Il sindaco di Portland usa i poteri di emergenza per centralizzare i servizi per i senzatetto all’interno della città

Il sindaco di Portland Ted Wheeler prevede di utilizzare i suoi poteri esecutivi per creare un nuovo centro di servizi per i senzatetto all’interno del governo cittadino, semplificando il lavoro dei vari dipartimenti che interagiscono con le persone che vivono all’esterno.

Wheeler ha affermato mercoledì che il cambiamento strutturale, in atto dallo scorso autunno, è un tentativo di abbattere i silos rigidi quando si tratta di affrontare i senzatetto senza riparo. Ha paragonato la complicata burocrazia della città a una “mappa dei cavi attaccata al retro di un vecchio frigorifero”.

“Alcuni di voi potrebbero dire, beh, questo è buon senso, non sta già accadendo?” ha detto in una conferenza stampa mercoledì. “E la risposta purtroppo è no, o almeno non nella scala in cui dovrebbe accadere”.

Il sindaco utilizzerà i suoi poteri di emergenza per istituire un Centro di coordinamento dei servizi stradali, supervisionato dal direttore della sicurezza della comunità Mike Myers, ex capo dei vigili del fuoco di Portland e direttore della gestione delle emergenze. È l’ultimo di ciò che ha promesso sarà una serie di ordini esecutivi che affronteranno la crisi dei senzatetto della città.

Il sindaco Ted Wheeler parla in una conferenza stampa in una foto del 2020 da Portland, Oregon. Il sindaco ha annunciato mercoledì che intende utilizzare i suoi poteri di emergenza per centralizzare i servizi per i senzatetto in tutta Portland.

Bradley W. Parchi/OPB

“I senzatetto senza riparo hanno continuato a crescere a Portland nonostante i grandi investimenti negli attuali sistemi di servizio”, si legge nella bozza di proposta. “Data l’urgente necessità di massimizzare i risultati dalle risorse pubbliche e dal personale limitati, è fondamentale che la città di Portland e la contea di Multnomah riuniscano i suoi programmi e servizi decentralizzati in un team collaborativo sotto una struttura di comando coordinata”.

La maggior parte degli uffici cittadini ora tocca in qualche modo la vita delle persone che vivono per strada. Ma il lavoro è decentralizzato, con il personale che lotta per coordinarsi mentre riferisce a diversi capi di ufficio e diversi commissari comunali. Il personale del programma di riduzione dell’impatto della città, ospitato presso l’Office of Management & Finance, è responsabile del coordinamento delle cosiddette “sweeps” dei campi per senzatetto. I primi soccorritori con l’ufficio dei vigili del fuoco rispondono a un numero crescente di incendi nei campeggi mentre i residenti cercano di stare al caldo. I ranger dell’ufficio del parco interagiscono regolarmente con le persone che dormono nei parchi pubblici e nelle aree circostanti.

Il piano di Wheeler sembra essere un tentativo di abbattere i silos della città quando si tratta di affrontare i senzatetto senza riparo. Secondo la bozza, il personale comunale il cui lavoro li mette in contatto con le persone che vivono per strada ora riferiranno al centro di coordinamento per quell’aspetto del loro lavoro. Per le parti del loro lavoro non legate ai senzatetto, continueranno a riferire al loro solito capo. (Sotto la forma di governo della commissione unica di Portland, i membri eletti del consiglio comunale servono sia come legislatori, votando sulla politica che come amministratori. Ciascuno sovrintende al proprio portafoglio unico di agenzie cittadine.)

Questo ordine esecutivo porrebbe la risposta dei senzatetto più direttamente sotto il sindaco. Secondo una bozza di organigramma, Myers continuerà a riferire al sindaco e supervisionare Nata Takara, una consulente politica con la divisione di sicurezza della comunità che ora servirà come comandante dell’incidente. Takara supervisionerà il personale di Portland Fire & Rescue, l’ufficio dei parchi, l’ufficio dei trasporti, le squadre di risposta di vicinato dell’ufficio di polizia e la squadra di riduzione dell’impatto, secondo il grafico. Gli uffici comunali sono stati informati sull’ordinanza.

