I rivali repubblicani attaccano Greitens sullo scandalo sessuale poiché l’ex governatore rimane provocatorio


Jefferson City, Mo.
CNN

La corsa repubblicana al Senato del Missouri è iniziata ufficialmente martedì, quando i candidati hanno presentato le loro campagne e hanno rapidamente puntato gli occhi sull’ex governatore. Eric Greitens, l’apparente capofila che si è dimesso nel 2018 a causa di uno scandalo sessuale e delle accuse di cattiva condotta elettorale.

Rappresentante. Vicky Hartzler ha detto che Greitens ha portato “vergogna e disgrazia” al suo stato. Il procuratore generale dello Stato Eric Schmitt ha affermato che le dimissioni di Greitens “hanno lasciato molte domande… senza risposta”. Rappresentante. Billy Long ha detto che se Greitens fosse il candidato del GOP al Senato del Missouri, il Partito Repubblicano dovrebbe spendere decine di milioni di dollari per “trascinarlo oltre il traguardo”. Il presidente del Senato statale Dave Schatz ha affermato che Greitens è “inadatto a ricoprire una carica”. L’avvocato Mark McCloskey ha detto che il “personaggio di base” di Greitens è “scioccante”.

E Jack Danforth, ex senatore del GOP del Missouri per quasi due decenni, è così allarmato dal campo del GOP che ora sta cercando un’alternativa.

Greitens ha poca considerazione per i suoi oppositori repubblicani e per coloro che temono che la sua candidatura possa mettere in pericolo la possibilità del partito di riprendersi il Senato quest’anno.

In un’intervista con la CNN, l’ex governatore è stato provocatorio, affermando di non aver fatto “assolutamente” nulla di male al suo ex parrucchiere, che ha affermato di averla legata, costretta a fare sesso orale e minacciata di ricattarla con foto parzialmente nude per coprire loro affare.

“Quello che è stato assolutamente chiaro al 100% ora, dall’inizio, è che il mainstream (media) e la sinistra hanno lavorato insieme per mentire”, ha detto Greitens.

Nel 2018, l’allora Gov. Greitens ha dovuto affrontare richieste di impeachment da parte del legislatore statale controllato dal GOP e un’accusa penale – violazione della privacy – relativa all’affare del 2015, che ha ammesso mentre confutava l’accusa di ricatto. È stato accusato separatamente di un altro reato – manomissione di dati informatici – per presunto uso improprio dell’elenco dei donatori di un ente di beneficenza di veterani per la sua campagna governativa del 2016.

La speranza di Greitens in un ritorno politico si basa sul seguire un playbook trumpiano: convincere il Missouri che lui, il presunto colpevole, è una vittima. Sottolinea che le accuse penali sono state ritirate. Un ex agente dell’FBI che indagava sul presunto ricatto è stato successivamente incriminato per falsa testimonianza e manomissione di prove fisiche. Un pannello etico del Missouri non ha trovato “nessuna prova di alcun illecito” da parte di Greitens nella sua indagine sulla cattiva condotta della campagna, sebbene abbia posto fine alla sua campagna per non aver riportato contributi in natura.

Eppure il suo accusatore non ha mai ritrattato le sue accuse di cattiva condotta sessuale, che sono state dettagliate in un’indagine della Camera di stato guidata dal GOP che alla fine ha portato alle sue dimissioni.

Martedì, Greitens ha detto alla CNN di essersi dimesso per i suoi due figli. Lui e sua moglie hanno annunciato nel 2020 che avrebbero divorziato.

“Era la cosa che dovevo fare per le persone che amo di più, in particolare per i miei ragazzi, date quelle tremende bugie e l’enorme pressione che era sui miei figli”, ha detto Greitens. “Era la cosa giusta da fare. E sai cosa è bello? È che a volte Dio ti consegnerà il dolore e dall’altra parte troverai la saggezza. A volte ti consegnerà la sofferenza e dall’altra parte trovi la forza”.

I suoi oppositori repubblicani hanno chiaramente una visione diversa. Hartzler ha anche detto martedì che non avrebbe votato per lui se Greitens avesse vinto la gara delle primarie.

