I pubblici ministeri che guidano l’indagine sulla frode di Trump a New York si dimettono

I due pubblici ministeri che guidano l’indagine del procuratore distrettuale di Manhattan sull’ex presidente Donald J. Trump e le sue pratiche commerciali hanno improvvisamente rassegnato le dimissioni mercoledì durante una pausa di un mese nella presentazione delle prove a un gran giurì, secondo persone a conoscenza della questione. Lo straordinario sviluppo arriva non molto tempo dopo che l’inchiesta ad alto rischio sembrava prendere slancio e getta seri dubbi sul suo futuro.

I pubblici ministeri, Carey R. Dunne e Mark F. Pomerantz, hanno presentato le loro dimissioni dopo che il nuovo procuratore distrettuale di Manhattan, Alvin Bragg, ha indicato loro di avere dei dubbi sull’andare avanti con un caso contro Trump, ha detto la gente.

Il signor Pomerantz ha confermato in una breve intervista di essersi dimesso, ma ha rifiutato di approfondire. Il signor Dunne ha rifiutato di commentare.

Senza l’impegno del signor Bragg ad andare avanti, i pubblici ministeri alla fine del mese scorso hanno posticipato un piano per interrogare almeno un testimone davanti al gran giurì, ha detto una delle persone. Non hanno interrogato nessun testimone davanti al gran giurì per più di un mese, sospendendo essenzialmente le loro indagini per verificare se il signor Trump abbia gonfiato il valore dei suoi beni per ottenere condizioni di prestito favorevoli dalle banche.

Le ragioni precise del ritiro del signor Bragg sono sconosciute e da quando è entrato in carica ha rilasciato poche dichiarazioni pubbliche sullo stato dell’inchiesta. In una dichiarazione in risposta alle dimissioni dei pubblici ministeri, un portavoce del signor Bragg ha affermato che era “grato per il loro servizio” e che l’indagine era in corso.

Il tempo stringe per questo gran giurì, il cui mandato scadrà ad aprile. I pubblici ministeri possono chiedere ai giurati di votare per prolungare il loro mandato, ma generalmente evitano di farlo. Inoltre sono spesso riluttanti a impalare un nuovo gran giurì dopo che uno precedente ha ascoltato la testimonianza, perché i testimoni potrebbero fare dichiarazioni contrastanti se gli viene chiesto di testimoniare di nuovo.

E senza il signor Dunne, un veterano di alto rango dell’ufficio che è stato strettamente coinvolto nell’indagine per anni, e il signor Pomerantz, una figura di spicco nei circoli legali di New York che è stato arruolato per lavorarci, l’indagine lunga anni potrebbe peter fuori.

Le dimissioni, dopo la pausa di un mese, segnano un capovolgimento dopo che le indagini si erano recentemente intensificate. Cyrus R. Vance Jr., il predecessore del signor Bragg, ha convocato il gran giurì in autunno e i pubblici ministeri hanno iniziato a interrogare i testimoni prima che il suo mandato si concludesse alla fine dell’anno. (Il signor Vance non ha chiesto la rielezione.)

A metà gennaio, i giornalisti del Times hanno osservato attività significative legate alle indagini presso il tribunale di Lower Manhattan dove si riunisce il gran giurì, con almeno due testimoni che hanno visitato l’edificio e sono rimasti all’interno per ore.

I testimoni erano il contabile di lunga data del signor Trump ed esperto nel settore immobiliare, secondo persone che hanno familiarità con le apparizioni, che non sono state riportate in precedenza. Anche il signor Dunne e il signor Pomerantz hanno fatto apparizioni regolari in tribunale.

L’esplosione di attività ha offerto un segno che il signor Bragg stava andando avanti con la fase del gran giurì dell’indagine, un ultimo passo prima di chiedere le accuse.

Ma nelle ultime settimane quell’attività è cessata e il signor Dunne e il signor Pomerantz sono stati visti solo di rado.

La pausa coincide con un’escalation nell’attività di un’indagine civile parallela da parte del procuratore generale dello stato di New York, Letitia James, il cui ufficio sta esaminando alcuni degli stessi comportamenti del signor Trump.

La signora James, che la scorsa settimana ha ricevuto l’approvazione da un giudice per interrogare il signor Trump e due dei suoi figli adulti sotto giuramento, ha depositato documenti del tribunale descrivendo una serie di modi in cui l’Organizzazione Trump sembrava aver travisato il valore delle sue proprietà.

