Katko avverte degli attacchi informatici russi contro gli Stati Uniti, afferma che Biden “non sta facendo nulla al riguardo”

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

ESCLUSIVO: PONTE VEDRA, FLA.—Il primo repubblicano nella commissione per la sicurezza interna della Camera e il capo della task force per la sicurezza informatica del GOP, Rep. John Katko, che sarebbe “molto sorpreso” se la Russia non effettua un attacco informatico contro gli Stati Uniti, avvertendo che l’amministrazione Biden “non sta facendo nulla” per prevenire gli attacchi.

Biden, lunedì, ha avvertito che i funzionari statunitensi hanno raccolto “intelligence in evoluzione” per suggerire che il governo russo sta esplorando opzioni per potenziali attacchi informatici contro gli Stati Uniti nel mezzo della loro guerra multifronte contro l’Ucraina.

LA RUSSIA INVADE L’UCRAINA: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Katko, RNY, a margine della House Republican Issues Conference, ha affermato che è “bene” che Biden avverta gli americani, osservando che un attacco informatico dalla Russia potrebbe essere “abbastanza grave”.

“Supponiamo che ci sia una maggiore possibilità che ciò accada, dato che la Russia ha di nuovo le spalle al muro e le cose non stanno andando bene in Ucraina”, ha detto Katko a Fox News. “Supponi che probabilmente accadrà e agisci di conseguenza.”

Il mese scorso, il Dipartimento per la sicurezza interna ha avvertito le organizzazioni statunitensi a tutti i livelli che potrebbero affrontare minacce informatiche derivanti dal conflitto Russia-Ucraina.

STATI UNITI – 31 OTTOBRE: Rep. John Katko, RN.Y., lascia il Campidoglio dopo il voto della Camera su una risoluzione dell’indagine sull’impeachment giovedì 31 ottobre 2019. (Foto di Tom Williams/CQ-Roll Call, Inc tramite Getty Images)
((Foto di Tom Williams/CQ-Roll Call, Inc tramite Getty Images))

L’amministrazione Biden ha lavorato per rafforzare le difese informatiche dopo una serie di attacchi ransomware la scorsa estate, con attori maligni stranieri che prendono di mira pezzi dell’infrastruttura critica degli Stati Uniti.

Nel giugno 2021, un attacco ransomware ha chiuso gli stabilimenti di carne con sede negli Stati Uniti del più grande confezionatore di carne del mondo, JBS con sede in Brasile. La Casa Bianca ha affermato che l’hacking è stato probabilmente effettuato da un gruppo criminale con sede in Russia.

L’attacco a JBS è arrivato poche settimane dopo che il più grande gasdotto statunitense, il Colonial Pipeline della costa orientale, è stato preso di mira da un gruppo criminale originario della Russia.

Biden, durante il suo vertice a Ginevra con il presidente russo Vladimir Putin nel giugno 2021, ha sollevato la questione del ransomware. Biden, all’epoca, disse di aver detto a Putin che “certe infrastrutture critiche dovrebbero essere vietate agli attacchi”. Biden ha affermato di aver fornito un elenco di “16 entità specifiche definite come infrastrutture critiche”, affermando che andava dall’energia ai sistemi idrici.

Putin, però, durante la sua conferenza stampa dopo l’incontro, ha negato che la Russia fosse responsabile degli attacchi informatici e ha invece affermato che la maggior parte degli attacchi informatici nel mondo sono stati effettuati dagli Stati Uniti

Ma Katko ha sbattuto Biden per la sua strategia.

“Volevo urlare”, ha detto Katko a Fox News. “Tutto è off limits: non dovrebbero farlo affatto, e se lo stanno facendo, dovremmo reagire duramente”.

“Il problema è che questa amministrazione non è tornata contro la Russia, non è tornata contro la Cina, non è tornata contro l’Iran”, ha continuato Katko. “Non stiamo facendo nulla al riguardo e i cattivi si stanno incoraggiando”.

Katko ha detto a Fox News che la “cosa più grande” che il Congresso può fare è garantire che la Cybersecurity Infrastructure Security Agency (CISA) riceva “gli strumenti di cui ha bisogno”.

BIDEN AVVISA DI “INTELLIGENZA IN EVOLUZIONE” SUggerendo POSSIBILI ATTACCHI INFORMATIVI RUSSI CONTRO GLI STATI UNITI

“Ha bisogno di più finanziamenti e supporto, ma stanno già facendo un ottimo lavoro”, ha detto Katko. “Non hanno bisogno di essere un’agenzia di regolamentazione, devono essere un partner con il settore privato per mantenere il sistema sicuro e, se continuano a farlo, sarebbe fantastico”.

Katko ha aggiunto che “più risorse” il Congresso può fornire alla CISA, “migliore sarà il nostro paese dal punto di vista informatico”.

