluzionaria della nomina di Jackson è emersa durante tutto il procedimento, in mezzo a tutta l’attenzione ai dettagli del suo record.

“Abbiamo aspettato troppo a lungo per questo giorno, ma siamo comunque felicissimi che sia finalmente arrivato. La presenza del giudice Jackson in tribunale avrà un’importanza enorme”, ha affermato Wade Henderson, presidente e CEO della Leadership Conference on Civil and Human Rights. Giovedi.

La forma dell’arco storico nazionale è emersa nel modo in cui Jackson ha descritto il proprio background.

“Sono qui, in piedi sulle spalle di generazioni di americani che non hanno mai avuto nulla di simile a questo tipo di opportunità”, ha detto Jackson martedì.

Ha sottolineato come i suoi nonni abbiano ricevuto poca istruzione formale e che i suoi genitori hanno frequentato scuole inferiori segregate a Miami, prima di studiare alla Howard University.

“Mi considero, essendo nato nel 1970, la prima generazione a beneficiare del movimento per i diritti civili, dell’eredità di tutto il lavoro di così tante persone che sono andate a modificare le leggi in questo paese in modo che le persone come me, potrei avere l’opportunità di essere seduto qui davanti a te oggi”, ha detto Jackson mercoledì.

Poiché l’interrogatorio del Senato stava per concludersi mercoledì, Jackson, su richiesta del senatore democratico della California. Alex Padilla — ha riflettuto sul messaggio che avrebbe dato ai giovani che dubitano delle proprie capacità mentre la guardavano salire. Ha ricordato di essersi sentita fuori posto e con nostalgia di casa durante il suo primo semestre all’Università di Harvard da studente universitario.

“Mi stavo davvero chiedendo, um, ‘Appartengo a qui? Posso farcela in questo ambiente?” E la sera stavo passeggiando per il cortile e una donna di colore che non conoscevo mi stava sorpassando sul marciapiede. E lei mi ha guardato e immagino che sapesse come mi sentivo e si è chinata mentre ci incrociavamo e ha detto: ‘Persevera'”, ha detto Jackson. “Direi loro di perseverare”.

I democratici rimangono impegnati a confermare Jackson, indipendentemente dal fatto che qualche repubblicano si unisca a loro o meno

Uscendo dalle udienze, i Democratici insistevano come sempre sul fatto che Jackson appartenesse alla più alta corte d’America e che intendessero metterla lì.

“Sarà confermata. Sarà una star della Corte Suprema”, ha detto il sen. Patrick Leahy, un democratico del Vermont, ha detto dopo l’udienza di mercoledì. “E io per primo voterò con orgoglio per lei.”

Jackson affronta un voto di conferma serrato mentre Graham segnala
Se il loro caucus rimane unito, i Democratici non avranno bisogno di voti repubblicani per confermarla. Un voto di partito su Jackson renderebbe la sua conferma più vicina a quella di qualsiasi altro giudice della Corte Suprema nella storia moderna e segnerebbe un drastico cambiamento rispetto a una generazione fa, quando i giudici Antonin Scalia e Ruth Bader Ginsberg stavano ottenendo l’approvazione del Senato con poca o nessuna opposizione.

È ancora possibile che Jackson ottenga l’approvazione bipartisan, anche se un repubblicano in precedenza favorevole, il senatore. Lindsey Graham – che è stata tra i tre repubblicani del Senato che hanno votato per la sua conferma della Corte d’Appello del Circuito DC degli Stati Uniti – sta segnalando che ora è incline a votare contro di lei.

“È un gioco diverso”, ha detto Graham alla CNN mercoledì.

Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha annunciato giovedì che avrebbe votato no alla sua conferma.

Con l’obiettivo di confermarla entro Pasqua, il prossimo grande passo dei senatori nel suo processo di conferma sarà una votazione in commissione prevista per il 4 aprile.

Le udienze hanno assunto un tono più duro di quello che i repubblicani promettevano

In vista delle udienze, i repubblicani hanno previsto un approccio “dignitoso” al candidato che sarebbe stato “rispettoso” nel tono e “sostanziale” nel contenuto.

Quelle promesse non sono andate a buon fine.

Mentre molti dei comitati del GOP hanno mantenuto il loro comportamento amichevole mentre hanno posto a Jackson domande accademiche sulla sua filosofia giudiziaria e su particolari sentenze nel suo record, una manciata di repubblicani ha adottato un approccio più ostile per criticare il giudice.

I repubblicani salutano una storica nomina della Corte Suprema con un circo politico

Durante più cicli di domande del GOP, Jackson ha dovuto affrontare ripetute interruzioni e aspri licenziamenti delle risposte che stava cercando di fornire.

Senatori come Graham e Sen. Ted Cruz del Texas ha alzato la voce nelle loro interiezioni. Arkansas Sen. Tom Cotton ha detto al giudice che non l’ha trovata “credibile”.

Il procedimento è stato il più brutto nelle linee di indagine repubblicana incentrate sui premi che Jackson ha emesso in una serie selezionata di casi di pornografia infantile. I repubblicani hanno affermato che era indebitamente indulgente nei confronti di quei delinquenti, un’affermazione in contrasto con il fatto che il suo record è per lo più in linea con il modo in cui i giudici tipicamente affrontano questi casi.
Guarda i momenti chiave dell'udienza di conferma di Ketanji Brown Jackson

Missouri Sen. Josh Hawley si è concentrato su uno dei casi in questione, fornendo dettagli grafici dei materiali abusivi coinvolti e selezionando il linguaggio che ha usato in un’udienza di condanna per rivolgersi all’autore del reato. Lui, così come Graham, Cruz e Cotton, ha martellato Jackson per le sue opinioni – ampiamente diffuse tra giudici e altri esperti legali – secondo cui le attuali linee guida di condanna per alcuni casi di questo tipo erano obsolete.

