Julius Randle cade a pezzi quando i Knicks perdono contro Jaz

In una notte i Knicks avevano bisogno di Julius Randle per essere una star del Garden contro il potente Jazz, ha deposto un uovo mentre Donovan Mitchell brillava.

I Knicks hanno sprecato una grande opportunità per rendere marzo più interessante con una sconfitta per 108-93 domenica contro i Jazz quando Randle è uscito dal Garden e ha sentito i meritati fischi in ritardo.

Randle è arrivato 6 su 21 dal campo (1 su 6 su 3) per 13 punti e, negli ultimi secondi, è entrato in una scaramuccia con Rudy Gobert, spingendolo leggermente mentre il centro Jazz cercava di calmare lo scontento Knick giù.

Non c’è da stupirsi che Randle fosse frustrato, dato che il suo tiro è stato bloccato apparentemente per tutta la notte da Gobert e Hassan Whiteside.

In seguito, Randle è stato a malapena coerente nella discussione dell’incidente e ha affermato di non essere arrabbiato con la superstar del Jazz. Giocatori di entrambe le parti sono intervenuti nel brutto finale di un brutto quarto quarto.

“Davvero non lo so, all’inizio stavo conversando con il funzionario. Quando me ne sono andato, hanno pensato che ci fosse un confronto con me e lui dalla commedia prima”, ha detto Randle. «Ma non lo era. Va bene. Non un grande affare.”

Julius Randle ha tirato solo 6 su 21 contro i Jazz.
Roberto Sabo

Alla domanda se fosse arrabbiato con Gobert, Randle ha detto: “Nah. Affatto. Onestamente. Ero confuso a dire il vero. Quando me ne sono andato, ero confuso.

È stata una performance confusa di Randle. Lungo il tratto quando i Knicks sono arrivati ​​a portata di mano, Randle ha fatto saltare un facile layup sul 95-89, poi ha perso la palla dribblando nel traffico a 3:40 dalla fine, dopodiché l’ha sentito dalla folla.

A sua volta, Mitchell, il prodotto di Westchester ed ex cliente di Leon Rose alla CAA, ha battuto i Knicks con 36 punti, realizzando 7 su 12 da 3 punti e lanciando un feroce jam mancino a 5:50 dalla fine e i Knicks si sono mobilitati.

“Chiunque è entusiasta di giocare a casa”, ha detto RJ Barrett. «Ma non possiamo lasciarglielo fare. Devo fare un lavoro migliore proteggendolo, specialmente quando è un ragazzo che torna a casa. Non possiamo permettergli di fare una cosa del genere.

Jazz
Donovan Mitchell ha concluso con un record di 36 punti.
NBAE tramite Getty Images

Mitchell è una persona di interesse tra gli ottoni dei Knicks nonostante il suo contratto Jazz a lungo termine. Mitchell sembrava ansioso di mettere su uno spettacolo.

“È sempre una benedizione suonare qui davanti ai miei amici e alla mia famiglia: le persone che mi hanno visto giocare da quando avevo 3 anni, amano letteralmente guardarmi sparare sui mini cerchi”, ha detto Mitchell. “E poter andare là fuori e giocare bene, uscire e ottenere una vittoria come gruppo, è divertente”.

In una delle luci basse della notte, Mitchell ha appoggiato Randle lungo la linea di fondo e si è alzato in volo per una mostruosa schiacciata a due mani. Randle è stato anche sorpreso a fare jogging in difesa durante un contropiede nello Utah.

Quando è stato chiesto all’allenatore dei Knicks Tom Thibodeau della serata scadente di Randle, ha risposto in generale, dicendo: “Pensavo che avessimo litigato, ma sembrava che fossimo un passo indietro per gran parte della notte”.

Almeno Randle se ne rese conto.

“Sì. Non ne sono sicuro”, ha detto Randle. “L’usura della stagione da partita a partita. Non sono veramente sicuro. Di solito siamo una squadra ad alta energia. Per qualche motivo non siamo stati oggi.

C’è stata un’occasione d’oro con gli Hawks che hanno già perso e i Knicks hanno avuto la possibilità di tirare entro quattro partite dallo slot di play-in.

Per avviare, i Knicks ospiteranno gli Hawks martedì. Ma quel gioco ora sarà semplicemente un esercizio di sopravvivenza invece di un’opportunità legittima per spaventare gli Hawks, che li guidano di cinque partite con 11 da giocare.

Giulio Randle
Giulio Randle
Getty Images

“Abbiamo perso questo, ma in realtà possiamo andare contro l’Atlanta la prossima partita, quindi prova a riaverlo allora”, ha detto Barrett.

Barrett ha avuto anche un terribile secondo tempo quando ha segnato solo nove dei suoi 24 punti. Durante un’impennata Jazz del terzo quarto, Barrett ha visto il suo layup di guida battuto da Whiteside.

Evan Fournier è partito alla grande, colpendo quattro dei suoi primi cinque canestri, di cui tre da 3 punti. Aveva 11 punti nei primi otto minuti, ei Knicks erano in vantaggio, 29-20, alla fine del primo quarto. Fournier ha concluso con 17 punti ma ha subito un fallo a 2:15 dalla fine.

“Stiamo rimbalzando bene, ma pensavo di non aver rimbalzato bene la palla stasera”, ha detto Thibodeau. “Tanti palloni, 50-50 palloni, non ci siamo riusciti. Sapevamo che avrebbero girato molti 3 secondi. Quindi è importante coprire i gomiti. Ci hanno battuto a quelli.”

Il jazz è diventato caldo nel secondo periodo con il vincitore del premio Sixth Man of the Year 2021 Jordan Clarkson che ha fatto le sue cose. Con una serie di floater e midrange jumper, Clarkson ha appeso 18 punti ai Knicks nei suoi primi 14 minuti di azione.

I Jazz stavano giocando senza playmaker titolare Mike Conley (manutenzione) e Bojan Bogdanovic (polpaccio) e i Knicks non avevano abbastanza cuore negli ultimi sei minuti.

.

Leave a Comment