Il convoglio del popolo dei camionisti esce dalla California, diretto a Washington

Diverse centinaia di persone si sono radunate mercoledì mattina nel deserto del Mojave per inviare un gruppo di camionisti che guidavano attraverso il paese per protestare contro i mandati di COVID-19.

I sostenitori hanno posato per selfie e hanno regalato biscotti fatti in casa e altri oggetti a dozzine di camionisti che intendono recarsi a Washington, DC Il convoglio è simile a quelli i cui blocchi ribelli hanno chiuso i valichi di frontiera a nord mentre i camionisti si sono mobilitati in Canada per la risposta della nazione alla pandemia.

Gli organizzatori con il gruppo che si fa chiamare Convoglio del popolo speravano che 1.000 conducenti di semirimorchi partissero dallo stadio di Adelanto. Sono stati lanciati meno di 40 grandi impianti di perforazione, sebbene siano stati raggiunti da centinaia di altri veicoli.

Camper, pickup e SUV con messaggi di supporto scritti a mano si sono uniti al corteo di veicoli che trascinavano i camion sull’autostrada. Diverse versioni di “God Bless the USA” risuonavano dagli stereo delle auto.

L’organizzatore nazionale Maureen Steele, 57 anni, ha detto che il convoglio si dirigerà a Washington, DC, e dovrebbe arrivare dopo il discorso sullo stato dell’Unione martedì. Ma ha detto che il gruppo non si fermerà al Campidoglio della nazione.

Camionisti e sostenitori, che si fanno chiamare People’s Convoy, viaggiano lungo l’autostrada 395 mercoledì.

(Irfan Khan/Los Angeles Times)

“Perché non vogliamo un altro gennaio. 6″, ha detto Steele, riferendosi all’insurrezione del 2021, quando una folla violenta ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti. “Questo convoglio inizia a Barstow e finisce in libertà.”

Inizialmente, il rally doveva iniziare a Barstow, ma in seguito è stato cambiato in Adelanto. Mentre l’ondata di coronavirus di Omicron si è ritirata negli Stati Uniti e più stati hanno iniziato a revocare i mandati delle maschere, roulotte e blocchi simili hanno iniziato a spuntare in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, lo sforzo vagamente organizzato ha guadagnato slancio, anche se il discorso di un rally del Super Bowl non si è mai concretizzato. E quanti camionisti alla fine parteciperanno non è chiaro.

Una persona indossa una lettura del segno

CJ Hernley si unisce a una manifestazione tenutasi all’Adelanto Stadium per i camionisti della California contro i mandati COVID-19.

(Irfan Khan/Los Angeles Times)

Steele ha detto che ci sono diversi convogli diretti a est. Funzionari federali hanno espresso preoccupazione per il fatto che alcuni possano arrivare durante il discorso del presidente Biden al Congresso all’inizio della prossima settimana e potrebbero usare tattiche simili a quelle che hanno bloccato i confini USA-Canada per settimane.

La polizia ha arrestato quasi 200 persone la scorsa settimana e ha rimorchiato 79 veicoli dopo che il governo canadese ha emesso poteri di emergenza in risposta al blocco di Ottawa.

Il segretario stampa del Pentagono John Kirby ha dichiarato mercoledì che il Dipartimento della Difesa ha approvato 700 soldati della Guardia Nazionale e 50 veicoli per supportare la polizia metropolitana di DC ai posti di traffico se i camion iniziano ad arrivare a Washington.

“I membri di supporto della Guardia Nazionale non riceveranno armi da fuoco e non si impegneranno nella sorveglianza di persone statunitensi o straniere, sebbene siano autorizzati a segnalare qualsiasi attività criminale osservata al personale delle forze dell’ordine appropriato”, ha affermato Kirby in una nota. “Sebbene i membri del servizio partecipanti condurranno il controllo del traffico, non influiranno sugli arresti né condurranno altre attività di questo tipo”.

Gli organizzatori del People’s Convoy chiedono al governo americano di ritirare tutti i mandati relativi alla pandemia e di “riaprire il paese”, secondo una dichiarazione del gruppo.

Mentre i casi di COVID-19 continuano a diminuire in tutto il paese, i Centers for Disease Control and Prevention affermano che la nazione ha una media di oltre 2.300 decessi per virus ogni giorno. La maggior parte di questi è tra persone non vaccinate.

Il camionista Brian Brase parla a una manifestazione, con le bandiere americane dietro di lui

Il camionista Brian Brase parla al raduno.

(Irfan Khan/Los Angeles Times)

Mercoledì, prima che i semirimorchi partissero da Adelanto, i relatori hanno ripetuto false affermazioni secondo cui i vaccini COVID-19 uccidono più persone di quante ne salvano e hanno promosso il trattamento non provato dell’Ivermectina contro il virus.

Gli organizzatori hanno affermato che il convoglio che si dirige verso la capitale della nazione non è guidato da problemi di parte. Ma il paesaggio desertico della manifestazione era pieno di cartelli “F—Biden” e striscioni di Trump. Diversi camion sono stati addobbati con adesivi che richiedevano il rilascio del 19 gennaio. 6 ribelli dalla custodia federale e più partecipanti indossavano abiti con simboli alt-right e nazisti.

Steele ha detto che il People’s Convoy non poteva fare a meno di ciò che i suoi sostenitori indossavano o salutavano. Alla domanda se il convoglio stesse dando credibilità a elementi marginali in base alle loro opinioni anti-mandato, Steele ha scosso la testa, dicendo che l’affermazione era già stata avanzata dal primo ministro canadese Justin Trudeau.

“È assurdo come quando l’ha detto Trudeau, ed è assurdo vederlo in questo modo ora”, ha detto Steele. “Il Canada e il resto del mondo guardano all’America per mantenere la luce”.

Ken Jones, che ha sventolato le bandiere di Gadsden, americana e canadese vicino a una fila di macchine che suonavano il clacson, ha definito il convoglio emotivo.

“Voglio solo indietro la mia libertà”, ha detto Jones. “Ma forse riportiamo anche Trump là dentro”.

Il viaggio di 11 giorni del convoglio farà tappa in Arizona, Texas, Oklahoma, Missouri e altri stati. Gli organizzatori si aspettano che più camionisti e altri sostenitori si uniscano mentre si avvicinano all’area della DC Beltway.

Un manichino dello zio Sam è legato a un grosso rig

Un grande rig con un manichino dello Zio Sam al raduno del People’s Convoy mercoledì.

(Irfan Khan/Los Angeles Times)

Il camionista Ryan Nelson, 43 anni, non ha visto il convoglio o la spinta contro i mandati della pandemia come questioni di parte.

“Si tratta di libertà. Si tratta di una eccessiva portata del governo”, ha detto Nelson mentre i sostenitori gli consegnavano caramelle, denaro e attrezzature di sicurezza. “Non sono preoccupato per quello che accadrà”.

Il camionista Zeus Elledge, 36 anni, dice che farà il viaggio per suo figlio di 11 anni, che si unirà a suo padre nel viaggio.

“Lo sto facendo per mio figlio. Non penso che dovrebbe avere un vaccino”, ha detto Elledge, che in genere trasporta terra e rocce e dice che l’edilizia nel mercato immobiliare ha aiutato il suo lavoro, ma si aspetta che rallenti.

Ha saputo del convoglio due settimane prima e ha deciso che avrebbe portato suo figlio in viaggio.

Quando gli è stato chiesto se fosse disposto ad essere arrestato, Elledge ha guardato suo figlio e ha detto: “Qualunque cosa accadrà, accadrà. Non mi aspetto che mi succeda qualcosa. Ma ho preso accordi per il suo ritorno”.

La scrittrice dello staff del Times Sarah D. Wire e Anumita Kaur hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment