Il COO dei Reds, Phil Castellini, discute la riduzione degli stipendi

Una delle trame principali della passata offseason è stata la misura in cui i Reds avrebbero tagliato le spese. La citazione di novembre del direttore generale Nick Krall sull'”allineamento del nostro libro paga alle nostre risorse” è stata spesso ripetuta quando Cincinnati si è separata da giocatori importanti come Sonny Grey, Wade Miley e jesse winker in mosse per risparmiare denaro senza fare praticamente alcuno sforzo per trattenere lo slugger del free agent Nick Castellano.

I Reds hanno reinvestito parte dei fondi risparmiati in modesti accordi di un anno con agenti liberi Tommy Pham, Donovan Solano, Cacciatore Stricklande Colin Moraninoltre ha sostenuto più di $ 7 milioni di spese per il personale nel Amir Garrettmicrofono minore scambia con i Royals. Queste mosse attuali, insieme a un sistema agricolo di Cincinnati che ha visto aumentare le sue scorte negli ultimi anni, sono state prese in considerazione nel decreto di marzo del presidente dei Reds e COO Phil Castellini per i fan di “abbi un po’ di fiducia in quello che stiamo facendo con i tuoi Cincinnati Reds.

I fan non sono stati molto contenti dei commenti di Castellini, poiché l’unità sulla carta che i Reds stanno lanciando nel 2022 ospita una potenza di stelle notevolmente inferiore rispetto alla squadra del 2021. La squadra è anche entrata nella nuova stagione con uno stipendio di $ 9 milioni in meno rispetto all’anno precedente (secondo i contratti di baseball di Cot). Con diversi giovani lanciatori che si fanno strada nel roster della squadra a prezzi eminentemente convenienti, si può sostenere che abbia mantenuto almeno una delle stelle scomparse della squadra.

All’inizio di martedì, Phil Castellini si è unito a Scott Sloan e Mo Egger di WLW 700 e gli è stato chiesto perché i fan dovrebbero mantenere la fiducia nella leadership dei Reds. Rispondendo a questa domanda, oltre che agli appelli di alcuni tifosi a vendere la squadra, Castellini ha risposto:

“Beh, dove andrai? Cominciamo da lì. Voglio dire, vendere la squadra a chi? Questa è l’altra cosa: vuoi fare questo dibattito? Se vuoi vedere cosa faresti con questa squadra per renderla più redditizia, fare più soldi, competere di più nell’attuale sistema economico in cui esiste questo gioco, sarebbe prenderlo e spostarlo da qualche altra parte. E quindi fai attenzione a ciò che chiedi […] stiamo facendo il meglio che possiamo fare con le risorse che abbiamo”.

È strano vedere una figura di proprietà prendere una posizione così difensiva per criticare e quasi minacciare i fan, in particolare il giorno dell’apertura quando i Reds hanno venduto più di 43.000 biglietti. (Presenza di mercoledì, per Charlie Goldsmith del Cincinnati Enquirer, era 10.976, anche se il tempo ha sicuramente influenzato quel totale.)

I commenti di Castellini arrivano anche sulla scia di una seconda offseason consecutiva, scandita da transazioni più orientate a ridurre gli stipendi che a migliorare il prodotto in campo. Chiedere pazienza ai fan dei Reds è particolarmente sfacciato dato che l’ultimo sforzo di ricostruzione della squadra è ancora fresco nella mente dei fan. I Reds, dal 2015 al 2016, hanno scambiato giocatori del calibro di Aroldis Chapman, Todd Frazier, Johnny Cueto e Mike perde — generalmente si rivela vuoto sulla stragrande maggioranza di quegli accordi.

