Il commissario della Texas Ag Sid Miller chiede ad Abbott di porre fine alle “catastrofiche” ispezioni alle frontiere

AUSTIN – Martedì, il commissario per l’agricoltura del Texas Sid Miller ha sollecitato il governatore a porre fine a una nuova politica di ispezione che sta ostacolando il traffico al confine e “trasformando una crisi in una catastrofe”.

In una dichiarazione fortemente formulata, Miller ha avvertito il governatore. Greg Abbott che i veicoli commerciali sono costretti ad aspettare fino a 12 ore per entrare in Texas dal Messico a causa delle ispezioni statali intensificate. Di conseguenza, ha affermato Miller, la produzione sta marcendo nei camion al minimo e, in definitiva, i prezzi potrebbero aumentare per i consumatori.

“Questo non risolve il problema del confine, sta aumentando il costo del cibo e si aggiunge alla carenza di catena di approvvigionamento”, ha affermato Miller, un repubblicano da due mandati che quest’anno sarà rieletto. “Un programma così fuorviante porterà rapidamente a $ 2,00 limoni, $ 5,00 avocado e peggio”.

Sono stati segnalati ritardi fino a tre giorni in alcuni passaggi di ponti internazionali per il traffico commerciale dopo che Abbott ha ordinato maggiori ispezioni di sicurezza dei camion merci nel tentativo di localizzare i migranti e il traffico di droga attraverso il confine.

I ringhi del traffico vengono esacerbati da camionisti arrabbiati che stanno protestando contro le lunghe attese con blocchi in alcuni porti di ingresso, compresi i porti del vicino New Mexico, dove alcuni camion si sono diretti per evitare il caos del Texas.

Miller è il repubblicano più importante ad aver incaricato Abbott delle ulteriori ispezioni dei veicoli iniziate al confine la scorsa settimana. I leader aziendali sono da giorni preoccupati che i ritardi del traffico di ore possano danneggiare i consumatori del Texas perché il Messico è il principale partner commerciale dello stato.

Martedì anche il ministero degli Esteri messicano e i principali senatori hanno criticato le ispezioni aggiuntive, dicendo che mettono a repentaglio il commercio transfrontaliero.

L’ufficio di Abbott non ha immediatamente restituito una richiesta di commento. Il governatore repubblicano ha svelato il piano il 6 aprile in risposta alla decisione dell’amministrazione Biden di porre fine all’ordine di salute pubblica noto come Titolo 42, che è stato utilizzato per espellere rapidamente i migranti al confine tra Stati Uniti e Messico.

Abbott ha riconosciuto all’epoca che le ispezioni aggiuntive del veicolo avrebbero “drammaticamente rallentato” il traffico dal Messico.

Miller ha invitato Abbott a sostenere invece le azioni legali che cercano di costringere il presidente Joe Biden a continuare la politica del Titolo 42, che è stata messa in atto dall’amministrazione Trump durante la pandemia di COVID-19.

“Se l’amministrazione Biden non può essere obbligata a fare il proprio lavoro per proteggere il confine, allora abbiamo bisogno di un giudice federale per costringere Biden a fare ciò che è giusto”, ha detto Miller.

In una dichiarazione forte, il commissario per l'agricoltura del Texas Sid Miller (a destra) ha avvertito...
In una dichiarazione forte, il commissario per l’agricoltura del Texas Sid Miller (a destra) ha avvertito il governatore. Greg Abbott che i veicoli commerciali sono costretti ad aspettare fino a 12 ore per entrare in Texas dal Messico a causa del piano di Abbott di intensificare le ispezioni statali al confine. (Elias Valverde II / Fotografo personale)

Abbott ha spinto pesantemente per ingenti spese per rafforzare la sicurezza delle frontiere dopo aver affermato che l’amministrazione Biden non è riuscita a farlo. Secondo le sue politiche, 10.000 membri della Guardia Nazionale del Texas e ufficiali del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Texas sono stati inviati al confine. Abbott ha anche promesso di aiutare a costruire un muro di confine e ha ordinato ai funzionari statali di fornire autobus per trasportare i migranti dal confine a Washington, DC

In una lunga dichiarazione rilasciata martedì che delinea i suoi ampi e consolidati processi di ispezione alle frontiere, il CBP ha affermato che i rallentamenti hanno portato a un calo del 60% del traffico commerciale.

