Jayson Tatum diventa superstar quando i Celtics hanno più bisogno di lui

Jayson Tatum non ha più 19 anni. Ha 24 anni e ha già vissuto una vita di partite di playoff NBA per i Boston Celtics, ma nessuna così leggendaria come la prestazione di venerdì con la sua stagione in palio.

I Celtics hanno subito un devastante crollo in gara 5, ottenendo un vantaggio di 14 punti a 10 minuti dalla fine per dare al campione in carica Milwaukee Bucks un vantaggio per 3-2 nelle semifinali della Eastern Conference. Non solo una stagione stellare è balenata davanti ai loro occhi, ma una legittima possibilità di vincere il campionato si era arenata. Boston ha affrontato l’incubo della NBA: una partita di eliminazione contro Giannis Antetokounmpo a Milwaukee.

TD Garden rimase in silenzio. I dipendenti dei Celtics erano oscuri. “L’abbiamo dato via”, ha detto Jaylen Brown, che è uscito da un’arena vuota mercoledì. Il loro allenatore, Ime Udoka, ha aggiunto: “Abbiamo rinunciato a un’occasione d’oro”.

Tatum ha preso un tatto diverso. Poteva intuire che la linea di domande nella sua conferenza stampa post-partita cercava una qualche ammissione di sconfitta, anche sorridendo a volte, prima di rassicurare Boston: “La serie non è finita”.

“Potrei venire qui e fare il broncio, essere triste, e sono sicuro che ci sarebbe una grande storia su come siamo stati sconfitti, e non ci credo”, ha detto. “Non puoi cambiare quello che è successo. Puzza, certo, ma è 3-2, ed è il primo a quattro. Non ha senso essere tristi… perché non servirà a nulla per la prossima partita. Sempre sii ottimista e credi in te stesso, credi nel gruppo, che possiamo vincere la partita di venerdì”.

Così, lo ha fatto, realizzando appieno il suo grande potenziale di tutti i tempi in una vittoria per 108-95 per forzare Gara 7 a Boston domenica.

“Questa era la nostra stagione in gioco”, ha detto Tatum. “Lascia tutto per terra. Questa è la mentalità che ho – la mentalità che abbiamo tutti – quindi non avrei rimpianti. Stavo solo cercando di fare quello che serviva”.

La prima tripla di Tatum è arrivata a meno di tre minuti dall’inizio di Gara 6. La sua seconda ha dato ai Celtics un vantaggio di 15-6 66 secondi dopo. Boston ha guidato venerdì sera per tutto tranne 3:42 del primo quarto, quando Antetokounmpo ha chiarito che non avrebbe reso il compito dei Celtics più facile che quasi impossibile. Ma Tatum ha risposto a ogni chiamata.

“Ecco perché viene pagato un sacco di soldi”, ha detto ai giornalisti il ​​compagno di squadra dei Celtics Marcus Smart. “Ecco fatto, proprio lì, per momenti come quello. Gli stavo dicendo per tutto il gioco, ‘Sii te stesso, amico’, e lo è stato”.

Ha iniziato 4 su 4 da 3 punti. Ha guidato per layup oltre Jrue Holiday, Brook Lopez e qualsiasi altro Bucks che ha osato difenderlo. Aveva 18 punti a metà, eguagliando Antetokounmpo secchio per secchio. Tatum ne ha aggiunti altri 12 nel terzo quarto, gli ultimi due dei quali hanno solleticato il filo su un passo indietro di 23 piedi negli occhi spalancati di Bobby Portis e hanno dato a Boston un vantaggio di 82-68 negli ultimi secondi del terzo quarto.

Tatum aprì la sua borsa, ne tolse il contenuto e diede a Milwaukee tutto ciò che aveva.

