Il Texas ha “avviato indagini” sulle famiglie dei bambini trans, afferma la causa

Il Dipartimento della famiglia e dei servizi di protezione del Texas ha aperto un’indagine su uno dei suoi stessi dipendenti che ha un’adolescente transgender dopo che è stata denunciata per presunti abusi sui minori, secondo una causa intentata martedì.

La causa fa seguito a un parere legale non vincolante emesso la scorsa settimana dal procuratore generale del Texas Ken Paxton in cui si afferma che la fornitura di cure mediche che affermano il genere – inclusi bloccanti della pubertà e terapia ormonale – a qualsiasi persona di età inferiore ai 18 anni è considerata abuso sui minori secondo la legge statale. Il giorno dopo che l’opinione di Paxton è stata resa pubblica, il governatore. Greg Abbott ha rilasciato una direttiva che invita i “professionisti autorizzati” e i “membri del pubblico in generale” a denunciare i genitori di minori transgender alle autorità statali se sembra che i minori stiano ricevendo cure mediche che affermano il genere.

Poco dopo l’opinione di Paxton e la direttiva di Abbott, il Dipartimento della famiglia e dei servizi di protezione del Texas “ha avviato indagini sulle famiglie con bambini transgender, che continuano”, secondo la denuncia di martedì. Patrick Crimmins, direttore delle comunicazioni del dipartimento, ha affermato di aver ricevuto tre segnalazioni ma non ha confermato che tutte e tre siano indagini aperte.

L’American Civil Liberties Union, Lambda Legal e lo studio legale Baker Botts LLP con sede a Houston rappresentano una famiglia anonima sotto inchiesta. La causa si riferiva a loro come alla famiglia Doe, che include Jane Doe, dipendente del Dipartimento per la famiglia e i servizi di protezione; suo marito, John Doe; e la loro figlia transgender di 16 anni, Mary Doe.

La denuncia affermava che la direttiva di Abbott “ha devastato la famiglia Doe”.

Mercoledì, il giorno dopo che Abbott ha rilasciato la sua lettera, Jane Doe ha chiesto al suo supervisore del dipartimento chiarimenti su come la lettera del governatore avrebbe influenzato la politica del dipartimento. Ore dopo, Jane Doe “è stata messa in congedo dal suo lavoro perché ha una figlia transgender con necessità medica per il trattamento della disforia di genere”, ha affermato la causa.

Il giorno successivo, Jane Doe è stata informata che la sua famiglia sarebbe stata indagata secondo la lettera di Abbott per determinare se lei e suo marito avessero commesso abusi affermando l’identità della loro figlia trans e fornendole cure mediche.

Venerdì, un investigatore della divisione dei servizi di protezione dell’infanzia del dipartimento ha visitato la casa della famiglia Doe, li ha intervistati e ha cercato di accedere alle cartelle cliniche di Mary Doe, cosa che la famiglia Doe ha rifiutato.

“L’investigatore del CPS ha rivelato che l’unica accusa contro Jane Doe e John Doe è che hanno una figlia transgender e che la loro figlia potrebbe aver ricevuto cure mediche necessarie per affermare il genere e che sta attualmente passando da maschio a femmina'” la denuncia dichiarata.

Elencata nella denuncia come ulteriore querelante è Megan Mooney, una psicologa autorizzata che è considerata una giornalista obbligatoria ai sensi della legge del Texas. Se seguisse la direttiva del governatore e denunciasse i genitori di minori trans che ricevono cure mediche che affermano il genere, “violerebbe i suoi standard etici professionali e infliggerebbe gravi danni e traumi ai suoi clienti”, affermava la causa.

La causa ha chiamato Abbott, il Dipartimento della famiglia e dei servizi di protezione del Texas e il commissario del dipartimento, Jaime Masters, come imputati. Ha affermato che aggirando il processo legislativo nel tentativo di cambiare la legge, hanno violato il Texas Administrative Procedure Act. La causa ha anche affermato che gli imputati hanno violato le tutele dell’uguaglianza e del giusto processo garantite dalla Costituzione del Texas.

Crimmins, il portavoce del dipartimento, ha affermato che l’agenzia è a conoscenza della causa, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente. L’ufficio del governatore non ha restituito una richiesta di commento.

Paxton e Abbott hanno rilasciato le loro lettere solo una settimana prima delle elezioni primarie repubblicane nello stato, portando i sostenitori a sostenere che erano interamente motivati ​​​​politicamente, soprattutto perché Paxton sta affrontando un campo affollato di sfidanti. È anche in attesa di processo per un’accusa del 2015 con l’accusa di frode sui titoli, ed è indagato dall’FBI per accuse di corruzione e abuso d’ufficio. Il suo ufficio non ha restituito una richiesta di commento. In precedenti dichiarazioni alle testate giornalistiche, ha negato qualsiasi illecito e ha affermato che le accuse sono motivate politicamente.