Sulla questione se la Russia effettuerà un attacco informatico contro gli Stati Uniti, Katko ha risposto: “Sarei molto sorpreso se non lo facessero”.

Indicando gli attacchi dell’anno scorso al Colonial Pipeline e alla JBS, Katko ha detto che la Russia stava cercando di “interrompere la nostra fornitura di carburante”.

“Sai, se la Russia colpisse infrastrutture critiche, energia, reti elettriche, istituti bancari, ospedali, ovunque, qualunque cosa facciano, ciò può avere un profondo effetto su tutti gli americani”, ha avvertito Katko. “Dobbiamo essere pronti per questo e dobbiamo tenere la guardia alta e dobbiamo assicurarci che i nostri sistemi siano il più sicuri possibile”.

Biden, questa settimana, ha affermato che questo è “un momento critico per accelerare il nostro lavoro per migliorare la sicurezza informatica domestica e rafforzare la nostra resilienza nazionale”.

L’amministrazione Biden ha messo in guardia sul potenziale di “attività informatica dannosa” contro gli Stati Uniti da parte del governo russo, che secondo Biden potrebbe essere una risposta ai “costi economici senza precedenti che abbiamo imposto alla Russia insieme ai nostri alleati e partner. È parte del playbook della Russia”.

Il presidente Biden non ha fatto abbastanza per scoraggiare un attacco informatico russo, secondo un alto repubblicano della Camera.

Il presidente Biden non ha fatto abbastanza per scoraggiare un attacco informatico russo, secondo un alto repubblicano della Camera.
(Foto AP/Evan Vucci)

“Oggi, la mia amministrazione ribadisce quegli avvertimenti basati sull’evoluzione dell’intelligence secondo cui il governo russo sta esplorando le opzioni per potenziali attacchi informatici”, ha affermato Biden lunedì.

L’amministrazione Biden ha lavorato per “rafforzare” le difese informatiche nazionali degli Stati Uniti e ha imposto “misure di sicurezza informatica estese per il governo federale e quei settori delle infrastrutture critiche in cui abbiamo l’autorità per farlo”.

Il presidente lunedì ha anche sottolineato che l’amministrazione ha creato “partenariati e iniziative pubblico-privato per migliorare la sicurezza informatica in tutte le nostre infrastrutture critiche”.

“Il Congresso ha collaborato con noi in questi sforzi: apprezziamo che i membri del Congresso abbiano lavorato in tutto il reparto per richiedere alle aziende di segnalare gli incidenti informatici al governo degli Stati Uniti”, ha affermato Biden.

“La mia amministrazione continuerà a utilizzare ogni strumento per scoraggiare, interrompere e, se necessario, rispondere agli attacchi informatici contro infrastrutture critiche”, ha affermato lunedì il presidente, ma ha affermato che “il governo federale non può difendersi da solo da questa minaccia”.

GLI HACKER HANNO BERSAGLIATO LE AZIENDE ENERGETICHE USA PRIMA DELL’INVASIONE IN UCRAINA: FONTE

“La maggior parte delle infrastrutture critiche americane è di proprietà e gestita dal settore privato e i proprietari e gli operatori di infrastrutture critiche devono accelerare gli sforzi per chiudere a chiave le loro porte digitali”, ha affermato Biden. “La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) del Department of Homeland Security ha collaborato attivamente con le organizzazioni in tutte le infrastrutture critiche per condividere rapidamente le informazioni e le linee guida sulla mitigazione per aiutare a proteggere i loro sistemi e reti”.

Il presidente ha esortato i partner del settore privato a “rafforzare immediatamente le difese informatiche implementando le migliori pratiche che abbiamo sviluppato insieme nell’ultimo anno”.

“Hai il potere, la capacità e la responsabilità di rafforzare la sicurezza informatica e la resilienza dei servizi e delle tecnologie critiche su cui fanno affidamento gli americani”, ha affermato Biden.

“Abbiamo bisogno che tutti facciano la loro parte per affrontare una delle minacce più importanti del nostro tempo: la tua vigilanza e urgenza oggi possono prevenire o mitigare gli attacchi di domani”.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Biden a luglio ha firmato un memorandum sulla sicurezza nazionale che dirigeva la sua amministrazione a sviluppare obiettivi di sicurezza informatica per le infrastrutture critiche negli Stati Uniti, entità come società di servizi elettrici, impianti chimici e reattori nucleari.

La nota ha anche istituito formalmente la Cyber ​​Security Initiative di Biden, uno sforzo di collaborazione volontaria tra il governo federale e le entità delle infrastrutture critiche per facilitare l’implementazione di tecnologia e sistemi che forniscono indicatori e rilevamenti di visibilità delle minacce.

Leave a Comment