“I tempi di attesa più lunghi della media – e le conseguenti interruzioni della catena di approvvigionamento – non sono correlati alle attività di screening del CBP e sono dovuti a ispezioni aggiuntive e non necessarie condotte dal Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas su ordine del Governatore del Texas”, la dichiarazione disse.

L’intensificarsi delle ispezioni di sicurezza sta causando un putiferio che ha cominciato a risuonare tra gli alleati più saldi del governatore repubblicano: i politici repubblicani e le grandi imprese. Texas e Messico condividono un confine di 1.254 miglia collegato da più di 27 valichi internazionali, molti utilizzati per il commercio commerciale.

Secondo i dati del censimento statunitense, nel 2021 c’erano più di 661 miliardi di dollari di scambi commerciali tra Stati Uniti e Messico. I dati del Federal Bureau of Transportation indicano che il 70% dei camion con merci che entrano negli Stati Uniti lo fanno attraverso il Texas.

Imprenditori, esperti di commercio e politici di frontiera hanno notato che i funzionari federali già ispezionano regolarmente i veicoli commerciali mentre attraversano il confine e hanno avvertito che ulteriori ispezioni costerebbero tempo e denaro.

Ogni camion carico che passa dal Messico agli Stati Uniti passa già attraverso quattro filtri di sicurezza in Texas: uno da Customs and Border Protection; uno dalla Federal Motor Carrier Safety Administration e dal Texas Department of Transportation; quello del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Texas; e un altro a circa 30 miglia oltre il confine ai checkpoint presidiati dal CBP e dalla Border Patrol.

Nella valle del Rio Grande, martedì il ponte Pharr è rimasto chiuso a tutto il traffico commerciale mentre i camionisti hanno continuato a protestare contro le ispezioni intensificate di Abbott con un blocco totale. La loro protesta è iniziata dopo che le linee al ponte hanno iniziato a estendersi per miglia all’interno di Reynosa a causa delle maggiori ispezioni di sicurezza da parte degli ispettori del Texas.

“Ribellione sul ponte”, urlava un titolo in spagnolo nel El Manana giornale. Ha notato che i camionisti erano stati ritardati fino a tre giorni mentre cercavano di attraversare con il loro carico.

Alfredro Castro (a sinistra), un responsabile del traffico di un'azienda di autotrasporti messicana, ha consegnato uno dei suoi...
Alfredro Castro (a sinistra), un responsabile del traffico di un’azienda di autotrasporti messicana, ha consegnato a uno dei suoi camionisti i soldi per una riparazione dopo un’ispezione da parte delle truppe di stato del Texas al ponte internazionale Pharr-Reynosa lunedì 11 aprile 2022 a Pharr. (Juan Figueroa / Fotografo personale)

Il ponte tra Pharr e Reynosa è il più grande porto terrestre degli Stati Uniti per la produzione. È stato bloccato dai veicoli della polizia Pharr e da enormi coni arancioni.

Erano necessari grandi camion contenenti carburante diesel nelle vicinanze per rifornire di carburante i 18 ruote al minimo che dovevano mantenere in funzione la refrigerazione per mantenere il carico fresco.

Bonifacio Rodriguez era seduto nel suo grande rig rosso in attesa della sua possibilità di precipitarsi a sud oltre il confine: le proteste stanno bloccando il suo viaggio di ritorno dopo aver consegnato un carico di broccoli e mango.

