Il mandato della maschera di Filadelfia termina dopo la modifica delle raccomandazioni del CDC COVID

Filadelfia ha concluso mercoledì il suo mandato di maschere indoor, segnando un grande passo verso la normalità in città dopo quasi due anni di blocchi e restrizioni pandemiche.

La pandemia ha raggiunto una nuova fase, ha affermato il commissario alla Salute Cheryl Bettigole, sebbene esitasse a definire endemico il COVID-19, o a un livello di base gestibile piuttosto che a un livello epidemico.

“Penso che parlare di riguadagnare quanta più vita normale possibile… sia un’inquadratura migliore per me”, ha detto. “Spero che abbiamo abbastanza immunità in città da essere davvero a un punto finale”.

Filadelfia era l’unico posto nello stato che continuava a mantenere un requisito generale di mascheramento indoor. Tale mandato è iniziato il 26 giugno 2020 ed è in vigore ininterrottamente, tranne da giugno ad agosto 2021.

L’annuncio è arrivato il giorno dopo che il presidente Joe Biden ha svelato una nuova strategia per enfatizzare la prevenzione e il trattamento del COVID, ha riferito il Washington Post, incluso un piano “test per trattare” che fornirebbe immediatamente antivirali a coloro che risultano positivi.

La città ha anticipato che avrebbe posto fine anche all’obbligo per i bambini di indossare maschere nelle scuole il 9 marzo, se le metriche continueranno a scendere.

Il mandato della maschera tornerà per le scuole per una settimana dopo le vacanze di primavera, dal 18 al 22 aprile, per mitigare il rischio delle persone che potrebbero aver contratto il COVID durante le vacanze. Il personale e gli studenti in pre-K e Head Start dovranno comunque indossare le mascherine; i bambini fino a 5 anni non hanno ancora diritto alla vaccinazione.

Il presidente della Philadelphia Federation of Teachers Jerry Jordan ha detto che “sostiene pienamente e con tutto il cuore” un piano per passare alla maschera opzionale, ma ha affermato che erano necessarie informazioni più chiare.

“Ci sono persone – bambini e personale – che potrebbero avere problemi di salute e hanno bisogno della maschera per proteggersi”, ha detto.

I mandati di mascherine negli edifici del governo cittadino rimarranno in vigore fino a lunedì e il personale non vaccinato dovrà ancora indossare la mascherina al chiuso.

La città richiede ancora maschere negli ambienti sanitari e di vita dei fedeli e le regole federali richiedono la mascheratura sui trasporti pubblici.

» LEGGI DI PIÙ: Vivere con il rischio: a due anni dall’inizio della pandemia di COVID-19, queste cinque persone condividono l’evoluzione delle loro strategie di sopravvivenza.

Ma la maggior parte delle aziende non dovrà più applicare i protocolli di sicurezza COVID.

“Ognuno di noi ora è responsabile del proprio rischio e del rischio che corriamo per le persone che amiamo”, ha detto Bettigole.

Quando hanno lasciato Taqueria Amor a Manayunk, Shayla Davis e Tashanna Walker hanno affermato di essere d’accordo con la decisione della città. Indossare maschere è “solo una seccatura”, specialmente in palestra, ha detto Walker.

“Mi sento come se la gente lo pensasse [COVID] sta morendo”, ha detto Davis, 25 anni, di West Oak Lane. “Tutti si sentono più al sicuro”.

Le studentesse di medicina Claire Becker e Grace Hogan dovranno ancora indossare le mascherine al lavoro, ma le hanno portate mentre camminavano lungo la Main Street di Manayunk mercoledì pomeriggio. Gli studenti del Philadelphia College of Osteopathic Medicine sono rimasti sorpresi dalla “improvvisa” del cambiamento politico della città, ma hanno affermato di averlo capito, in particolare perché il clima più caldo significa una migliore ventilazione e più attività all’aperto.

