Il principe Andrea risolve la causa per abusi sessuali con l’accusa Virginia Giuffre

Il principe Andréj e Virginia Roberts Giuffre, che accusò il reale di abusi sessuali, hanno raggiunto un accordo extragiudiziale. Secondo i documenti del tribunale depositati martedì, Andrew donerà fondi all’ente di beneficenza di Giuffre a sostegno delle vittime di aggressioni sessuali. L’importo della transazione e della donazione non è stato reso noto.

Giuffre ha accusato il principe Andrea di averla aggredita in tre diverse occasioni quando aveva 17 anni, cosa che il principe Andrea ha negato.

In una causa intentata a New York nel 2021, Giuffre ha affermato che l’aggressione è stata resa possibile dal defunto molestatore sessuale Jeffrey Epstein. Sostiene che Epstein l’abbia trafficata con il principe Andrea.

afferma il principe Andréj non ricordarsi di aver incontrato Giuffre. I due, però, sono stati fotografati insieme quando Giuffre era un adolescente. Nella foto appare anche Ghislaine Maxwell, l’ex fidanzata di Epstein che è stata recentemente condannata per adescamento e traffico di minori per abusi sessuali.

principe-andrea-virginia-giuffre-ghislaine-maxwell.jpg
Il principe Andrea della Gran Bretagna è visto in una foto d’archivio con Virginia Giuffre (al centro) e Ghislaine Maxwell.

Caratteristiche Rex


Martedì un deposito del tribunale ha affermato: “Il principe Andrew non ha mai avuto intenzione di diffamare il carattere della signora Giuffre, e accetta che abbia sofferto sia come vittima accertata di abusi che come risultato di attacchi pubblici ingiusti”.

“Il principe Andrew si rammarica della sua associazione con Epstein e loda il coraggio della signora Giuffre e degli altri sopravvissuti nel difendere se stessi e gli altri”, continua il documento. “Si impegna a dimostrare il suo rammarico per la sua associazione con Epstein sostenendo la lotta contro i mali del traffico sessuale e sostenendo le sue vittime”.

Gli avvocati del principe Andrea non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di CBS News.

Festa a Mar-A-Lago
Melania Trump, il principe Andréj, Gwendolyn Beck e Jeffrey Epstein a una festa al club Mar-a-Lago, Palm Beach, Florida, 12 febbraio 2000.

Getty Images


A gennaio, il principe Andrea è stato privato di tutti i suoi patrocini reali e affiliazioni militari con l’approvazione di sua madre, la regina Elisabetta II, un giorno dopo che la sua mozione di respingere la causa di Giuffre era stata respinta in tribunale.

“Il Duca di York continuerà a non assumere alcun incarico pubblico e difende questo caso come un privato”, ha detto all’epoca un portavoce di Buckingham Palace a CBS News.

Il secondo figlio della regina Elisabetta II, il principe Andrea, conserva ancora il titolo di duca di York e il suo posto nella linea di successione, ma non è più autorizzato a usare il titolo di “Sua Altezza Reale” in qualsiasi veste ufficiale.

L’analista legale di CBS News Rikki Klieman ha detto l’opzione migliore del principe era cercare di raggiungere un accordo con Giuffre in modo che il caso non andasse in giudizio. Il processo di contrasto del caso in tribunale avrebbe illuminato negativamente la sua famiglia.

Sebbene Giuffre abbia affermato di essere stata aggredita nel 2001 e nel 2002, il che era oltre il termine di prescrizione, Giuffre è stata in grado di intentare causa ai sensi del Child Victims Act di New York del 2019, che ha consentito ai sopravvissuti di presentare reclami indipendentemente dal tempo trascorso.

Nel 2020 Giuffrè ha detto a CBS News che Andrew “dovrebbe essere in preda al panico” e che la famiglia reale “deve essere ritenuta responsabile”. L’avvocato di Giuffre ha detto a gennaio che credeva che sarebbe stata interessata a un accordo extragiudiziale solo se il principe Andrea avesse riconosciuto di aver fatto qualcosa di sbagliato.

“Vent’anni fa la ricchezza, il potere, la posizione e le connessioni del principe Andrea gli hanno permesso di abusare di una bambina spaventata e vulnerabile senza nessuno a proteggerla”, si legge nella causa. “È passato molto tempo dal momento in cui lui deve essere chiamato a rispondere”.

.

Leave a Comment