“Sono un vero conservatore. Non è prudente legare una donna nel seminterrato e aggredirla e portare vergogna e disonore al nostro stato, e lo ha fatto”, ha detto Hartzler. “Missouri merita di meglio, e quindi questo è uno dei motivi per cui corro”.

Prima degli scandali, Greitens, un ex Navy SEAL, era una stella nascente all’interno del Partito Repubblicano. Nella corsa al Senato, si è completamente allineato con l’ex presidente Donald Trump. Ha diffuso la bugia secondo cui Trump ha vinto le elezioni presidenziali del 2020, ha detto che non avrebbe sostenuto il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell per il leader del GOP del Senato e ha recentemente visitato Mar-a-Lago, la località di Trump in Florida, dove ha incontrato Donald Trump Jr. e Kimberly Guilfoyle, che consiglia la sua campagna al Senato.

Greitens ha persino cercato di legare la sua esperienza a Trump e al giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh, che hanno entrambi affrontato accuse di aggressione sessuale che hanno negato.

“Sono così grato perché ora ho la chiarezza per vedere cosa ha dovuto sopportare il presidente Trump con la bufala della collusione russa, cosa è successo con tutte le bugie su Brett Kavanaugh”, ha detto.

Greitens beneficia di un ampio campo di candidati e di un sistema elettorale in cui il vincitore delle primarie deve solo ottenere una pluralità di voti. Tutti sono repubblicani pro-Trump che cercano con impazienza l’approvazione dell’ex presidente.

Long ha detto martedì di aver ricevuto un messaggio vocale da Trump, indossava una cravatta firmata da lui, portava nel taschino una falsa banconota da $ 45 con una foto di Trump e lo ha definito “il più grande presidente di sempre”. McCloskey ha detto di aver fatto una campagna per Trump nel 2020 in Pennsylvania. Hartzler, che ha ottenuto una spinta dopo essersi assicurato l’approvazione del senatore GOP del Missouri. Josh Hawley, lunedì ha parlato con Trump e ha detto che le ha detto: “Continua così”.

Tra i principali candidati repubblicani al Senato del Missouri, solo Schatz ha respinto le false affermazioni di Trump secondo cui le elezioni del 2020 gli erano state rubate. Hartzler e Long hanno votato nel 2021 per non certificare i risultati in Pennsylvania e Arizona, dove ha vinto il presidente Joe Biden. Long ha difeso un annuncio che diceva che “fermerebbe i Democratici dal rubare un’altra elezione”, anche se è stato rimosso da YouTube per aver diffuso disinformazione.

Schmitt ha dichiarato martedì di aver mantenuto la sua decisione di firmare una causa in Texas del 2020 per invalidare i risultati degli stati oscillanti che Trump ha perso, che è stata respinta dalla Corte Suprema sulla base del fatto che il Texas non era in grado di citare in giudizio. Il procuratore generale dello stato ha rifiutato di rispondere a una domanda sul furto delle elezioni.

Alla domanda se fosse d’accordo con la menzogna di Trump secondo cui le elezioni sono state rubate, Greitens ha detto alla CNN: “Sono d’accordo con il presidente. Sì, certamente.”

Altri candidati hanno messo in dubbio la legittimità delle elezioni anche se non ci sono prove di una diffusa frode elettorale.

“Non credo che lo sapremo mai a causa di tutte le incongruenze e le cose che sono successe”, ha detto Hartzler.

“Credo che quando i media mainstream dicono, ‘questa è stata l’elezione più sicura e onesta nella storia dell’America’, quando le persone vanno a questo tipo di estremi, in genere è vero il contrario”, ha detto McCloskey.

Solo Schatz ha respinto.

“Non ho visto personalmente prove che ci portino a credere che sia stato ‘rubato'”, ha detto Schatz.

“Ma dobbiamo concentrarci sulle prossime elezioni, e non sull’ultima. È lì che dobbiamo guardare avanti”.

Alcuni all’interno del GOP hanno cercato di aumentare i candidati contro Greitens. Nelle ultime settimane, Hawley e il senatore. Ted Cruz del Texas ha approvato rispettivamente due degli avversari di Greitens: Hartzler e Schmitt. E martedì i candidati hanno acuito i loro attacchi a Greitens.