“Va bene, fintanto che le persone sono pronte a indossare di nuovo le maschere se c’è un altro picco”, ha detto Becker, 24 anni. “Spero che le persone non si sentano troppo a proprio agio”.

Per alcuni, il cambiamento non è il benvenuto.

“Mi sento a disagio a uscire ora in giro per gruppi di persone”, ha detto Alexandra Hackett, 44 anni, di Filadelfia, che ha manifestato i sintomi di un lungo COVID per quasi due anni, “ed è davvero un posto terribile dove stare emotivamente”.

Una voce influente sui gruppi di social media per le persone con COVID da tempo, ha sentito resoconti di persone che sono peggiorate dopo aver subito un secondo attacco di COVID.

“Finirai peggio di come sei ora o annullerà tutti i progressi che hai fatto?” lei chiese.

Anche alcuni genitori sono preoccupati.

“Mi sento molto combattuto. Non vuole indossare una maschera e lo capisco”, ha detto Holly Lau di suo figlio di 12 anni. Ma è rimasta costernata nell’apprendere che il mandato scolastico finirà. “Le maschere non ostacolano la sua capacità di trovarsi in un ambiente di apprendimento.”

Lau, di West Philadelphia, ha una condizione autoimmune ed era preoccupata per come la fine del mandato scolastico influenzerà i bambini con tali problemi di salute.

“Siamo tutti ansiosi di arrivare in un posto dove non indossiamo maschere, ma metto solo in dubbio i tempi”, ha detto.

Le imprese cittadine si sono lamentate del fatto che stavano perdendo scambi commerciali con le contee suburbane, dove tali restrizioni non erano ancora in vigore.

“Penso che sia fantastico”, ha affermato Alex Balloon, direttore esecutivo part-time della Tacony Community Development Corporation e direttore esecutivo della Passyunk Avenue Revitalization Corporation. “È fantastico vedere la città di Filadelfia eguagliare i nostri vicini e penso che sia un’ottima notizia per le persone nel tempo libero e nell’ospitalità”.

Abitare! Casino and Hotel su Packer Avenue è stato aperto a gennaio 2021 e, fatta eccezione per le regole di mascheramento allentate della scorsa estate, ha operato interamente sotto le restrizioni COVID.

“So che lavoreremo come volevamo che la proprietà operasse in futuro”, ha affermato Joe Billhimer, direttore generale del casinò.

Il casinò è di proprietà della Cordish Companies, che gestisce anche un casinò a Westmoreland.

“Abbiamo appena visto una sorta di volume massimo nella nostra struttura di Westmoreland senza le restrizioni”, ha detto. “Mentre qui abbiamo visto buoni volumi ma non esagerati.”

Le aziende e i ristoranti possono ancora scegliere di richiedere ai clienti mascherine o prove di vaccinazione. Bettigole ha sottolineato che il COVID stava ancora circolando e ha raccomandato alle persone di indossare maschere in grandi folle o intorno a persone vulnerabili o non vaccinate. Il Kimmel Center ha annunciato mercoledì che era tra quelli che continueranno a richiedere mascherine e prove di vaccinazione.

» LEGGI DI PIÙ: Ecco dove hai ancora bisogno di una maschera a Philadelphia

“Non so voi, ma è davvero difficile per me dimenticare gennaio, e ciò che ha colpito Filadelfia a gennaio, e solo un numero enorme di casi e morti”, ha detto Bettigole. “Sono molto riluttante a dire che è finita.”

Il mandato della maschera è terminato appena due settimane dopo che la città ha introdotto i propri parametri di riferimento per le restrizioni di sicurezza COVID-19. Quel sistema ha utilizzato i dati su casi, ricoveri, tassi di positività e tasso di aumento dei casi per determinare le restrizioni necessarie. Tre delle quattro condizioni dovevano essere soddisfatte prima che il mascheramento potesse cessare: casi medi giornalieri che scendevano sotto 100; meno di 50 persone ricoverate in ospedale con COVID; un tasso di positività al test inferiore al 2%; e casi non aumentati di oltre il 50% negli ultimi 10 giorni.