Ha concluso che la società si era impegnata in pratiche “fraudolente o fuorvianti” e, sebbene non abbia l’autorità per accusare penalmente il signor Trump, potrebbe citarlo in giudizio.

L’ufficio del signor Bragg deve soddisfare un livello più alto per avviare un procedimento penale e ha incontrato una serie di sfide nel perseguire Trump, inclusa la sua incapacità finora di persuadere i dirigenti della Trump Organization a collaborare.

Il signor Trump ha contestato l’idea di aver gonfiato i valori della sua proprietà o di aver frodato i suoi finanziatori e ha accusato il signor Bragg e la signora James, entrambi democratici neri, di essere politicamente motivati ​​e “razzisti”.

“Rappresento Donald Trump da oltre un anno in questo caso e non ho trovato alcuna prova che potrebbe portare a un procedimento giudiziario contro di lui, o alcun crimine”, ha detto un avvocato di Trump, Ronald P. Fischetti. “Spero che il signor Bragg esaminerà di nuovo tutte le prove nel caso e dichiarerà che sta interrompendo tutte le indagini su Donald Trump”.

Mentre la presentazione al gran giurì del signor Bragg si è interrotta, un’altra seria indagine penale sull’ex presidente ha preso piede. Nelle ultime settimane, un procuratore distrettuale di Atlanta ha chiesto a un giudice di convocare un gran giurì per un’indagine sui tentativi del signor Trump di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020 in Georgia.

Un’altra indagine penale, nella contea di Westchester a New York, sta esaminando i rapporti finanziari del signor Trump in uno dei campi da golf della sua azienda.

L’indagine di Manhattan, che è andata avanti a singhiozzo per anni, è stata la più sviluppata delle tre inchieste penali sul signor Trump. Il risultato è stato l’accusa la scorsa estate di The Trump Organization e del suo chief financial officer di lunga data, Allen H. Weisselberg, con accuse fiscali separate.

Dopo aver annunciato tali accuse, i pubblici ministeri si sono concentrati su un argomento che ha suscitato molto dibattito nel corso degli anni: il patrimonio netto di Trump.

Si sono chiesti se Trump abbia frodato i suoi finanziatori – istituzioni finanziarie sofisticate come Deutsche Bank – gonfiando regolarmente il valore dei suoi beni, secondo quanto riportato in precedenza dal New York Times.

In particolare, i pubblici ministeri si sono concentrati sui rendiconti finanziari annuali che Trump ha fornito agli istituti di credito, esaminando se ha sopravvalutato i suoi vari hotel, mazze da golf e altre proprietà per ottenere i migliori termini di prestito possibili.

La società di contabilità del signor Trump, Mazars USA, ha compilato le dichiarazioni sulla base delle informazioni fornite dalla Trump Organization, portando i pubblici ministeri a chiedersi se la società avesse fornito ai suoi contabili dati fasulli.

All’inizio di questo mese, Mazars ha notificato alla Trump Organization che non avrebbe più ricoperto il ruolo di contabile e che non poteva più sostenere un decennio di bilanci di Trump.

Mazars ha affermato di non aver riscontrato, “nel complesso”, discrepanze sostanziali tra le informazioni fornite dall’organizzazione Trump e il vero valore dei beni del signor Trump.

Ma data quella che ha definito “la totalità delle circostanze” – comprese le sue indagini interne e i documenti del tribunale della signora James – Mazars ha incaricato la società di notificare a chiunque avesse ricevuto le dichiarazioni che “non dovrebbero essere invocate”.

Anche con la ritrattazione di Mazar, un procedimento penale sarebbe probabilmente difficile da provare. I documenti, noti come dichiarazioni della condizione finanziaria, contengono una serie di disclaimer, compresi i riconoscimenti che i contabili del signor Trump non avevano né verificato né autenticato le sue affermazioni.

E finora i pubblici ministeri non sono stati in grado di convincere il direttore finanziario di lunga data di Trump a collaborare con le indagini, privandoli del tipo di testimone privilegiato la cui testimonianza può essere cruciale per complicati casi penali dei colletti bianchi.

