I pezzi di carta che porta questa suora rivelano le storie nascoste del confine tra Stati Uniti e Messico

“È una vita, ognuno di loro”, dice Pimentel.

Pimentel, uno dei più noti sostenitori dei migranti nella Valle del Rio Grande e direttore della Catholic Charities della regione, aiuta a gestire centri di sollievo e rifugi religiosi, come il Senda de Vida di Reynosa, su entrambi i lati del confine, prendendosi cura di migliaia di persone.

Il risultato nelle città di confine è sconcertante da vedere. I rifugi sono pieni di persone disperate. Ci sono anche tendopoli dove alcuni dormono con solo teli sopra la testa, senza sapere da dove verrà il loro prossimo pasto.

Si trovano in condizioni che rendono i migranti vulnerabili – molti dei quali fuggono da violenze ed estorsioni nei loro paesi d’origine – facili prede delle organizzazioni criminali.

Ma la loro situazione potrebbe presto cambiare: il recente annuncio dell’amministrazione Biden che abolirà le restrizioni sulla salute pubblica al confine significa che i migranti potrebbero avere la possibilità di attraversare senza dover affrontare l’espulsione immediata.

Secondo Pimentel, più di 7.000 migranti, principalmente dal Centro America e Haiti, stanno aspettando a Reynosa la revoca del titolo 42. È in contatto con il direttore del porto dell’Hidalgo International Bridge per coordinare un passaggio sicuro per loro: i dettagli sono ancora in fase di elaborazione, afferma Pimentel.

Almeno una volta alla settimana, Pimentel visita Senda de Vida. Non sa perché i migranti le consegnano gli appunti, ma porta le loro storie e le loro richieste di aiuto a Dio, che lei chiama il suo “capo”.

“Dico solo al mio capo, dico: ‘È la tua gente. Devi guidarmi e dirmi cosa devo fare per aiutarli. Se pensi che possiamo, mostrami la strada'”, dice Pimentel.

Ora, c’è una rinnovata speranza tra quelli al rifugio – per la fine della loro agonizzante attesa e, finalmente, un colpo al sogno americano.

Quasi 10.000 casi di violenza contro i migranti

Molti dei migranti al rifugio sono stati espulsi dalle autorità statunitensi per l’immigrazione ai piedi del ponte internazionale che collega Hidalgo, in Texas, e Reynosa, in Messico. È una piazza pericolosa, secondo Pimentel.

“È uno spazio che non è protetto”, dice. “I bambini non sono al sicuro; possono essere presi (rapiti) o il più piccolo potrebbe essere violentato”.

Una donna migrante da El Salvador, che la Cnn chiamerà Matilde, scoppia a piangere mentre parla della piazza. (Pimentel ha chiesto alla CNN di non nominare i migranti a causa dei pericoli che devono affrontare a Reynosa e nei loro paesi d’origine.)

Alcuni mesi fa, la piazza è stata occupata da uomini pesantemente armati che indossavano maschere, dice Matilde. Descrive come sua figlia di 9 anni tremava di paura mentre l’acquisizione si svolgeva.

Matilde vede ancora sua figlia rispondere al trauma di quel giorno, anche se il tempo è passato, aggiunge.

“A volte, mentre dorme, trema e salta in piedi per la paura. Credimi, abbiamo attraversato così tante cose durante il nostro viaggio (e) in piazza”, dice.

Ci aspettiamo un forte aumento dei migranti al confine tra Stati Uniti e Messico.  Ma questa volta è diverso
Da quando il presidente Biden è entrato in carica, Human Rights First ha identificato quasi 10.000 casi di rapimento, tortura, stupro o altri attacchi violenti a persone bloccate o espulse in Messico ai sensi del titolo 42.

L’amministrazione Trump ha messo in atto il titolo 42 durante i primi giorni della pandemia, sostenendo che la politica avrebbe fermato la diffusione del Covid-19, un’affermazione messa in dubbio da alcuni esperti di salute pubblica. Molti sostenitori si aspettavano che il presidente Biden avrebbe revocato l’ordine quando è entrato in carica, date le promesse della sua campagna di costruire un sistema di immigrazione più umano. Invece, la sua amministrazione ha difeso la controversa politica per mesi in tribunale.