“Siamo vittime della politica”, ha detto il camionista. “Siamo bloccati”.

Dante Galeazzi, CEO e presidente della Texas Independent Producers Association, ha affermato che il traffico bloccato significa che $ 30 milioni di prodotti freschi sono stati bloccati.

Prendersi diversi giorni dalla durata di conservazione dei prodotti significa una perdita di profitto per tutti coloro che fanno parte della catena di approvvigionamento, ha affermato Galeazzi. “Stiamo parlando di significative diminuzioni di valore”, ha affermato.

Lunedì un portavoce del CBP ha affermato che i camionisti dovrebbero prepararsi a utilizzare altri ponti. Ma Ignacio Arceo, un robusto camionista messicano, ha esitato. Nuove rotte nel violento Messico nord-orientale sarebbero più pericolose. “Meglio il diavolo, sai”, disse Arceo.

I tempi di attesa al confine in Texas stanno costringendo alcuni camionisti a tentare la fortuna nel New Mexico. Miriam Kotkowski, presidente di Tecma Transportation Services, che gestisce una flotta di 80 veicoli commerciali che spostano merci tra le fabbriche messicane e i negozi e le fabbriche statunitensi, ha iniziato venerdì a reindirizzare i suoi camion a Santa Teresa, New York, a cavallo del confine con il Texas.

Il flusso di traffico commerciale al porto di ingresso di Santa Teresa è diventato così grande che sabato il porto di ingresso federale ha aperto le corsie per gestire il numero di camion, che è cresciuto da circa 600 a circa 1.000 al giorno, ha affermato Jerry Pacheco, presidente di la Border Industrial Association con sede a Santa Teresa.

Kotkowski ha descritto la situazione come “terribile” e “imprevedibile” e forse un disastro per le catene di approvvigionamento, anche nell’industria automobilistica, dove gli stabilimenti di assemblaggio di maquiladora dipendono dalla consegna programmata “just-in-time” di ricambi per auto per continuare a costruire automobili .

“Stiamo reindirizzando perché Santa Teresa è nel New Mexico e quindi non hanno questo mandato che il governatore. Abbott ha diretto”, ha detto Kotkowski. “Non sappiamo quali prove abbia il governatore Abbott” per suggerire che i migranti vengono introdotti clandestinamente all’interno di camion attraverso i porti di ingresso.

“Il commercio fa bene alla regione. Il commercio è positivo per il Texas e la nazione. Ciò sta interessando l’intera catena di approvvigionamento perché non stiamo consegnando prodotti ai consumatori negli Stati Uniti. Tutto, dai ricambi auto, alle forniture mediche, all’edilizia fino ai giocattoli consegnati, a Dallas o a New York City. Semplicemente non capisco.’

Alfredo García, un autista di 18 ruote che trasporta carne, aspetta su una strada laterale mentre il...

Ma per alcuni, la deviazione nel New Mexico è stata un fallimento. Martedì pomeriggio dall’altra parte del confine dal porto di ingresso di Santa Teresa, i camionisti frustrati per le ispezioni intensificate hanno bloccato il traffico in Messico per protestare contro l’aumento delle ispezioni.

Le autorità dello stato del New Mexico hanno attraversato il confine per parlare con i camionisti, ricordando loro che non erano in Texas, ha detto Pacheco.

“I nostri funzionari hanno detto loro: ‘Guarda, il New Mexico non ha nulla a che fare con la politica del Texas’, ha detto Pacheco. “I manifestanti sono stati molto grati perché hanno detto di essere stati i primi funzionari statali a scendere per parlare con loro da entrambi i lati del confine”.

La scrittrice dello staff Allie Morris ha riferito da Austin, la scrittrice dello staff Dianne Solis ha riferito da Pharr e lo scrittore dello staff Alfredo Corchado ha riferito da Santa Teresa, NM

Traffico commerciale al valico di frontiera di Laredo alla fine del 2019.

Leave a Comment