Jets, Giants affrontano anche la storia del Draft NFL con due scelte tra le prime 10

Il sarto della Pro Football Hall of Fame non ha ancora bisogno di venire a New York per misurare quattro debuttanti per le giacche d’oro.

Giovedì inizia il draft NFL che dovrebbe far rivivere contemporaneamente i Jets e i Giants. Le due squadre più perdenti negli ultimi cinque anni (pareggiando 22-59) hanno entrambe due scelte tra le prime 10, il che è estremamente raro: solo sette squadre dal 1990 hanno avuto due scelte tra le prime 10 e solo una di queste ultime 32 bozze ha incluso due squadre con due prime 10 scelte.

Ora, l’epicentro del primo round è un tratto di autostrada di 30 miglia e le possibilità sembrano infinite. E se in ogni squadra arrivasse un futuro Hall of Famer? E se una squadra o l’altra inchioda entrambe le scelte e ottiene due Pro Bowler perenni? Una squadra non può fiutare due volte, giusto?

Ecco una dose di acqua fredda.

Il Post ha esaminato le ultime sette squadre nella stessa posizione di Jets e Giants e ha scoperto che è altrettanto probabile – o più – sbagliare su entrambe le scelte che colpire su entrambe le scelte. Delle 14 scelte, due hanno vinto importanti premi individuali in qualsiasi momento, sette hanno fatto Pro Bowls e due sono entrate nella Hall of Fame (due sono attive).

Joe Douglas, Joe Schoen
Bill Kostrun, Corey Sipkin

Non c’è paragone perfetto per i Giants – un direttore generale del primo anno e un allenatore del primo anno – quindi forse non sorprende che i responsabili delle decisioni responsabili di creare il pasticcio di scelte tra i primi 10 non siano poi riusciti a sfruttare appieno le scelte premium .

“Va bene avere grandi aspettative”, ha detto un dirigente di lunga data della NFL. “Dovrebbero avere due dei loro giocatori migliori per i prossimi 10 anni. Soprattutto i Jets, che hanno avuto più anni sotto lo stesso GM”.

La storia suggerisce che se i Jets e i Giants ottengono ciascuno un giocatore d’élite, potrebbe essere definita una “vittoria” e la seconda scelta è il denaro della casa. I pessimisti hanno paura di una squadra, due buste hanno cinque anni di continue sconfitte da incolpare.

Ecco uno sguardo alle ultime sette squadre ad avere un paio di prime 10 scelte.

Browns 2018: n. 1 QB Baker Mayfield, n. 4 CB Denzel Ward

GM/direttore principale: John Dorsey (2° anno); Allenatore: Hue Jackson (3° anno)

I Browns hanno utilizzato 28 quarterback in 19 stagioni prima dell’arrivo di Mayfield. Ha diretto la prima vittoria ai playoff della franchigia dalla reincarnazione nel 1999, ma non è stato all’altezza della scelta numero 7 di Josh Allen. I Browns hanno appena scambiato una barca di scelte per sostituire Mayfield con Deshaun Watson. Ward, due volte Pro Bowler, ha firmato una proroga quinquennale di 100,5 milioni di dollari per diventare il cornerback più pagato della NFL.

Grado: VS

Marrone
Baker Mayfield
USA OGGI Sport

2000 Comandanti: n. 2 LB LaVar Arrington, n. 3 OT Chris Samuels

GM/direttore principale: Vinny Cerrato (1° anno); Allenatore: Norv Turner (7° anno)

I due capisaldi della franchigia si sono uniti per nove selezioni del Pro Bowl in un decennio quando Washington è andata ai playoff due volte. Ma entrambe le carriere si sono concluse prematuramente a causa di un infortunio: quella di Arrington dopo sette stagioni (e controversie con più allenatori) e quella di Samuels dopo 10. Samuels ha iniziato 141 partite tutte nella stessa città e ha un caso al limite della Hall of Fame.

Grado: HA-

2000 Ravens: n. 5 RB Jamal Lewis, n. 10 WR Travis Taylor

GM/direttore principale: Ozzie Newsome (5° anno); Allenatore: Brian Billick (2° anno)

I due debuttanti si sono combinati per quasi 2.000 yard dalla scrimmage per un vincitore del Super Bowl guidato dalla difesa. Lewis è al 25° posto in carriera (10.607) ed è stato il giocatore offensivo dell’anno 2003, ma Taylor ha superato 42 catture e tre touchdown in una sola delle cinque stagioni a Baltimora.

Grado: B

1997 Seahawks: n. 3 CB Shawn Springs, n. 6 OT Walter Jones

GM/direttore principale: Randy Mueller (3° anno); Allenatore: Dennis Erickson (3° anno)

Questo è il gold standard. Jones ha trascorso la sua intera carriera di 12 anni con i Seahawks ed è uno dei quattro Hall of Famers della classe. Springs ha trascorso le prime sette delle sue 13 stagioni a Seattle, realizzando un Pro Bowl e la 35th Anniversary Team dei Seahawks. Hanno contribuito a porre fine a una siccità nei playoff di 10 anni.

Grado: HA

NFL
Shawn Springs annusa un placcaggio.
PAPÀ

1994 Colts: n. 2 RB Marshall Faulk, n. 5 Trev Alberts

GM/direttore principale: Bill Tobin (1° anno); Allenatore: Ted Marchibroda (3° anno)

Faulk è nella Hall of Fame a causa dei suoi anni Rams, ma ha vinto Offensive Rookie of the Year e ha sollevato i Colts dalla nebbia alla partita del campionato AFC del 1995. È stato scambiato per due scelte al draft durante una sospensione del contratto nel 1999. Alberts ha totalizzato quattro licenziamenti in carriera in 29 partite prima di ritirarsi a causa di un infortunio.

Grado: VS-

Colt 1992: N. 1 DL Steve Emtman, n. 2 LB Quentin Coryatt

GM/direttore principale: Jim Irsay (9° anno); Allenatore: Ted Marchibroda (1° anno)

L’unica volta nella storia dei quattro sport principali in cui una squadra ha detenuto le prime due scelte al draft è stata una grande delusione. Emtman ha giocato 19 partite con i Colts, finendo ciascuna delle sue tre stagioni in riserva per infortunati. Coryatt ha iniziato 77 partite in sei anni. Non ci sono Hall of Famers della classe 1992.

Grado: F

1990 Patriots: n. 8 LB Chris Singleton, n. 10 DL Ray Agnew

GM/direttore principale: Pat Sullivan (8° anno); Allenatore: Rod Rust (1° anno)

Singleton ha iniziato 26 partite con i Patriots, ma è stato interrotto a metà della sua quarta stagione dopo l’arrivo di Bill Parcells. Agnew non è mai diventato un pass-rusher dominante, ma ha giocato al meglio dopo aver lasciato i Patriots nel 1995. I Patriots del 1990 sono andati 1-15 e hanno licenziato Rust.

Grado: F

.

Leave a Comment