Il gruppo di cyber-resistenza ucraina prende di mira la rete elettrica e le ferrovie russe

Le linee di trasmissione di potenza sono viste in una gelida giornata fuori dalla città di Monchegorsk, nella regione di Murmansk, Russia, 31 ottobre 2019. REUTERS/Maxim Shemetov

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

WASHINGTON, 28 febbraio (Reuters) – Un gruppo ucraino di guerriglia informatica intende lanciare attacchi di sabotaggio digitale contro infrastrutture russe critiche come le ferrovie e la rete elettrica, per contrattaccare Mosca dopo la sua invasione, ha detto a Reuters un coordinatore del team di hacker.

Funzionari del ministero della Difesa ucraino la scorsa settimana hanno contattato l’uomo d’affari ucraino e l’esperto di sicurezza informatica locale Yegor Aushev per aiutare a organizzare un’unità di hacker per difendersi dalla Russia, secondo quanto riportato in precedenza da Reuters.

Lunedì, Aushev ha affermato di aver pianificato di organizzare attacchi di hacking che avrebbero interrotto qualsiasi infrastruttura che aiutasse a portare truppe e armi russe nel suo paese.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Tutto ciò che potrebbe fermare la guerra”, ha detto a Reuters. “L’obiettivo è rendere impossibile portare queste armi nel nostro Paese”.

Aushev ha affermato che il suo gruppo ha già abbattuto o deturpato dozzine di siti Web governativi e bancari russi, a volte sostituendo i contenuti con immagini violente della guerra. Ha rifiutato di fornire esempi specifici, dicendo che avrebbe reso più facile rintracciare il suo gruppo per i russi.

La Russia definisce le sue azioni in Ucraina una “operazione speciale” che non è progettata per occupare territorio ma per distruggere le capacità militari del suo vicino meridionale e catturare quelli che considera pericolosi nazionalisti.

Un addetto alla difesa ucraino a Washington ha rifiutato di commentare il gruppo di Aushev o il suo rapporto con il ministero della Difesa. Aushev ha detto che il suo gruppo è finora cresciuto fino a raggiungere più di 1.000 volontari ucraini e stranieri.

Il gruppo si è già coordinato con un’organizzazione hacktivista straniera che ha effettuato un attacco a un sistema ferroviario.

Dopo che si è diffusa la voce della formazione della squadra di Aushev, i Cyber ​​Partisans bielorussi, una squadra di hacker incentrata sulla Bielorussia, si sono offerti volontari per attaccare le ferrovie bielorusse perché hanno affermato che erano utilizzate per il trasporto di soldati russi.

I Cyber ​​Partisans hanno disabilitato i sistemi di traffico della ferrovia e bloccato il suo sito web di biglietteria, ha riportato Bloomberg News domenica.

Lunedì, una portavoce di Cyber ​​Partisans ha detto a Reuters che il gruppo ha effettuato quegli attacchi e ha confermato che la sua organizzazione stava ora lavorando con il gruppo di Aushev.

La portavoce ha detto che poiché il suo gruppo aveva interrotto il sistema di prenotazione, i passeggeri potevano viaggiare solo acquistando di persona i biglietti cartacei. Ha inviato a Reuters la foto di un biglietto cartaceo scritto a mano emesso lunedì.

“Siamo completamente dalla parte degli ucraini”, ha detto. “Ora stanno combattendo non solo per la loro libertà, ma anche per la nostra. Senza un’Ucraina indipendente, la Bielorussia non ha alcuna possibilità”.

La Reuters non ha potuto confermare gli attacchi contro il sistema di traffico della ferrovia bielorussa. Martedì pomeriggio il sito web di prenotazione dell’azienda era inattivo. Un portavoce delle ferrovie non ha risposto a una richiesta di commento.

I funzionari dell’ambasciata russa a Washington non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Martedì, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha detto a un media russo che le ambasciate russe erano sotto attacco informatico da parte di “cyberterroristi ucraini”.

Oltre a colpire Mosca, Aushev ha detto che la sua squadra avrebbe aiutato l’esercito ucraino a dare la caccia alle unità russe sotto copertura che invadono città e paesi.

Ha detto che il suo gruppo ha scoperto un modo per utilizzare la tecnologia di localizzazione del cellulare per identificare e localizzare le unità militari russe sotto copertura che si spostano attraverso il paese, ma ha rifiutato di fornire dettagli.

Secondo quanto riferito da diversi media, le truppe russe stanno utilizzando telefoni cellulari commerciali in Ucraina per comunicare.

Nell’ultima settimana, numerosi siti web del governo russo sono stati pubblicamente interrotti da attacchi in stile DDoS (Distributed Denial of Service), incluso uno per l’ufficio del presidente Vladimir Putin.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Joel Schectman e Christopher Bing di Washington e James Pearson di Londra Montaggio di Kieran Murray e David Gregorio

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment