Il nuovo piano per il COVID-19 mira a riportare le cose alla normalità: NPR


I test domiciliari per il coronavirus COVID-19 sono in vendita in un drugstore nel quartiere Morningside Heights di Manhattan a New York City in questo febbraio 2020. 6 file di foto.

Ted Shaffrey/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Ted Shaffrey/AP


I test domiciliari per il coronavirus COVID-19 sono in vendita in un drugstore nel quartiere Morningside Heights di Manhattan a New York City in questo febbraio 2020. 6 file di foto.

Ted Shaffrey/AP

La Casa Bianca mercoledì ha svelato una nuova tabella di marcia per la pandemia di COVID-19, che prevede che la vita torni alla normalità dopo due anni di crisi, prevedendo che le persone si sottopongano a test e curano la malattia, rimanendo vigili per nuove varianti e focolai.

“Stiamo chiaramente andando nella giusta direzione e con tutti gli interventi che abbiamo, credo che siamo preparati alla possibilità che avremo un’altra variante, per quanto riguarda vaccini, booster, test, buone maschere e antivirali”, ha affermato il dott. Anthony Fauci, consigliere medico capo della Casa Bianca, ha detto ai giornalisti.

Ci sono quattro obiettivi principali nel piano di 96 pagine:

  • Proteggi e cura il COVID-19
  • Preparati per nuove varianti
  • Prevenire la chiusura di aziende e scuole
  • Aiuta a vaccinare il resto del mondo e salva vite

La caratteristica più recente del piano è l’obiettivo di offrire un sistema unico di “test per trattare” in centinaia di farmacie, centri sanitari comunitari e altri siti a partire da marzo, luoghi in cui le persone possono confermare se hanno il COVID e farsi curare antivirali sul posto, a costo zero.

Il governo sta valutando se revocare l’obbligo di indossare maschere su aerei, treni e trasporti pubblici, ha affermato Jeff Zients, che guida la risposta al COVID della Casa Bianca. L’attuale regola scade il 18 marzo. Zients ha affermato che i funzionari prenderanno in considerazione lo stato della pandemia in quel momento per decidere se mantenere la regola in vigore o abbandonare la misura.

Il piano ha bisogno del sostegno del Congresso per pagarlo

Il piano prevede che il Congresso aumenti i finanziamenti per la vigilanza in corso contro il COVID per acquistare trattamenti, sostenere la fornitura di test e prepararsi per nuove varianti.

I funzionari dell’amministrazione hanno rifiutato di commentare direttamente quanto costerebbe il piano, dicendo che i dettagli della richiesta di finanziamento sono ancora in fase di definizione.

La scorsa primavera e l’inizio dell’estate, quando il numero dei casi COVID è diminuito, il nascente mercato dei test rapidi domestici si è prosciugato. I produttori hanno rallentato la produzione. Poi, quando si sono verificati i picchi di delta e omicron, non c’erano abbastanza test per soddisfare la domanda. La Casa Bianca sostiene che ci vorrà il sostegno del governo per assicurarsi che i test siano disponibili quando gli americani ne avranno bisogno.

Ulteriori finanziamenti aiuterebbero anche gli sforzi per rilevare nuove varianti migliorando la raccolta dei dati, il sequenziamento e i sistemi di sorveglianza delle acque reflue, ha affermato la Casa Bianca.

La Casa Bianca ha condotto esercizi da tavolo per nuove varianti immaginarie con tutte le agenzie per determinare cosa è necessario per produrre, autorizzare e fornire qualsiasi nuovo richiesto per vaccini e trattamenti in soli 100 giorni, una tempistica ambiziosa che necessita di finanziamenti dal Congresso, ha affermato Zients.

Il piano richiede un sostegno continuo per aiutare a vaccinare il mondo. Finora l’amministrazione ha distribuito 475 milioni di dosi di vaccino gratuite in 112 paesi, ma è ben al di sotto del suo impegno di dose di 1,2 miliardi. Vaccinare il mondo è visto come la chiave per prevenire la prossima variante.

Le persone immunocompromesse avranno la priorità per le protezioni e le cure

La tabella di marcia sottolinea anche che le persone più a rischio di malattie gravi dovute al COVID non si sentano lasciate indietro quando riprendono le normali attività.

La Casa Bianca afferma che darà la priorità alle protezioni per le persone immunocompromesse, per le persone con disabilità e per gli anziani, dando loro un accesso prioritario alle cure e spingendo per assicurarsi che ricevano i richiami.

Ci sono anche piani per fornire supporto alle persone che hanno perso una persona cara a causa della malattia.

La Casa Bianca vuole che il Congresso ripristini i crediti d’imposta per coprire i congedi retribuiti per malattia e famiglia in modo che le persone che lavorano in piccole e medie imprese possano rimanere a casa se contraggono il COVID o hanno bisogno di prendersi cura di qualcuno che ce l’ha, ha affermato Zients.

Il segretario alla salute e ai servizi umani Xavier Becerra ha detto ai giornalisti che il suo dipartimento ha bisogno di finanziamenti per avviare centri di eccellenza per lo studio e il trattamento del lungo COVID.


Il presidente Biden parla ai legislatori dopo aver pronunciato martedì il suo discorso sullo stato dell’Unione.

Sarahbeth Maney/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Sarahbeth Maney/AP


Il presidente Biden parla ai legislatori dopo aver pronunciato martedì il suo discorso sullo stato dell’Unione.

Sarahbeth Maney/AP

Biden ha anticipato il piano nel suo discorso sullo stato dell’Unione

Biden ha inaugurato questa “nuova normalità” camminando senza maschera lungo il corridoio centrale dell’aula della Camera per pronunciare il suo discorso sullo stato dell’Unione martedì, quindi indugiando dopo il discorso chiacchierando e scattando foto.

Era un’immagine di normalità che riflette la realtà che molti americani hanno vissuto per mesi – e un Biden ha esortato tutti gli altri ad abbracciare, dicendo agli americani che è tempo che gli uffici del centro si riempiano di nuovo, che gli studenti siano in classe.

“So che alcuni parlano di ‘vivere con il COVID-19”, ha detto il presidente Biden nel suo discorso. “Non accetteremo mai di vivere con il COVID-19. Continueremo a combattere il virus come facciamo con altre malattie. E poiché questo è un virus che muta e si diffonde, staremo in guardia”.

La scorsa estate, Biden ha affermato che gli Stati Uniti erano “più vicini che mai a dichiarare la nostra indipendenza da questo virus mortale” solo per essere bruciati dai picchi di casi delle varianti delta e omicron. Questa volta, il piano dell’amministrazione e la messaggistica che lo circonda sono più protetti.

Ci sono contingenze per nuove varianti e un piano per creare scorte di test e trattamenti. La Casa Bianca avverte che se si verifica un’altra ondata, potrebbero dover tornare anche alcune delle misure di mitigazione come le mascherine.

“Continueremo a combattere il virus come facciamo con altre malattie. E poiché questo è un virus che muta e si diffonde, staremo in guardia”, ha detto Biden nel suo discorso sullo stato dell’Unione.

Leave a Comment