L’attaccante dei Boston Celtics Jayson Tatum ha segnato 46 punti in un’eliminazione su strada Gara 6 contro i Milwaukee Bucks nelle semifinali della Eastern Conference. (Stacy Revere/Getty Images)

“Ero entusiasta di giocare oggi”, ha detto. “Questo è un grande momento per tutti noi, per me e per la squadra, proprio come avremmo risposto. Perdere Gara 5 ci avrebbe rafforzato o distrutto, e penso che abbiamo mostrato molta forza e crescita, venendo fuori qui e ottenere la vittoria in trasferta e darci una possibilità”.

Ma questa era la casa di Antetokounmpo, e stava cercando di dire ai suoi visitatori che non erano più i benvenuti. L’MVP in carica delle finali ha ottenuto 32 punti in tre quarti. Aveva i suoi 40 all’inizio del quarto, quando la sua tripla ha ridotto l’ex vantaggio di 18 punti di Boston a 85-81. Ricordava fin troppo il suo 3 che ha trasformato la rimonta nel quarto quarto di Milwaukee in Gara 5 e rispecchiava decisamente i suoi 50 punti in Gara 6 che ha chiuso i Phoenix Suns nelle finali del 2021, fino alla sua notte quasi perfetta dal tiro libero linea.

Solo, Tatum ha resistito alla raffica di Antetokounmpo e ha consegnato il knockout. Ha segnato i successivi 10 punti di Boston, metà dei quali ha consegnato con saltatori contestati allo scadere del cronometro dei 24 secondi, riportando il vantaggio sul 95-87. Milwaukee non poteva scendere dal tappeto. Quattro tiri liberi consecutivi di Tatum hanno ampliato il vantaggio a 13 in due minuti e gli hanno dato 46 punti nella notte. I Bucks hanno gettato la spugna e hanno tirato fuori i loro antipasti.

“Devi dargli credito”, ha detto Antetokounmpo. “Ha giocato in modo incredibile. Ha guidato la sua squadra alla vittoria. Ha fatto molti tiri duri. Come squadra, stavamo facendo un buon lavoro stando davanti a lui, facendogli tirare 3 contestati, 2 contestati, ma li ha fatti , e devi rispettarlo. Ha giocato in modo incredibile”.

Solo Wilt Chamberlain ha segnato più punti nella vittoria quando ha affrontato l’eliminazione dopo il primo turno prima del suo 25esimo compleanno. Chamberlain ha segnato 50 punti contro i Celtics di Bill Russell in Gara 5 delle finali della Eastern Conference del 1960. Non ha eguagliato lo sforzo in una sconfitta in gara 6 due giorni dopo. Questo è l’incarico di Tatum in gara 7 contro i Bucks di Antetokounmpo domenica. Una foto del titolo e la grandezza ti aspettano dall’altra parte.

E Tatum sta portando il suo stesso atteggiamento rassicurante a casa di Boston.

“Non vedo l’ora, davvero”, ha detto circa 36 ore prima della soffiata. “Semplicemente vincere questa partita e darci la possibilità di tornare indietro, è così. O muori, e sarà divertente. Questo dovrebbe essere divertente. È il basket. I momenti più grandi, il palcoscenico più grande e quando bolle giù, esco e mi diverto”.

Tatum è andato in punta di piedi con LeBron James da rookie in Gara 7 delle finali della Eastern Conference 2018. Ha segnato 50 punti contro Kevin Durant nei playoff della scorsa stagione e quest’anno ha spazzato via i suoi Brooklyn Nets. E ha appena battuto Giannis Antetokounmpo in una partita di eliminazione su strada. Ha dato ai tre più grandi giocatori della loro generazione tutto ciò che potevano gestire. Jayson Tatum non ha più 19 anni. È una superstar dell’NBA.

– – – – – – –

Ben Rohrbach è uno scrittore dello staff di Yahoo Sports. Hai un consiglio? Inviagli un’e-mail a rohrbach_ben@yahoo.com o seguilo su Twitter! Segui @brohrbach

Leave a Comment