“Ci sono molte domande che sono rimaste senza risposta quando se ne è andato e quindi quello sarà il suo lavoro nella campagna”, ha affermato Schmitt di Greitens. “Il mio obiettivo rimane lo stesso, che è ricordare alle persone tutto il lavoro che stiamo facendo per difenderle, per proteggere i valori del Missouri”.

Schmitt ha anche detto che era diverso da Greitens perché “Non lascerò mai il Missouri”.

McCloskey, che ha guadagnato notorietà per aver puntato le pistole contro i manifestanti di Black Lives Matter dal cortile della sua villa di St Louis un paio di anni fa, ha detto che “ovviamente tutti” hanno preoccupazioni sul fatto che Greitens diventi il ​​candidato del GOP al Senato. Ha detto che chiunque può leggere il rapporto del comitato investigativo speciale della Camera di stato.

“Non devi ascoltare le notizie. Non devi ascoltare per girare. Basta leggere quelle 23 pagine”, ha detto McCloskey. “Scoprirai che non c’è esonero, perché mostra il suo carattere di base in un modo che penso sarebbe scioccante per la persona media se lo leggesse”.

Alcuni repubblicani affermano che qualsiasi candidato del GOP che vincerà la campagna delle primarie sconfiggerà il candidato democratico nel Missouri, dove Trump ha vinto di oltre 15 punti percentuali nel 2020. Entrambi i senatori del Missouri – Hawley e il senatore. Roy Blunt, il cui imminente ritiro ha creato la battaglia per il seggio aperto, sono repubblicani.

“Non ho dubbi che chiunque vinca le primarie repubblicane vincerà le elezioni generali”, ha affermato Missouri GOP Rep. Jason Smith.

Long ha detto che avrebbe sostenuto il candidato repubblicano al Senato del Missouri, ma ha avvertito che se Greitens avesse vinto le primarie, il partito avrebbe dovuto dirottare decine di milioni di dollari da altre razze per aiutarlo a sconfiggere il candidato democratico in uno stato rosso. Long ha detto di aver detto a Trump ad agosto che il partito potrebbe invece spendere quei soldi per sconfiggere i senatori democratici in Arizona o in Georgia.

“Non è che non sia eleggibile, ma spenderemo $ 40, 50 milioni, lo è il Partito Repubblicano, per cercare di trascinarlo oltre il traguardo”, ha detto Long.

Florida Sen. Rick Scott, presidente del Comitato senatoriale repubblicano nazionale, lunedì ha dichiarato alla CNN di aver sentito le preoccupazioni su Greitens come potenziale candidato del GOP al Senato del Missouri.

“Abbiamo persone fantastiche che corrono nel Missouri”, ha detto Scott. “Nel mio ruolo di presidente dell’NRSC, ci sono molte persone che hanno espresso alcune preoccupazioni sul motivo per cui Eric Greitens si è dimesso, ma gli elettori prenderanno una decisione. … È compito dell’NRSC supportare la decisione degli elettori”.

Alla domanda se avesse personalmente delle preoccupazioni sulla candidatura di Greitens, Scott ha risposto: “Non ho intenzione di interferire con le primarie”.

Danforth, l’ex senatore del Missouri ed ex ambasciatore alle Nazioni Unite, ha detto alla CNN che nessuno degli attuali candidati si rivolge a lui e sta cercando un contendente indipendente. Ha affermato che i messaggi dei candidati al Senato repubblicano sono “diretti in modo così esclusivo alla cosiddetta ‘base’ del partito che tutti gli altri vengono semplicemente trattati come fuori a pranzo”.

“Vedono il paese come una guerra”, ha aggiunto Danforth. “Vedono gli americani come alleati o nemici. Ed è molto distruttivo per il nostro paese – molto distruttivo – perché ciò che l’America è, e ciò che l’America aspira ad essere, è un paese in cui in qualche modo tutti i tipi di persone diverse – con la loro meravigliosa diversità, i loro meravigliosi punti di vista e interessi e opinioni – in qualche modo convivono”.

I democratici sperano che il loro candidato al Senato, sia che si tratti dell’ex senatore statale. Scott Sifton, il veterano dei Marine Lucas Kunce o un altro candidato, hanno la possibilità di correre contro Greitens a novembre.

“Il tizio è un falso”, ha detto Kunce alla CNN di Greitens.

.

Leave a Comment