Anche gli istituti di credito del signor Trump potrebbero non fare vittime comprensive con una giuria. Gli istituti di credito, che hanno guadagnato milioni di dollari di interessi dal signor Trump, hanno condotto le proprie valutazioni dei suoi beni.

Nonostante le difficoltà, i pubblici ministeri erano andati avanti.

In autunno, il signor Vance ha convocato quello che è noto come un gran giurì speciale, una giuria di 23 residenti di Manhattan, scelti a caso, per ascoltare casi complessi come quello che coinvolge il signor Trump. Nel corso dei mesi, i giurati avrebbero dovuto incontrarsi in segreto per ascoltare le testimonianze dei testimoni ed esaminare altre prove presentate dai pubblici ministeri.

I gran giurì speciali durano sei mesi e, alla fine di queste presentazioni, i pubblici ministeri in genere ordinano ai giurati di votare se esiste una “ragionevole causa” per ritenere che la persona possa essere colpevole. Sebbene non sia una conclusione scontata che un gran giurì incrimini l’obiettivo di un’indagine, tali comitati votano regolarmente per portare le accuse richieste dai pubblici ministeri.

Alla fine dell’anno scorso, il gran giurì ha ascoltato la testimonianza del contabile del signor Trump a Mazars sul bilancio annuale del signor Trump, secondo quanto riportato in precedenza dal Times. Subito dopo, i pubblici ministeri hanno interrogato due redattori di Forbes Magazine, che ha stimato il patrimonio netto di Trump nel corso degli anni per la sua lista di miliardari.

Il contabile ha testato di nuovo il mese scorso, hanno detto persone a conoscenza dell’aspetto.

Il giorno dopo, i pubblici ministeri hanno interrogato un esperto immobiliare specializzato in valutazioni immobiliari, secondo persone a conoscenza di quell’aspetto. Il testimone lavora per la società di consulenza FTI, che l’ufficio del procuratore distrettuale ha assunto nel 2020 per aiutare ad analizzare i documenti finanziari del signor Trump.

Nei giorni successivi a questa testimonianza, i pubblici ministeri hanno schierato almeno un altro testimone per comparire davanti al gran giurì. Ma alla fine del mese scorso, hanno rinviato la testimonianza, secondo una delle persone a conoscenza della questione.

Se il signor Bragg alla fine chiude le indagini, potrebbe affrontare ricadute politiche a Manhattan, dove il signor Trump è generalmente detestato. E il procuratore distrettuale ha già avuto un inizio difficile per il suo incarico, dopo che una nota che ha pubblicato in cui delineava le sue politiche per l’ufficio è stata accolta con un furioso respingimento da parte di funzionari locali, piccole imprese e pubblico.

Mr. Bragg, che ha prestato giuramento il gen. 1 — è un ex procuratore federale e veterano dell’ufficio del procuratore generale dello Stato di New York, dove ha supervisionato il contenzioso civile contro il signor Trump e la sua amministrazione sotto il predecessore della signora James.

L’indagine penale del procuratore distrettuale sul signor Trump è iniziata nell’estate del 2018 sotto il signor Vance, che inizialmente ha esaminato il ruolo dell’Organizzazione Trump nel pagare soldi segreti a un’attrice pornografica che ha affermato di avere una relazione con il signor Trump.

L’inchiesta è nata da un caso federale contro l’ex riparatore del signor Trump, Michael D. Cohen, che si è dichiarato colpevole di aver organizzato il silenzio dei soldi e ha detto di averlo fatto sotto la direzione del signor Trump.

Il fulcro dell’indagine si è spostato dopo che il signor Vance, nel 2019, ha citato in giudizio Mazars per le copie delle dichiarazioni dei redditi del signor Trump. Il signor Trump ha citato in giudizio per bloccare la citazione, scatenando un’aspra battaglia legale durata 18 mesi che ha visto l’ex presidente portare il caso alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dove ha perso due volte.

Il signor Dunne, che ha servito come consigliere generale del signor Vance ed è rimasto ad aiutare il signor Bragg nelle indagini su Trump, ha discusso il caso davanti alla Corte Suprema. E nel periodo in cui i pubblici ministeri hanno ricevuto i documenti fiscali del signor Trump, il signor Vance ha reclutato il signor Pomerantz, un importante ex pubblico ministero e avvocato difensore, per aiutare a condurre le indagini.

Leave a Comment