I repubblicani del Texas hanno visto record di affluenza e guadagni nelle aree ispaniche nelle primarie di martedì.

E a Laredo, aspre primarie democratiche tra Rep. Henry Cuellar e la sfidante di sinistra Jessica Cisneros si estenderanno fino al ballottaggio di maggio, alimentando le speranze dei repubblicani di ribaltare il seggio per costruire sui guadagni del 2020 nel Texas meridionale tradizionalmente democratico e nella Valle del Rio Grande.

“È molto difficile guardare all’andamento dell’affluenza alle urne ieri, all’aspetto di molte di queste gare, e concludere che i Democratici sono in marcia in modo serio”, James Henson, direttore del Texas Politics Project presso l’Università del Texas ad Austin, ha detto mercoledì. “Stanno ancora artigliando la parete rocciosa cercando di non cadere all’indietro.”

Entro mercoledì pomeriggio, con il conteggio della maggior parte delle schede elettorali, più di 1,9 milioni di elettori avevano partecipato alle primarie statali del GOP, un record per il partito politico dominante dello stato in un anno di medio termine. Poco più di 1 milione di texani ha votato per i democratici, superando leggermente l’affluenza del partito alle ultime primarie di medio termine, quattro anni fa, mentre i repubblicani hanno ottenuto quasi 400.000 voti in più rispetto al totale del 2018.

“Porteremo il voto ispanico a novembre”, ha detto Dave Carney, uno stratega di Abbott, in una telefonata di mercoledì mattina con i giornalisti. “I repubblicani, per avere un futuro a lungo termine, devono includere la gran parte dei texani ispanici che ideologicamente e filosoficamente concordano con le nostre posizioni”.

Parte del vantaggio del GOP è stato stimolato dalle sue primarie contestate, con Abbott che ha affrontato più noti oppositori e il procuratore generale Ken Paxton è stato costretto a un ballottaggio del 24 maggio con il commissario della terra George P. Bush dopo una campagna multicandidata.

I democratici hanno tenuto meno concorsi di alto profilo per spingere l’interesse degli elettori, senza una seria sfida al candidato governatore Beto O’Rourke e ai candidati meno conosciuti che hanno scartato il voto. I risultati di martedì li hanno lasciati riporre la maggior parte delle loro speranze sui candidati che sono scivolati verso le loro nomination, tra cui O’Rourke, l’ex membro del Congresso e candidato alla presidenza senza successo al Senato.

Brandon Rottinghaus, professore di scienze politiche all’Università di Houston, ha affermato che man mano che le campagne vengono nazionalizzate e i candidati vengono visti come filiali dei potenti partiti nazionali, è diventata “una vendita difficile convincere i texani a credere che il Partito Democratico non sia troppo lontano A sinistra.”

“O’Rourke è il gioco della palla. Se non fa bene, non se la cavano bene”, ha detto Rottinghaus, riferendosi ai democratici a voto negativo. “Se Abbott riesce a dipingerlo come troppo liberale per il Texas, allora sono tutti troppo liberali per il Texas”.

Dopo essersi assicurato la nomination democratica con circa il 91 per cento dei voti, O’Rourke ha detto che avrebbe corso su tre questioni economiche fondamentali e avrebbe lasciato le guerre culturali ai repubblicani.

“Ottimi lavori, scuole di prim’ordine, Medicaid in espansione”, ha detto O’Rourke ai giornalisti a Fort Worth martedì sera. “Questo sarà il punto focale.”

I guadagni repubblicani si basavano in parte su anni di sensibilizzazione del GOP a sud di San Antonio, inclusa un’ondata di reclutamento di candidati per dozzine di uffici locali che il partito non aveva mai contestato prima.

Nel 15° distretto congressuale, che si estende per più di 200 miglia per collegare la città di confine di McAllen alla grande San Antonio, la repubblicana Monica De La Cruz ha vinto la nomination del partito senza ballottaggio. Sono stati espressi più voti in quelle primarie, per un distretto portato per poco da Trump nel 2020, che in qualsiasi precedente concorso del GOP per il seggio.

Da McAllen maggioranza ispanica Nella contea di Hidalgo, sono stati espressi almeno 15.042 voti alle primarie del GOP per il governatore: il doppio dell’affluenza alle urne nel 2018 e quasi il triplo dell’affluenza repubblicana quattro anni prima.

“Molte persone fraintendono il Texas meridionale”, ha detto in un’intervista prima delle primarie il sindaco di McAllen Javier Villalobos, un repubblicano che ha vinto le sue elezioni apartitiche l’anno scorso. “Pensano che la comunità ispanica riguardi l’apertura delle frontiere e il coinvolgimento delle persone. Posso assicurarti che la comunità ispanica locale non lo vuole”.

I democratici avevano osservato con cautela il reclutamento e la strategia della campagna del GOP, cercando di separare i loro candidati locali da aspetti del partito nazionale che non sono apprezzati dai texani conservatori. Mario Munoz, che ha vinto una corsa incontrastata per la presidenza del Partito Democratico nella contea di Brooks, ha detto di aver visto “molti movimenti a destra” anche all’interno della sua stessa famiglia.

