I senatori democratici dell’Arizona mettono in guardia Biden contro la “fine brusca” delle restrizioni ai confini del Titolo 42 senza un piano

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Arizona Democratici Sens. Kyrsten Sinema e Mark Kelly avvertono il presidente Biden di porre fine alle restrizioni ai confini del Titolo 42 senza un “piano globale” in atto per garantire l’ordine al confine meridionale, in netto contrasto con la posizione del leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer.

“Vi scriviamo per esprimere grande preoccupazione per la mancanza di un piano specifico da parte della vostra Amministrazione in merito a potenziali modifiche all’Autorità di Sanità Pubblica Titolo 42, che il [DHS] ha fatto affidamento al confine durante la pandemia di coronavirus”, scrivono i senatori.

Il DHS RICHIEDE SUPPORTO AGGIUNTIVO AL PENTAGONO AL CONFINE TRA I TImori di un’imponente ondata di migranti

28 ottobre 2021: Il senatore Kyrsten Sinema (R), D-AZ, parte dal Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC.
(MANDEL NGAN/AFP tramite Getty Images)

“Dato l’impatto che le modifiche al Titolo 42 potrebbero avere sulle comunità di confine, sulla sicurezza delle frontiere e sui migranti, esortiamo la vostra amministrazione a non apportare modifiche all’attuazione del Titolo 42 fino a quando non sarete completamente pronti per eseguire e coordinare un piano completo che garantisca una sicurezza , ordinato e umano processo al confine”, affermano.

È ampiamente riportato che l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di porre fine al titolo 42 – un ordine dell’era Trump implementato nel marzo 2020 che consente la rapida espulsione dei migranti al confine a causa della pandemia di COVID-19 – quando dovrebbe essere rinnovato il prossimo fine settimana.

L’amministrazione Biden ha mantenuto l’ordinanza, con alcune limitazioni, e l’ha utilizzata per espellere circa la metà dei migranti che arrivano al confine ogni mese. Sebbene entrambe le amministrazioni abbiano affermato che si trattava di un ordine di salute pubblica, in realtà è stato utilizzato come politica chiave per l’immigrazione, in particolare durante l’ondata di migranti del 2021.

Ciò ha fatto infuriare gli attivisti dell’immigrazione e alcuni dei massimi democratici, incluso il leader della maggioranza al Senato.

Il DHS bandisce il volontariato per i dipendenti al confine meridionale tra i “grandi numeri” di migranti

“Il titolo 42 è stato a dir poco disastroso per le famiglie di immigrati in cerca di asilo dagli orrori nei loro paesi”, ha detto Schumer in una telefonata questo mese con i giornalisti, secondo Rapporto di frontiera. “È inaccettabile che questa politica continui ad essere utilizzata indiscriminatamente per allontanare i migranti con valide richieste di rifugiato dal nostro confine meridionale”.

“Continuo a essere deluso, profondamente deluso dalla risposta dell’amministrazione. Il titolo 42 va contro tutto ciò che rappresenta questo paese”, ha detto Schumer.

Ma altri, compresi quelli all’interno dell’amministrazione, sono preoccupati che il paese stia affrontando un’altra ondata di migranti nei mesi primaverili ed estivi che potrebbe superare i già massicci numeri visti l’anno scorso.

“Una brusca fine del Titolo 42 senza un piano completo in movimento aumenterebbe in modo significativo la pressione sul DHS, le comunità di confine e le organizzazioni non profit locali che sono già vicine o al limite”, affermano Sinema e Kelly.

Febbraio 2022: il sen.  Mark Kelly (D-AZ) parla durante una conferenza stampa dopo il pranzo politico settimanale del caucus democratico a Washington, DC.  (Foto di Win McNamee/Getty Images)

Febbraio 2022: il sen. Mark Kelly (D-AZ) parla durante una conferenza stampa dopo il pranzo politico settimanale del caucus democratico a Washington, DC. (Foto di Win McNamee/Getty Images)

Ci sono stati 164.973 incontri a febbraio, rispetto ai 101.099 di febbraio dello scorso anno. Il Washington Post segnalato questa settimana i dati preliminari della protezione delle dogane e delle frontiere (CBP) indicano che le autorità sono sulla buona strada per averne incontrate più di 200.000 a marzo e che i funzionari temono un “evento di migrazione di massa”.

Fox News ha riferito la scorsa settimana che il DHS ha lanciato un appello per i volontari, mentre mercoledì un alto funzionario del Pentagono ha confermato che il DHS aveva chiesto ulteriore supporto al Dipartimento della Difesa a causa di un potenziale aumento dei numeri.

Sinema e Kelly dicono a Biden che finora non hanno visto prove che il DHS abbia sviluppato un piano per “mantenere un processo umano e ordinato” se il titolo 42 finisce.

Pur affermando che l’autorità di emergenza “non dovrebbe essere in vigore a tempo indeterminato”, avvertono anche che “il caos alla frontiera in uno scenario post-Titolo 42 influisce negativamente anche sulla sicurezza dei migranti e potrebbe ulteriormente mettere a dura prova un sistema sanitario già sopraffatto al frontiera.”

23 febbraio 2022: Richiedenti asilo provenienti da Guatemala, Cuba e Colombia salgono a bordo di un autobus per una struttura di immigrazione statunitense nelle prime ore del mattino a Yuma, Arizona, Stati Uniti, il 22 febbraio 2022. (Foto di Katie McTiernan/Anadolu Agency via Getty Images )

23 febbraio 2022: Richiedenti asilo provenienti da Guatemala, Cuba e Colombia salgono a bordo di un autobus per una struttura di immigrazione statunitense nelle prime ore del mattino a Yuma, Arizona, Stati Uniti, il 22 febbraio 2022. (Foto di Katie McTiernan/Anadolu Agency via Getty Images )

“Data la dipendenza prolungata dal titolo 42 e il continuo numero elevato di migranti che attraversano il confine, qualsiasi modifica all’autorità richiede una pianificazione preliminare solida e pragmatica, comunicazioni chiare con le comunità di confine e le parti interessate e dispiegamento anticipato di risorse aggiuntive”, affermano.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

I legislatori aggiungono che i leader del governo locale e le organizzazioni della comunità in Arizona non sono stati consultati su eventuali modifiche all’ordine:

“Fino a quando l’amministrazione non farà quel tipo di consultazione con i leader del governo locale e le organizzazioni non profit lungo il confine, è prematuro prendere in considerazione modifiche alle autorità del titolo 42”, affermano.

Leave a Comment