Ciò che è seguito è stata una serie di tre ultimi posti consecutivi nella National League Central dal 2016-18, seguiti da un quarto posto nel 2019. I Reds hanno registrato una media di $ 95 milioni di buste paga durante quella serie di ultimi posti, classificandosi al 25 ° posto , 25 e 22 nel libro paga di tutta la lega lungo la strada. Cincinnati è emerso da quel processo di ricostruzione / riorganizzazione e ha trascorso in modo aggressivo nella bassa stagione 2019-20, firmando Mike Mustakas, Nick Castellano, Shogo Akiyama e Wade Miley. Il palcoscenico sembrava pronto per i Reds, sostenuti da una forte rotazione e da una raccolta di impressionanti slugger, per tornare a una prolungata mentalità win-now.

Invece, i Reds sono andati 31-29 durante la stagione 2020 ridotta dalla pandemia, sono stati travolti nella postseason senza segnare una corsa e hanno immediatamente iniziato a fare un altro passo indietro. Raisel Iglesias è stato ceduto agli Angels in un puro salario e i Reds non hanno offerto le loro due principali acquisizioni con scadenza commerciale: Archie Bradley e Brian Goodwin. Krall ha parlato di riallocare quelle risorse ad altre aree di bisogno. Mesi dopo, il giorno dell’inaugurazione, Sean Doolittle si è rivelato essere l’unico acquisto dei Reds nella Major League – a un anno e $ 1,5 milioni. La bassa stagione 2021-22 è successivamente iniziata con i summenzionati commenti “allinea il libro paga alle risorse” di Krall che hanno preceduto un’ulteriore riduzione del personale.

Nonostante quella sequenza frustrante, Castellini ulteriormente predicato la pazienza e la lealtà dei fan per tutta la giornata di ieri, facendo paragoni con i Cincinnati Bengals della NFL che sorprendentemente sono emersi da una serie di stagioni perse in rotta verso un’apparizione al Super Bowl (e accese fanbase) due mesi fa. In merito allo stipendio della squadra, Castellini ha anche aggiunto che “è ancora significativamente più dei ricavi che stiamo generando per produrlo. […] Negli ultimi 16 anni [we’ve] investito oltre le nostre dimensioni di mercato ogni singolo anno.

Quei commenti hanno suscitato scalpore tra i tifosi dei Reds che non hanno visto la loro squadra vincere una serie di playoff dal 1995, e da allora Castellini li accompagnava indietro. Vengono anche in concomitanza con i commenti di Castellanos a Jesse Rogers di ESPN, in cui fa esplodere la proprietà dei Reds per aver “soffocato” il baseball in una “grande città come Cincinnati”. Castellanos ha fatto quei commenti per un pezzo che è stato pubblicato prima che Castellini facesse i suoi commenti martedì, ma anche se non sono una reazione diretta, il tempismo è comunque impeccabile.

Oltre a irritare la base di fan, tuttavia, i commenti del presidente del club potrebbero far luce sui piani della squadra per andare avanti. Se la squadra sta effettivamente operando in deficit mentre è a Cincinnati, è improbabile che il libro paga aumenterà molto presto. Naturalmente, non c’è modo di verificare la veridicità delle affermazioni di Castellini, poiché le squadre scelgono di non aprire i loro libri al pubblico. Ma vale la pena notare che, a seguito degli accordi di streaming fuori stagione della MLB con Apple e Peacock, ogni club ora riceverà circa 65 milioni di dollari solo in entrate televisive/streaming nazionali. Ciò non tiene conto delle entrate del gate, degli accordi di trasmissione locale e di una miriade di altre fonti di entrate per i club della Major League.

Forse segnalando ulteriormente la direzione futura dell’organizzazione, Castellini ha dato un’occhiata ai giorni della “Big Red Machine” del club degli anni ’70, indicando che il modo per emulare al meglio quell’era di successo del baseball dei Reds era investire nella pipeline di talenti della squadra e crescere dall’interno. Porre l’accento sullo sviluppo interno è certamente un approccio pratico, ma sicuramente attirerà scetticismo dalla base di fan nel contesto della riduzione degli stipendi dei Reds in un momento in cui avevano già promosso una quantità significativa di giovani talenti nelle major. Cincinnati ha appena $ 44,5 milioni in palio nel 2023 e non ha alcun contratto garantito per la stagione 2024.

.

Leave a Comment