“C’è molta paura. C’è questa idea che i Democratici prenderanno le loro pistole e renderanno i loro ragazzi queer. Le pistole sono un grosso problema lì. L’aborto e la religione in generale sono un grosso problema. E l’immigrazione”, ha affermato Munoz, 37 anni, specialista in gestione strategica delle iscrizioni presso la Texas A&M University di Kingsville. “In passato potevi essere un democratico conservatore. Ora le cose sono diventate così polarizzate che i repubblicani non lo accettano”.

Alcuni democratici hanno contestato questa visione dei risultati. Nel 2020 il sen. Bernie Sanders (I-Vt.) ha perso le primarie presidenziali del Texas vincendo facilmente nella Valle del Rio Grande e portando il voto ispanico sul vincitore dello stato e eventuale candidato Joe Biden. I Democratici di sinistra hanno visto i guadagni repubblicani nella regione come risultato della debole organizzazione democratica locale e delle questioni a cuneo, e ha sostenuto che il loro partito potrebbe vincere con una strategia in stile Sanders: campagne populiste incentrate su Medicare-for-all e sull’equità economica.

“Ricevo commenti del tipo: Oh, cavolo, sei un progressista nel sud del Texas? Deve essere difficile”, ha detto Michelle Vallejo, un uomo d’affari di 30 anni che ha vinto il secondo posto nel ballottaggio democratico per il 15° Distretto del Congresso. “Ma stiamo davvero parlando dei problemi che le persone stanno vivendo giorno dopo giorno, in modo costruttivo”.

Quel ballottaggio e la gara nel 28° Distretto del Congresso potrebbero mettere alla prova quella teoria. Nel 2020, Cisneros ha quasi sconfitto Cuellar; due mesi fa, poco prima dell’inizio delle votazioni anticipate, l’FBI ha perquisito la casa e l’ufficio della campagna elettorale di Cuellar, nell’ambito di un’indagine per corruzione con la quale il membro del Congresso ha affermato di non avere alcun legame.

Cisneros e i gruppi nazionali di sinistra hanno visto il raid dell’FBI come un nuovo potente problema da usare contro Cuellar, colpendolo duramente con gli spot televisivi. Cuellar, che non ha annunciato interruzioni della campagna dopo il raid, ha usato la sua stessa pubblicità per accusare Cisneros di sostenere le “frontiere aperte” e di minare l’economia delle forze dell’ordine del distretto.

Quella campagna ha dato a Cuellar una tregua e il posto in testa al ballottaggio del 24 maggio quando ha quasi sconfitto Cisneros a titolo definitivo; un terzo candidato ha preso il 5% dei voti, negando la maggioranza a uno dei primi due classificati. I repubblicani hanno affermato che il distretto, che ha ottenuto Biden di sette punti nel 2020, sarebbe stato un obiettivo a novembre, dopo che un incumbent danneggiato e uno sfidante che ha perso nelle contee più conservatrici del distretto hanno speso le loro casse di guerra per determinare il candidato.

“Non importa se i repubblicani affronteranno Cisneros socialisti o Crooked Cuellar a novembre”, ha affermato Torunn Sinclair, portavoce del National Republican Congressional Committee. “[This district] è un’opportunità di ritiro di alto livello.

I democratici hanno sottolineato che, nonostante l’avanzata del GOP, i repubblicani hanno ottenuto meno voti di quelli che hanno ottenuto nel sud del Texas.

“Questo è davvero un distretto democratico sicuro”, ha detto Pedro Lira, il direttore della campagna del Texas Working Families Party, un gruppo di sinistra che ha lavorato per eleggere Cisneros. “Quando gli elettori la manderanno alle elezioni generali, gli elettori voteranno per una persona, non un frutto dell’immaginazione dei repubblicani”.

Il dilemma per i Democratici in Texas fa eco al loro problema a livello nazionale: la svolta a sinistra negli ultimi anni ha dato grandi frutti nel rafforzare il sostegno nelle aree urbane e suburbane, anche se dannoso in aree più rurali come il Texas meridionale. Ciò significa che le stesse strategie e posizioni che possono essere utili nelle gare di stato possono sopportare il fallimento in concorsi regionali come le campagne della Camera.

Rottinghaus ha sottolineato che i guadagni del GOP tra i latini delle regioni di confine sono stati di numero esiguo, se rappresentano aumenti percentuali notevoli. Nella contea di Starr, 15 persone hanno votato repubblicano nel 2018, rispetto a circa 1.700 per queste primarie: un enorme aumento ma una piccola frazione dei milioni di voti espressi nello stato.

Il veterano stratega democratico Matt Angle ha affermato che la migliore scommessa dei Democratici in Texas è riconquistare i moderati che sono passati ai repubblicani negli ultimi 25 anni, quando politici dell’establishment come l’ex governatore George W. Bush e l’ex senatore Kay Bailey Hutchison hanno rappresentato il partito.

“Quello è estinto”, ha detto Angle. “Non resta che il partito di Marjorie Taylor Greene e Donald Trump, che non credono nemmeno nella democrazia”.

Ma i prossimi ballottaggi potrebbero enfatizzare l’ala liberale del partito, con sgomento di alcuni democratici. Angle ha indicato la recente fermata della Rep. Alexandria Ocasio-Cortez (NY), campagna per Cisneros e un altro candidato liberale.

“AOC non era in Texas un minuto prima che Greg Abbott raccogliesse fondi dalla sua visita”, ha detto.

Mary Lee Grant di Falfurrias, Texas, ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment