Il rublo dal minimo storico, il sell-off colpisce le azioni mentre la Russia invade l’Ucraina

Banconote russe da 1000 rubli, monete da 50 e 10 copechi sono visibili su un tavolo presso l’ufficio di una società privata a Krasnoyarsk, Siberia, 6 novembre 2014. REUTERS/Ilya Naymushin

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • La Russia avvia l’offensiva militare in Ucraina, come si temeva
  • Una forte svendita colpisce il mercato russo
  • La cenbank russa afferma che aiuterà il rublo con gli interventi sui cambi
  • Il mercato attende nuove sanzioni occidentali

MOSCA, 24 febbraio (Reuters) – Il rublo è rimbalzato dai minimi storici giovedì quando la banca centrale ha annunciato interventi sul cambio dopo che il presidente Vladimir Putin ha ordinato alle forze russe di invadere l’Ucraina, una mossa che dovrebbe innescare nuove dure sanzioni contro Mosca.

Le forze russe hanno sparato missili in diverse città ucraine e hanno sbarcato truppe sulla costa meridionale giovedì, hanno detto funzionari e media, dopo che Putin ha autorizzato quella che ha definito un’operazione militare speciale nell’est. Per saperne di più

Il rublo è sceso del 3,8% a 84,27 rispetto al dollaro a partire dalle 0932 GMT, dopo aver precedentemente raggiunto un minimo storico di 89,60 nel trading altamente volatile.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Contro l’euro, il rublo ha perso il 3,2% a quota 94,55, toccando prima il minimo storico di 101,03 sul mercato interbancario.

Per la prima volta dal 2014, quando la Russia ha annesso la Crimea all’Ucraina, la banca centrale ha affermato che sosterrà il rublo con interventi in valuta estera per sostenere la stabilità finanziaria. Per saperne di più

Secondo gli analisti, la banca centrale potrebbe allentare la pressione sul rublo poiché le sue riserve di oro e forex hanno raggiunto livelli record di quasi 640 miliardi di dollari.

“Guerra o non guerra, le tensioni tra Occidente e Russia rimarranno alte più a lungo, mettendo sotto pressione il rublo”, ha affermato Stephanie Kennedy dell’Economic Research di Julius Baer.

“Rivediamo il nostro obiettivo a tre mesi portandolo a 85 USD/RUB”.

Ci si aspettava che il rublo ricevesse sostegno dalla ripresa economica della Russia e dai prezzi elevati del petrolio e del gas, la sua principale esportazione, ma le sanzioni e l’avversione al rischio lasciano poco spazio alla sua ripresa, il che significa una riduzione del tenore di vita e una maggiore inflazione.

OBBLIGAZIONI E AZIONI

Nessun asset russo è rimasto illeso, con azioni e obbligazioni che sono crollate mentre gli investitori hanno fatto il punto sul trasferimento della Russia in Ucraina e sulla prospettiva che seguiranno sanzioni occidentali.

I rendimenti delle obbligazioni in rubli OFZ a 10 anni di riferimento russo, che si muovono inversamente ai prezzi, sono saliti al 10,93%, il livello più alto dall’inizio del 2016.

I paesi occidentali e il Giappone hanno imposto sanzioni alle banche e agli individui russi in risposta al riconoscimento da parte di Mosca di due regioni separatiste nell’Ucraina orientale, ma hanno promesso misure più severe in caso di invasione della Russia.

“Il rischio di sanzioni più ampie e più gravi incombe – un briciolo di panico e una potenziale svendita guidata dalla conformità (non sono) improbabili”, ha affermato BCS Global Markets in una nota.

Un alto funzionario dell’amministrazione statunitense ha detto ai giornalisti martedì che il più grande prestatore russo Sberbank (SBER.MM) e il secondo prestatore numero 2 VTB (VTBR.MM) avrebbero affrontato sanzioni statunitensi se Mosca avesse proceduto con la sua invasione dell’Ucraina, avvertendo che nessun istituto finanziario russo era sicuro.

Sberbank (SBER.MM), le cui azioni giovedì hanno perso quasi il 40% in un giorno, ha affermato di essere preparata a qualsiasi sviluppo e di aver elaborato scenari per garantire la protezione dei fondi, dei beni e degli interessi dei propri clienti.

L’indice azionario RTS denominato in dollari (.IRTS) è crollato del 28% a 885,05 punti, il minimo dall’inizio del 2020. L’indice MOEX russo basato sul rublo (.IMOEX) è sceso del 24% a 2.345,6 punti dopo aver toccato 1.681,55, il minimo dall’inizio 2016.

Le azioni russe affondano mentre la Russia inizia le operazioni militari in Ucraina
Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Alexander Marrow e Andrey Ostroukh; Montaggio di Jacqueline Wong, Kenneth Maxwell e Barbara Lewis

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment