Il giurato Joshua James si dichiara colpevole di cospirazione sediziosa nella rivolta del Campidoglio

Come parte della sua richiesta, James ha accettato di collaborare con gli investigatori federali, inclusi i test di fronte a un gran giurì.

James, un veterano dell’esercito che è stato ferito combattendo in Iraq, è stato incriminato con l’accusa di sedizione a gennaio insieme ad altri 10, tra cui il fondatore e leader di Oath Keepers Stewart Rhodes. James ha affrontato molteplici accuse di reato per aver ostacolato il conteggio formale del collegio elettorale, oltre ad aver aggredito un agente di polizia della DC durante la sua permanenza all’interno del Campidoglio. Fu anche accusato di aver manomesso documenti per distruggere le sue comunicazioni con altri Guardiani del Giuramento. I pubblici ministeri hanno deciso di respingere le accuse diverse dai conteggi sediziosi di cospirazione e ostruzione. Entrambe le accuse comportano una pena detentiva massima di 20 anni. Nessun imputato è stato ancora condannato a una pena massima.

James è apparso in tribunale praticamente dall’Alabama; è stato rilasciato per monitoraggio GPS ad aprile a causa delle obiezioni del governo. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Amit P. Mehta ha affermato che le linee guida di condanna sia per l’accusa di sedizione che per l’ostruzione sono state calcolate in un intervallo compreso tra 87 e 108 mesi di carcere. L’intervallo è consultivo ed entrambe le parti possono chiedere al giudice di andare al di sopra o al di sotto dell’intervallo durante la sentenza.

La frase più lunga in assoluto di gennaio 6 l’imputato ha ricevuto finora è di 63 mesi per Robert S. Palmer, che ha ammesso di aver scagliato un estintore, un’asse e un lungo palo contro gli agenti.

Altri cinque Oath Keepers, oltre agli 11 accusati di cospirazione sediziosa, si sono già dichiarati colpevoli e hanno accettato di collaborare con il governo. Ma James è il primo a invocare sedizione, un crimine raramente usato e politicamente significativo di cospirazione contro il governo degli Stati Uniti.

James non ha rilasciato dichiarazioni in tribunale se non per rispondere alle domande del giudice. Non è stata fissata alcuna data di condanna, che l’assistente del procuratore degli Stati Uniti Troy Edwards Jr. ha affermato che è stata fatta per consentire a James di fornire la sua collaborazione prima dell’udienza.

Il motivo segna il primo utilizzo riuscito di un’accusa di sedizione da parte dei pubblici ministeri federali negli ultimi decenni. La legge federale definisce la cospirazione sediziosa come due o più persone che “cospirano per rovesciare, reprimere o distruggere con la forza il governo degli Stati Uniti” o agiscono “con la forza per impedire, ostacolare o ritardare l’esecuzione di qualsiasi legge di gli Stati Uniti.”

Il Post ha ottenuto ore di riprese video, alcune in esclusiva, e le ha inserite in un modello digitale 3-D dell’edificio. (Il Washington Post)

Nel 2012, un giudice ha respinto le accuse di cospirazione sediziosa contro membri di un gruppo di milizie di estrema destra nel Michigan, dicendo che non era chiaro che avessero fatto piani concreti per attaccare il governo.

Rhodes ha detto che i Guardiani del Giuramento erano a Washington il 15 gennaio. 6 per proteggere figure conservatrici, come la fiducia dell’allora presidente Donald Trump in Roger Stone, dagli attaccanti di sinistra. Secondo i verbali del tribunale, James e un altro custode del giuramento hanno fornito sicurezza a Stone alla manifestazione di Trump all’Ellisse lo scorso gennaio. 6.

Ma la loro preparazione per un assalto al Campidoglio è iniziata due giorni dopo le elezioni del 3 novembre 2020, secondo i pubblici ministeri federali, quando Rhodes avrebbe detto ai suoi seguaci “di rifiutarsi di accettare il risultato elettorale e ha dichiarato: ‘Non stiamo ottenendo attraverso questo senza una guerra civile.’”