Adri Pèrez, stratega politico e di advocacy per l’uguaglianza LGBTQ presso l’ACLU del Texas, ha dichiarato a NBC News la scorsa settimana che “non esiste un tribunale in Texas o nell’intero paese che abbia mai scoperto che l’assistenza che afferma il genere può costituire un abuso sui minori”.

Procuratori distrettuali in cinque delle più grandi contee dello stato detto anche giovedì che non avrebbero seguito la direttiva di Abbott, scrivendo in una dichiarazione congiunta che “faranno rispettare la Costituzione e non interferiranno in modo irrazionale e ingiustificato con le decisioni mediche prese tra i bambini, i loro genitori e i loro medici”.

Anche se i tribunali potrebbero non sostenere la direttiva di Abbott, i gruppi di difesa affermano di aver ricevuto una marea di messaggi dai genitori di bambini trans preoccupati di essere denunciati per abusi sui minori.

Un portavoce di Equality Texas, un’organizzazione di difesa LGBTQ in tutto lo stato, ha affermato che il gruppo ha ascoltato “centinaia di famiglie preoccupate”. Emmett Schelling, direttore esecutivo della Transgender Education Network del Texas, ha affermato che la direttiva ha creato “caos”.

“Abbiamo una crisi sul campo perché i genitori sono terrorizzati, per una buona ragione”, ha detto. “Stiamo parlando di separazione familiare da parte del nostro governo statale”.

Ha osservato che le famiglie ricevono assistenza medica dai medici e che i medici la ottengono da organizzazioni mediche accreditate pertinenti che supportano l’assistenza di affermazione di genere per i minori come necessaria dal punto di vista medico, tra cui l’American Medical Association, l’American Academy of Pediatrics e l’American Psychological Association.

Genitori come Karen Krajcer, che vive ad Austin, sono spaventati, ma sono anche esausti perché “questi attacchi contro la comunità transgender sono implacabili”, ha detto.

Krajcer ha iniziato ad andare al Campidoglio del Texas l’anno scorso – quando il legislatore ha preso in considerazione più di 50 proposte di legge anti-trans – per difendere la figlia di 10 anni, che è trans.

Ha detto che è frustrata quando le persone respingono l’opinione di Paxton e la lettera di Abbott come “solo acrobazie politiche”. Ha detto che lo sono, ma la sua famiglia ne sente l’impatto.

La scorsa settimana, dopo aver passato giorni a compilare una cartella di lettere e foto che mostrano che è un buon genitore per sua figlia nel caso venisse denunciata per abuso, si è seduta al tavolo della cucina con suo marito e ha pianto.

“Pensavamo che i nostri figli non potessero sentirci, e mia figlia è venuta e mi ha portato questo biglietto che ha realizzato”, ha detto Krajcer. La parte anteriore del biglietto diceva: “Mamma, ti vogliamo tanto bene. Possiamo combatterlo insieme”.

“È una di quelle cose in cui è come, ‘Oh, è così dolce’, ma mia figlia mi sta ringraziando per aver difeso lei, per averla lasciata essere se stessa”, ha detto. “È il mio lavoro. Questo mostra solo quanto deve sentirsi spaventata.

Krajcer ha detto che sua figlia non sta ricevendo cure mediche che affermano il genere, quindi sente di dover rimanere in Texas e combattere per i bambini trans che le ricevono ma le cui famiglie non possono trasferirsi in uno stato diverso.

“Sento che è mia responsabilità rimanere qui e combattere, ma non voglio sottoporre i miei figli a un mondo in cui devono essere grati per i loro genitori che fanno ciò che i team di medici consigliano loro di fare e per amarli”, lei disse.

Asaf Orr, avvocato senior del personale presso il National Center for Lesbian Rights e direttore del Transgender Youth Project del gruppo, ha affermato che il centro è a conoscenza di diverse famiglie che sono oggetto di indagini in Texas a causa della direttiva del governatore e prevede che il numero sarà solo aumentare. Anche se le indagini non troveranno nulla, ha detto, le famiglie subiranno ansie e traumi significativi.

“La realtà è che il danno si fa semplicemente aprendo le indagini”, ha detto. “Fino a quando questa politica non sarà interrotta in modo permanente, continuerà ad avere effetti significativi sulle famiglie che allevano bambini trans”.

Seguire NBC fuori noi Twitter, Facebook & instagram

Leave a Comment