Il rifugio Senda de Vida a Reynosa è operativo da quasi tre decenni, secondo suor Norma Pimentel.
Non è stato fino a marzo 2022 – più di un anno dopo la sua presidenza – che i funzionari hanno annunciato che la politica sarebbe stata revocata. Ciò ha suscitato preoccupazione tra i politici statunitensi su entrambi i lati del corridoio, che temono che l’amministrazione Biden non abbia un piano sufficiente per gestire il previsto aumento dei migranti al confine.

Ma qui a Reynosa, il tempo è una delle principali preoccupazioni per i richiedenti asilo. I migranti affrontano il pericolo ogni giorno, dice Pimentel, e non c’è abbastanza spazio per rifugiarsi per tenerli al sicuro.

Il numero di migranti a Reynosa è fluido e cambia di giorno in giorno, secondo Pimentel. Stima che circa 3.000 migranti risiedano attualmente nella piazza, alcuni con solo un telo per proteggerli dalle intemperie e poco per proteggerli da altri pericoli in questa città di confine.

I migranti stanno aiutando a costruire un nuovo rifugio mentre aspettano

Il volto di una donna honduregna si illumina mentre mostra con orgoglio la sua pala. Fa parte di una squadra di migranti che aiuta Pimentel a costruire un nuovo rifugio più grande – con una capacità di 3.000 persone – mentre aspettano la possibilità di entrare negli Stati Uniti.

“Per me è un piacere aiutare gli altri”, dice la donna, che la CNN chiamerà Nora.

Nora dice di essere fuggita dall’Honduras dopo che le bande hanno picchiato una delle sue figlie così duramente che ha perso il bambino che stava portando. “Ho dovuto lasciare la mia casa”, dice Nora con voce rotta. “Non possiedo nulla.”

Il team di lavoratori edili migranti che aiutano a costruire un secondo rifugio si sveglia alle 5 del mattino per iniziare il loro turno di un giorno, dice Pimentel.

Sta aspettando al confine da più di un anno che il titolo 42 venga revocato, dice Nora.

Di recente, dice di aver notato che la situazione a Reynosa ha iniziato a cambiare.

Prima, la maggior parte dei migranti a Senda proveniva dall’America Centrale e dal Messico. Nelle ultime settimane, Nora afferma che anche gli ucraini hanno iniziato ad arrivare a Senda e che gli è stato permesso di attraversare il confine dopo aver atteso solo pochi giorni.

La crisi dei rifugiati è molto più grande dell'Ucraina
Il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti ha recentemente emesso un promemoria in cui dice alle autorità di frontiera di considerare l’esenzione degli ucraini dal titolo 42 caso per caso. Ciò ha suscitato critiche sul fatto che gli Stati Uniti stiano applicando un doppio standard: far entrare gli ucraini mentre molti altri migranti disperati e in servizio sono costretti ad aspettare. Il capo del DHS ha negato tale accusa.

Nora dice di aver visto gli ucraini entrare negli Stati Uniti prima delle migliaia di altri dall’America Centrale, Haiti e altre nazioni che stavano aspettando da mesi. Ma Nora dice di non essere contraria all’esenzione.

“Siamo stati minacciati solo dalle bande”, spiega Nora. “In Ucraina c’è la guerra”.

“Dacci un’opportunità”

Per altri migranti, la lunga attesa è stata devastante.

Una donna porge a Pimentel un pezzo di carta e scoppia a piangere. “Non mi rendevo conto che il sogno americano si sarebbe trasformato in questo”, dice.

Pimentel ascolta attentamente mentre la donna spiega di aver lasciato il suo paese d’origine per riunirsi con suo figlio di 17 anni nella Carolina del Nord. Suo figlio, dice, voleva una vita migliore negli Stati Uniti, e cos’altro deve fare una madre?

Le parole d’addio della donna sono un messaggio per il presidente Biden: “Dateci un’opportunità”.

Biden cerca di tracciare un nuovo percorso al confine tra Stati Uniti e Messico, ma rimangono ostacoli simili

Pimentel piega il pezzo di carta e lo infila in una borsa con cerniera che porta al collo, insieme agli innumerevoli altri messaggi che ha ricevuto.

“Spero che qualcuno possa ascoltare la loro storia e sentire il fatto che stanno soffrendo e hanno bisogno di protezione”, dice Pimentel. “Questo è tutto ciò che chiedono.”

Catherine E. Shoichet della CNN ha contribuito a questo rapporto.

.

Leave a Comment