L’accusa descrive due mesi di comunicazioni tra Rhodes e altri membri di Oath Keeper, incluso James, in cui “Rhodes ha delineato un piano per fermare il legittimo trasferimento del potere presidenziale, compresi i preparativi per l’uso della forza”. Rhodes si è dichiarato non colpevole e ha affermato che i membri che sono entrati in Campidoglio lo hanno fatto senza la sua autorizzazione.

Nel patteggiamento, James ha convenuto che Rhodes “ha istruito [him] e altri ad essere preparati e chiamati a … usare la forza letale se necessario” per mantenere Trump in carica.

James ha ammesso di far parte di un gruppo dirigente di Oath Keepers che ha radunato i partecipanti per l’insurrezione pianificata. “La regione SE sta creando un INVITO ALL’AZIONE NAZIONALE PER DC 6 GENNAIO”, ha pubblicato James nella “chat di informazioni sulla leadership” il 21 dicembre 2020. Dieci giorni dopo, James ha scritto, “abbiamo un… carico di QRF [quick reaction force] in attesa di un arsenale.

Verso le 14:30 del 6 gennaio 2021, i pubblici ministeri affermano che James e altri Guardiani del giuramento, vestiti con giubbotti tattici, guanti rigidi, occhiali protettivi e altro abbigliamento da battaglia, hanno appreso che il Campidoglio era stato violato e fatto irruzione in golf cart per unirsi alla mischia.

Mentre una “pila” di Guardiani del Giuramento, inclusi quattro dei coimputati di James, marciava su per i gradini del Campidoglio ed entrava, un altro coimputato ha inviato un messaggio che la “forza di reazione rapida” era “in attesa in hotel. Dì solo la parola”, secondo l’accusa. Il primo gruppo è entrato, ha incontrato la polizia, ha cercato la presidente della Camera Nancy Pelosi (D-California) e poi se ne è andato, afferma l’accusa.

James e almeno altri due Oath Keepers sono quindi entrati nel Campidoglio attraverso il lato est e si sono uniti a una folla che si spingeva con la polizia. Ammette di aver afferrato il giubbotto di un agente di polizia e di averlo tirato verso la folla, gridando: “Vattene dal mio Campidoglio! Uscire! Esci dal mio Campidoglio!”

James è stato spruzzato con sostanze chimiche e spinto fuori dall’edificio dagli agenti, hanno detto i pubblici ministeri. Si unì a Rhodes e ad altri per una cena di celebrazione a Vienna, in Virginia, più tardi quella notte, afferma il patteggiamento.

James ha ammesso di aver incontrato di nuovo Rhodes in un ristorante in Alabama due giorni dopo, dove gli ha mostrato un video del suo confronto con l’ufficiale di polizia all’interno del Campidoglio. “Rhodes ha espresso gratitudine per le azioni di James e ha detto a James di modificare il suo aspetto fisico per nascondere la sua identità”, secondo il patteggiamento.

Ha poi trascorso diverse settimane con Rhodes in Texas, dove ha detto che hanno raccolto armi, telefoni bruciatori e equipaggiamento tattico, afferma il patteggiamento. James tornò quindi in Alabama, dove secondo l’accordo “attendeva le istruzioni di Rodi”.

Un avvocato di Rodi non ha risposto a una richiesta di commento mercoledì sera. Nei documenti del tribunale, l’avvocato difensore di Rhodes, James Lee Bright, ha affermato che il suo cliente “ha cessato ogni preparazione e comunicazione” dopo il 19 gennaio. 20, quando Trump ha lasciato l’incarico senza combattere. Rhodes sostiene di aver pianificato di utilizzare il suo arsenale solo se Trump avesse chiesto aiuto al suo gruppo per rimanere al potere, cosa che credeva sarebbe legale ai sensi dell’Insurrection Act.

Leave a Comment