Si ritiene che molti degli interrogatori più severi di Jackson siano in lizza per una corsa presidenziale del 2024. Anche altri punti di discussione previsti dal GOP per la campagna di medio termine del 2022 si sono fatti strada nell’interrogatorio. Cruz l’ha tormentata per la “teoria critica della razza” – una disciplina accademica che guarda al razzismo di sistema, anche se Jackson ha insistito sul fatto che non ha alcun ruolo nel modo in cui si avvicina al giudizio. A un certo punto l’ha criticata sulla presenza del libro per bambini “Antirazzista Baby” nel curriculum della scuola privata per la quale Jackson fa parte del consiglio.
Verifica dei fatti: i

Altri repubblicani l’hanno interrogata sui problemi dei diritti dei transgender, con Tennessee Sen. Marsha Blackburn ha affermato martedì che il rifiuto di Jackson di fornire una definizione di donna “sottolinea i pericoli del tipo di educazione progressista di cui sentiamo parlare”.

I repubblicani hanno difeso il loro approccio duro nei confronti di Jackson come uno che mirava esattamente al suo record. Ma questo non era certamente il caso delle richieste avanzate da Graham che Jackson soppesasse il trattamento ricevuto dal giudice Brett Kavanaugh durante la sua udienza di conferma – e la continua rabbia dei repubblicani per le tattiche democratiche nei passati scontri con la Corte Suprema è stato uno dei temi principali del procedimento della settimana .

Jackson ha preso le distanze dall’idea che sarebbe stata una tifosa liberale

I repubblicani si sono detti delusi dal fatto che non avesse identificato una filosofia giudiziaria specifica – come le tendenze di originalità o testualismo preferite dai conservatori – che lei seguiva. Ma altrettanto notevole è stata la distanza che ha messo tra se stessa e gli approcci giudiziari che erano stati tipicamente annunciati dai progressisti.

Durante una lunga discussione con il senatore repubblicano del Nebraska. Ben Sasse sulle opinioni giudiziarie opposte del giudice Stephen Breyer e del defunto giudice Scalia, Jackson ha rifiutato di allinearsi con la filosofia sposata da Breyer, la giustizia per cui ha lavorato e ora è stata selezionata per sostituirla.

Cosa dicono davvero i libri per bambini a cui Ted Cruz ha fatto riferimento all'udienza di conferma di Ketanji Brown Jackson

Altrove nella sua testimonianza sulla sua “metodologia” giudiziaria c’erano accenni all’attenzione alla storia e al significato del testo in quel momento era scritto – i fattori che i conservatori giudiziari hanno tradizionalmente enfatizzato.

C’erano altri aspetti della sua testimonianza che andavano contro il solito grano liberale. Ha discusso a lungo di come le sue opinioni siano state plasmate dall’avere membri della famiglia – inclusi un fratello e gli zii – che prestavano servizio nelle forze dell’ordine.

“Capisco la necessità delle forze dell’ordine, l’importanza di avere persone disposte a svolgere quel lavoro importante, l’importanza di ritenere le persone responsabili del loro comportamento criminale”, ha detto Jackson. “Anch’io, come avvocato e cittadino, credo fortemente nella nostra Costituzione e nei diritti che ci rendono liberi”.

I repubblicani chiedono alla Corte Suprema di rivedere Roe, il matrimonio tra persone dello stesso sesso e altre sentenze chiave

Ci sono stati momenti in cui – data la polemica dell’interrogatorio dei repubblicani – si sarebbe pensato che l’inclinazione della corte fosse in bilico. Ma la conferma di Jackson non cambierebbe il blocco 6-3 che i conservatori hanno sull’alta corte, e quella realtà era sullo sfondo delle bordate del GOP contro i precedenti che sperano che questa corte annulli.

Molti di questi commenti erano rivolti ai precedenti sui diritti di aborto della corte che potrebbero essere cancellati entro la fine dell’anno in un caso che la corte ha sentito che contesta direttamente il Roe v. Decisione Wade.
Sondaggio Gallup: il 58% degli americani sostiene la nomination SCOTUS del giudice Ketanji Brown Jackson

Numerosi repubblicani hanno posto le domande di Jackson che cercavano di minimizzare il significato della Corte Suprema che ha ribaltato uno dei suoi precedenti. Louisiana Sen. John Kennedy le chiese se “è più probabile che la Corte Suprema rovesci un caso – il che non sarebbe così straordinario – se il precedente avesse 49 anni, invece di 4,9 anni”. Per coincidenza, il precedente Roe ha 49 anni.

Ha anche affrontato diverse domande sui concetti legali alla base di quella sentenza. Blackburn le ha chiesto dell’assenza della parola “aborto” nella Costituzione. I repubblicani l’hanno interrogata sulle sue convinzioni su quando è iniziata la vita e in quale momento della gravidanza un feto è diventato vitale.

Ma Roe non è stato l’unico precedente nella mente dei repubblicani questa settimana. Texas Sen. John Cornyn ha intrapreso una lunga indagine sul 2015 Obergefell v. Sentenza Hodges, che ha legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso a livello nazionale, poiché ha chiesto a Jackson se fosse “un atto di politica giudiziaria”.

Ha suggerito che la base giuridica di quella sentenza – un concetto noto come un giusto processo sostanziale, che è anche alla base delle sentenze sul matrimonio interrazziale e sul controllo delle nascite – fosse il principio che “consente alla corte di sostituire la sua opinione ai rappresentanti eletti del popolo. ”

Manu Raju ha contribuito a questo rapporto.

.

Leave a Comment