I funzionari sanitari avevano stimato che potrebbero essere necessarie alcune settimane prima che le maschere possano staccarsi.

Le cose sono cambiate, tuttavia, quando la città ha iniziato a includere i risultati dei test antigenici per calcolare il tasso di positività, ha detto Bettigole mercoledì. In precedenza, la città aveva incluso solo i test PCR, ma con la modifica il tasso di positività della città è sceso all’1,7%, soddisfacendo lo standard per porre fine al mandato della maschera.

La città si era affidata ai test PCR, spesso chiamati “test standard”, perché a un certo punto i risultati negativi dell’antigene dovevano essere confermati con un test PCR. Poiché sono diventati più frequentemente utilizzati, ha detto Bettigole, ignorarli ha distorto il tasso di positività. La crescente popolarità dei test antigenici rapidi eseguiti a casa e in gran parte non segnalati ai funzionari sanitari, ha anche reso meno affidabili i tassi di positività pubblicamente disponibili. I tassi di positività sono aumentati leggermente nell’ultima settimana, anche se il conteggio dei casi è diminuito.

“Stavamo cercando di spiegare perché quella positività rimaneva bloccata quando i casi continuavano a diminuire”, ha detto Bettigole. “Non aveva davvero senso per noi.”

LEGGI DI PIÙ: Il nuovo sistema COVID di Philly rende difficile rimanere smascherati. Abbiamo sgranocchiato i numeri.

Le modificate raccomandazioni del CDC venerdì non hanno spinto la città a ripensare i propri parametri di riferimento, ha affermato il portavoce del dipartimento sanitario James Garrow.

“Abbiamo apportato la modifica oggi in risposta alla nostra indagine interna, al doppio controllo e alle domande del pubblico”, ha affermato.

La differenza tra un tasso di positività del 2,6%, come mostrato in precedenza prima dell’inclusione dei test antigenici, e il nuovo tasso, è praticamente inesistente in termini di rischio reale, ha affermato un epidemiologo.

“Il cambiamento avviene per periodi di tempo più lunghi, da settimane a mesi”, ha affermato Neal Goldstein, della Drexel University. “Questo è un cambiamento che in realtà non ha alcun impatto sul rischio individuale di nessuno”.

Goldstein è stato critico nei confronti dei parametri di riferimento della città, affermando che le soglie sono in gran parte arbitrarie.

A partire da martedì, ha detto Bettigole, la città aveva una media di 87 nuovi casi al giorno con 156 persone negli ospedali risultate positive al virus.

Bettigole ha osservato che il dipartimento della salute non stava adottando completamente le raccomandazioni federali.

“Le metriche specifiche che stanno suggerendo sembrano rischiose per Filadelfia”, ha detto. “Il nostro team si è guardato indietro e ha scoperto che se avessimo seguito il modello del CDC a Filadelfia questo autunno, saremmo rimasti smascherati durante l’onda delta”.

Funzionari sanitari hanno affermato che è possibile che i mandati, incluso il requisito della maschera e la prova della vaccinazione per mangiare al chiuso, possano tornare se emerge una nuova variante o Filadelfia subisce un’altra ondata. Sebbene l’annuncio di mercoledì del dipartimento sanitario abbia segnato un cambiamento nei mandati, in genere aspetterà fino al lunedì per annunciare eventuali turni di mandato, ha affermato Bettigole.

“Penso che dovremmo goderci le parti belle quando sono qui”, ha detto, “e dovremmo essere consapevoli e stare attenti a ciò che potrebbe ancora accadere”.

Le scrittrici dello staff Justine McDaniel e Kristen Graham hanno contribuito a questa storia.

.

Leave a Comment