Il rapporto del GOP del Wisconsin sulla razza 2020 approva la teoria marginale per la decertificazione delle elezioni

Un’indagine repubblicana sulla corsa presidenziale del 2020 in Wisconsin ha affermato in una bozza di rapporto martedì che il legislatore statale può decertificare i risultati delle elezioni dopo la fine della corsa, avanzando un argomento marginale nel cuore dell’ex Presidente TrumpDonald Trump Il GOP dell’Arizona chiede alla corte di abolire il sistema del voto per posta McCarthy critica i membri del GOP che hanno parlato alla conferenza dei nazionalisti bianchi: “Inaccettabile” Primo processo con giuria contro l’accusato gen. 6 rivoltoso inizia di PIÙargomentazione di ribaltare le elezioni del 2020.

Il rapporto dell’ex giudice della Corte Suprema di stato Michael Gableman è il culmine della sua indagine sulla corsa presidenziale di due anni fa. La sonda è stata autorizzata dal presidente dell’Assemblea statale Robin Vos (R).

Gableman, che ha promosso cospirazioni elettorali dalla sconfitta di Trump nel 2020, sostiene una serie di cambiamenti politici, inclusa la rottura del consiglio elettorale bipartisan dello stato. Tuttavia, gran parte del suo rapporto si concentra sulla legalità che crede sia concessa ai legislatori statali che desiderano ribaltare Presidente BidenJoe BidenRubio salta SOTU sul mandato di test COVID-19: “Non ho tempo” Il GOP dell’Arizona chiede alla corte di eliminare il sistema di votazione per posta Gli Stati Uniti vedono la minaccia nucleare di Putin come una posizione ALTROLa vittoria nello Stato di Badger.

“[I]È chiaro che la legislatura del Wisconsin … potrebbe decertificare gli elettori certificati nelle elezioni presidenziali del 2020”, ha scritto.

Gableman sostiene che tale decertificazione potrebbe aver luogo dopo due passaggi.

In primo luogo, le maggioranze in entrambe le camere della legislatura statale dovrebbero approvare una risoluzione che dichiari che la corsa del 2020 si è svolta “in violazione della legge statale” in un modo che è salito “al livello che la frode o altra illegalità ai sensi della legge del Wisconsin avrebbe potuto pregiudicare il risultato.” Quindi, il legislatore userebbe il suo potere per presentare una lista di elettori che riteneva “meglio in accordo con l’esito delle elezioni, se fosse stato gestito legalmente”.

“Ciò porterebbe a decertificare gli elettori interessati, se il legislatore concludesse che non erano la lista di elettori che meglio si accordava con le elezioni se gestita coerentemente con tutte le leggi pertinenti del Wisconsin in vigore il giorno delle elezioni”, ha affermato Gableman.

I risultati delle elezioni del Wisconsin e di altri stati sono già stati certificati da diversi conteggi.

Il rapporto ha segnato lo sviluppo più significativo finora nell’indagine di Gableman, che ha il sostegno dell’establishment in Wisconsin, sebbene i critici mettano in dubbio la sua obiettività nella sua indagine.

Gableman, che ha prestato servizio presso l’alta corte del Wisconsin dal 2008 al 2018, è stato un sostenitore vocale dell’affermazione secondo cui la gara del 2020 è stata rubata, un’affermazione che non è stata supportata da alcuna prova sostanziale.

Ha ripreso alcuni di quegli attacchi nel suo rapporto, incluso uno sforzo bipartisan per inviare e ricevere schede per assente da e verso le case di cura. Ha anche insistito sulla teoria del complotto sulle sovvenzioni inviate ai funzionari elettorali locali, comprese in cinque città del Wisconsin, che provenivano dal Center for Tech and Civic Life, un’organizzazione no profit elettorale creata dal fondatore di Facebook Marco ZuckerbergMark Zuckerberg Il motto della globalizzazione: le aziende sono più importanti dei paesi Il metaverso è l’argomento più forte al mondo per la regolamentazione dei social media Gli alleati della Big Tech puntano sulla Cina, la Russia minaccia di schiacciare il disegno di legge antitrust ALTRO.

governo Tony EversTony Evers Di fronte all’onda rossa, i Democratici lavorano su un messaggio di medio termine Il legislatore del GOP dello stato del Wisconsin chiede al partito di “barare come i Democratici” per vincere le elezioni. Ron Johnson: Direttamente dalla bocca del cavallo ALTRO (D), eletto nel 2018 e in corsa per la rielezione quest’anno, ha criticato il rapporto e ha invitato i repubblicani a Madison a schiacciare l’indagine di Gableman.

“Questo circo ha da tempo superato l’essere un semplice imbarazzo per il nostro stato”, ha detto in una dichiarazione. “Fin dall’inizio, non è mai stato uno sforzo serio o funzionante, è mancata la responsabilità pubblica e la trasparenza ed è stato un colossale spreco di denaro dei contribuenti”.

“Questo sforzo ha diffuso disinformazione sui nostri processi elettorali, ha attaccato l’integrità dei nostri impiegati, amministratori elettorali e operatori elettorali e ha incoraggiato le persone a molestare e sminuire i dipendenti pubblici dedicati”, ha aggiunto. “Ogni giorno questo sforzo continua è una minaccia sempre più pericolosa e continua per la nostra democrazia. Quando è troppo è troppo. I repubblicani nella legislatura hanno sempre avuto la capacità di porre fine a questo sforzo e li invito a farlo oggi”.

Oltre alle critiche, il rapporto ha riconosciuto i limiti pratici di uno sforzo di decertificazione.

“Questa azione, di per sé, non avrebbe altre conseguenze legali ai sensi della legge statale o federale”, ha scritto Gableman a proposito della decertificazione degli elettori dello stato. “Non cambierebbe, ad esempio, chi è l’attuale presidente”.

La prospettiva di decertificare i risultati elettorali è stata al centro degli attacchi di Trump durante le elezioni del 2020, che secondo lui infondatamente sono state viziate da frode.

“Tutti coloro che amano l’America dovrebbero seguire da vicino l’audizione vitale di oggi nel Comitato dell’Assemblea del Wisconsin per le campagne e le elezioni con l’ex giudice della Corte Suprema dello Stato del Wisconsin molto rispettato Michael Gableman”, ha affermato Trump in una dichiarazione mentre Gableman ha presentato il suo rapporto.

Tuttavia, alcuni repubblicani di alto livello nel Wisconsin hanno mostrato scarso appetito nel mettere in atto le raccomandazioni di Gableman.

“Continuo a sostenere che gli avvocati della legislatura hanno ragione su questo”, ha detto il leader della maggioranza dell’Assemblea Jim Steineke (R) al Milwaukee Journal Sentinel, facendo riferimento all’opinione di un avvocato apartitico per la legislatura che afferma che la porta alla decertificazione è chiusa. “Penso che il legislatore sia in gran parte unito su questo tema”.

.

Leave a Comment