Wheeler ha detto che prevede di rendere operativo l’hub entro questa estate.

Il piano significa effettivamente che i quattro commissari cittadini perderanno alcuni dei loro poteri di supervisione quando si tratta di come i loro uffici interagiscono con le persone che vivono per strada. Sia Myers che il sindaco hanno affermato di essersi consultati con il personale comunale e i commissari e di aver sentito poche obiezioni.

“Se si trattasse di un grande incendio, se si trattasse di un terremoto o se avessimo un’ondata di caldo, riconosceremmo i gruppi per lavorare, e quindi questo non è qualcosa di nuovo per i commissari”, ha detto Myers. “Sento che a questo punto abbiamo un ottimo livello di comfort con i commissari”.

OPB ha contattato gli altri quattro membri del consiglio per un commento. L’ufficio del commissario Jo Ann Hardesty ha rifiutato di commentare. Il commissario Mingus Mapps ha affermato di “appoggiare fermamente” il piano.

“Si tratta di un allontanamento dall’approccio ‘o housing first o street anarchy’, che è una scelta sbagliata. Portland ha bisogno di uno spettro di opzioni di riparo e di salute comportamentale che serva da rete di sicurezza in modo che il fondo non sia mai una tenda per le nostre strade”, ha affermato Mapps in una dichiarazione scritta. “La città di Portland deve avere regole chiare sul comportamento in strada e sui campeggi urbani, e hanno bisogno di un’applicazione coerente”.

Il personale del centro di coordinamento collaborerà con il Joint Office of Homeless Services, l’agenzia gestita da Portland e dalla contea di Multnomah, creata per fornire una risposta più coordinata ai senzatetto. Martedì il Joint Office ha annunciato un cambio di leadership con il direttore Marc Jolin che si è dimesso e Shannon Singleton, come Jolin un ex capo dell’agenzia di servizi senza scopo di lucro JOIN, che ha sostituito mentre la contea cerca un direttore permanente.

Una foto d'archivio di un accampamento di senzatetto arroccato lungo la I-5 in direzione sud, gennaio 2019.  20, 2022.

Una foto d’archivio di un accampamento di senzatetto arroccato lungo la I-5 in direzione sud, gennaio 2019. 20, 2022.

Kristyna Wentz-Graff/OPB

I primi soccorritori che lavorano con l’hub si concentreranno sull’indirizzamento delle persone che vivono in “accampamenti ad alto impatto” e nei loro veicoli ai rifugi. Lavorando nell’ambito dell’unità di risposta centralizzata, il personale sarà in grado di indirizzare più facilmente le persone che incontrano senzatetto a rifugi, centri di salute comportamentale e centri di trattamento dell’abuso di sostanze, secondo la proposta. Faranno anche riferimenti ai più grandi villaggi all’aperto guidati dal Commissario Dan Ryan una volta aperti, così come ai rifugi e alle camere d’albergo esistenti.

Seraphie Allen, direttore politico del sindaco e architetto dietro la ristrutturazione, ha affermato mercoledì che la proposta non cambierà il numero di accampamenti spazzati dalla città. Wheeler ha affermato che l’obiettivo è dare alle persone che vivono per strada la possibilità di trasferirsi rapidamente in un rifugio. Per la prima volta, ha detto, la città saprà quotidianamente quanti posti letto sono disponibili e dove si trovano.

“Il compito del centro di coordinamento dei servizi stradali è quello di ottenere rapidamente offerte reali di rifugi, trasporti e servizi alle persone che vivono per strada, nei loro veicoli e nei campeggi attraverso risorse e personale nuovi ed esistenti”, ha affermato.

L’ordinanza di emergenza sarà la terza in due mesi che il sindaco ha emesso in relazione ai senzatetto. A febbraio Il 4, Wheeler ha vietato alle persone di installare tende vicino a strade trafficate e, la scorsa settimana, ha firmato un ordine per accelerare il processo per l’ubicazione di villaggi di riposo sicuri.

Alla domanda su quanti ordini di emergenza intende emettere, Wheeler ha risposto “quanti necessari”.

.

Leave a Comment